Utente 231XXX
Buonasera,
sono un uomo di 34 anni, ormai da 9 anni sono in cura con Zoloft, inizialmente per attacchi di panico, poi per curare una lieve forma di depressione. Durante questi anni la dose è variata da un minimo di 50 mg ad un massimo di 100mg.
Adesso sto assumendo 50 mg. Dovuta ad una ricaduta il mio psichiatra mi ha consigliato di provare a passare ad un altro farmaco, Cymbalta. Secondo lui più adatto a combattere il problema dell'ansia generalizzata.
Inoltre mi ha proposto un affiancamento dei farmaci nella fase iniziale prendendo 50mg di zoloft + 30 mg di cymbalta.
Le mie perplessità sono molteplici, e per questo chiedevo un vostro consulto:
E' possibile sovrapporre questi 2 farmaci visto che di cymbalta si dice di non associarlo con SSRI?
Siccome sono diciamo ormai dipendente da zoloft, ci sono probabilità che questa dipendenza la riconfermi anche con cymbalta?
Sono una persona sportiva e faccio gare Agonistiche di podismo, zoloft non mi ha mai dato nessun problema in tal senso... Cymbalta potrebbe avere delle ripercussioni da questo punto di vista?
Ringrazio anticipatamente tutti i dottori che avranno la pazienza di rispondere.
Grazie!

[#1] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Può associare i due farmaci sotto controllo specialistico, le dosi sono basse. E' dipendente dallo zoloft come un diabetico dipende dall'insulina, la cura delle sindromi ansioso-depressive è spesso lunga ma questi farmaci non inducono dipendenza o assuefazione. Cymbalta ha una tollerabilità simile allo zoloft e non deve interferire con la sua attività sportiva.
Buonanotte!

Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#2] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
L'assunzione contemporanea di due antidepressivi nella fase iniziale per l'aumento di uno e la sospensione dell'altro è una pratica attualmente consigliata dalle linee guida.

In tal modo il passaggio risulterebbe più agevole soprattutto quando vi è una differenza di azione tra i due farmaci.

Non è scorretto neanche il passaggio diretto, che non riguarda il suo caso.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#3] dopo  
Utente 231XXX

Grazie per la vostra risposta esauriente e molto celere.
Avrei ancora qualche dubbio che mi permetto di esternarvi sperando ancora una volta nella vostra pazienza nel rispondermi:
-La "copertura" di Cymbalta verso gli attacchi di panico è dello stesso tipo di quella offerta da zoloft?
-I disturbi nella sfera sessuale, quelli di zoloft li conosco bene, e li ho subiti... per cymbalta sono gli stessi? o inferiori? e soprattutto, nel periodo di assunzione conteporanea, cosa mi dovrò aspettare sotto questo punto di vista?
-I classici effetti di quando si inizia una cura con un antidepressivo cioè prima che arrivi a funzionare dopo 2/4 settimane, sarebbero in qualche modo mitigati dal fatto che sto assumendo già zoloft?
Grazie ancora,
Saluti

[#4] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Il farmaco agisce in modo differente rispetto al precedente.

Sono riferiti minori effetti collaterali sulla sfera sessuale.

Teoricamente il farmaco dovrebbe agire in modo indipendente rispetto al precedente, la cosa è piuttosto variabile da paziente a paziente.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#5] dopo  
Utente 231XXX

Buona sera dottori.
Mi permetto ancora di scrivere per continuare a raccontarVi la mia storia e chiedere qualche suggerimento. Sono un paziente molto "farmaco diffidente" e ancora non ho preso il cymbalta da 30mg e sto ancora assumendo zoloft 50 mg. Purtroppo la mia ansia è ancora molto forte. Quindi mi sono deciso a prenderlo.
Ho ancora qualche domanda riguardo l'associazione dei due farmaci.
Come avevo accennato sono uno sportivo "agonista" faccio anche mezze maratone o fino a 30 km correndo... ho il timore che questi 2 farmaci possano interferire con l'apparato cardiocircolatorio messo sotto stress da questa attività, anche se il mio medico mi ha rassicurato a riguardo. Vi chiedo anche a voi un parere.
Non sono un consumatore di alcol ma può capitare che il bicchiere di vino o un classico aperitivo ogni tanto lo beva... è ancora possibile farlo avendo questi 2 farmaci conteporaneamente in azione?
Spero di non sviluppare un'altra dipendenza dopo quella da zoloft.
vi ringrazio.

[#6] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Continua a ripetere infruttuosamente le stesse domande.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#7] dopo  
Utente 231XXX

Salve a tutti, scrivo ancora della mia storia sperando che qualche medico abbia ancora la pazienza e la voglia di rispodnere. In caso contrario spero possa servire a qualcuno che semplicemente legge la mia storia di psicofarmaci e affini.
Con molta fatica sono riuscito a prendere cymbalta, ho fatto 3 settimane a 30 per poi passare a 60 mg al giorno.
Cymbalta a me dava parecchio fastidio, nel senso che dava parecchio mal di testa e "scosse" al livello cervicale e del collo.
Essendo poi uno sportivo mi dava molto senso di "prosciugamento" a livello di poca idratazione per ipersudorazione.
Per questo anche il mio analista ha iniziato a togliermelo sempre scalando a 30 per altre 2 settimane, per poi lasciarmi completamente senza farmaco.
Adesso sono senza farmaci da un mese.
Prendo xanax al bisogno.
Purtroppo le cose però non vanno bene, ho strutturato dei comportamenti di evitamento fobico importanti tali da non permettermi una vita regolare. Ogni cosa che devo fare ha con se il ritornello, e se mi prende un attacco? e se sto male in quella situazione?
Così, il mio analista è arrivato oggi a propormi il 3 farmaco, il sereupin, e di nuovo, chiedo a voi medici pareri...
Credo sia un SSRI puro, ma da quello che mi dicono, ha effetti collaterali molto più importanti rispetto a zoloft tipo, disfunzioni sessuali, e aumento di peso... compreso un aumento delle transaminasi.
Voi che ne pensate? che differenze ci sono tra principalmente tra zoloft e sereupin?