2 mesi con efexor

buongiorno a tutti...sto assumendo efexor 150 r.p. da quasi due mesi per uno stato ansioso che poi mi ha fatto andare in depressione.

per quanto riguarda l ansia sono due settimane che sto meglio...pero non ho nessuno stimolo ..esco solo con mio marito a volte anche controvoglia...quando lui lavora io sto a casa sola e non riesco ad uscire o di fare qualcosa a casa...ovvio che faccio qualcosa ma sempre controvoglia...e possibile che l efexor in due mesi abbia agito solo sul fattore ansioso e non su quelli depressivo ? il medico mi dice di aspettare ma sinceramente non essendo la prima volta che prendo efexor mi ricordo che nello scorso episodio sono stata meglio in poco piu di un mese..
[#1]
Dr. Manlio Converti Psichiatra, Psicoterapeuta 799 17 20
Purtroppo la psichiatria ed i suoi farmaci non hanno nulla di misurabile e di ripetibile in modo scientifico.
Faccia valutare al suo psichiatra l'ipotesi di aumentare il dosaggio farmacologico, visto che sono passati due mesi, o di cambiare tipologia di farmaco, ancorché entrambe queste soluzioni non siano di per sè una soluzione.
Lasciare lo stesso dosaggio dello stesso farmaco produrrà forse lo stesso effetto nello stesso tempo.
Non abbiamo modo di saperlo nè di rendere ripetibile nessuna esperienza in psichiatria.

Dr. Manlio Converti

[#2]
dopo
Utente
Utente
la ringrazio per la sua rapida risposta...io sarei favorevole ad aumentare il farmaco ma il mio dottore mi dice che secondo lui non e necessario...ormai non so piu cosa fare...senza che me lo dica lui non mi sento sicura ad aumentare la dose pero soni stufa di star cosi...vorrei provare fare un colloquio con un altro psichiatra ma i miei famigliari me l hanno sconsigliato perche dicono che poi magari mi cambia farmaco ed io non so chi ascoltare....
[#3]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 40.7k 990 63
Gentile utente

Se ritiene di non avere sufficiente miglioramento può sentire il parere di un altro specialista in psichiatria.

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#4]
Dr. Manlio Converti Psichiatra, Psicoterapeuta 799 17 20
Mantenere il rapporto con lo stesso psichiatra, manifestando dubbi e disagi, come sta facendo qua con me è necessario, a volte, perché anche lo psichiatra si decida a cambiare percorso.
Hanno ragione i suoi parenti, anche se lei ha diritto a cercare il parere di altri psichiatri, come dice il collega, e come sta già facendo qua da noi, è anche vero che questo può creare confusione, anche farmacologica.
Parli di nuovo col suo psichiatra, subito, spiegando il suo disagio e nel merito, cerchi subito di fare una lista delle cose che vorrebbe fare e gliela porti per discuterla insieme e condividere qualcosa di più del farmaco.
[#5]
dopo
Utente
Utente
un ultima domanda..poi non disturbo piu...durante il periodo mestruale e possibile un peggioramento ? grazie mille per i vostri consigli

Allergia ai farmaci: quali sono le reazioni avverse in seguito alla somministrazione di un farmaco? Tipologie di medicinali a rischio, prevenzione e diagnosi.

Leggi tutto