Utente 383XXX
salve, soffro della sindrome di DOC fin dall'infazia, in precisione di convinzioni ossessive, faccio comunque sport agonistico e sono pluri titolato, le mie ossessioni non mi permettono di concentrarmi nelle gare e nelle sfide, e molto spesso non posso parteciparvi per via della mia malattia. il mio psichiatra mi ha prescritto zoloft, sono fiducioso nel farmaco e so che sicuramente andrà meglio. il problema è che, per via delle mie ossessioni, ho dovuto leggermi il bugiardino dove spiega gli effetti collaterali, ora non importa se su di me non hanno alcun effetto collaterale, le mie ossessioni sono li in agguato e mi convinco di avere gli effetti indesiderati. Vorrei sapere se la perdita dei riflessi causata dallo zoloft è solo una cosa temporanea di qualche ora, o dura per tutta la terapia, visto che il mio sport comprende molto riflessi e carattere. ps: chiederlo al mio psichiatra sarebbe banale visto che pur di farmi star tranquillo mi direbbe di tutto. per chiunque abbracciasse il mio problema chiedo solo massima sincerità a riguardo, grazie per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
[#2] dopo  
Utente 383XXX

salve dottore, ancora non la inizio, lo psichiatra mi ha prescritto una capsula al giorno di zoloft più qualche goccia di enn, il problema come ho scritto prima è che ho letto il bugiardino del farmaco dove precisa che si avranno degli effetti collaterali quali: mancanza di riflessi ecc.. in questo caso se io assumessi il farmaco, mi complesserei all'istante su questo, e non riuscirei a praticare il mio sport e a vivere serenamente

[#3]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Da buon ossessivo vorrebbe certezze assolute, ma non ce ne sono, c'è un bilancio tra i sintomi che ha ora e che le impediscono l'attività agonistica al livello desiderato e gli effetti collaterali che potrebbero (potrebbero!) esserci se assume il farmaco (più nelle prime settimane, poi si avvertono molto meno). E' un rapporto costo/beneficio, non un sì/no.
Franca Scapellato

[#4] dopo  
Utente 383XXX

dottoressa la materia grigia non mi manca, senza incertezze so che molto probabilmente non accuserò neanche un sintomo, anche perchè sono un professionista nel lavoro e nello sport, quindi ho i riflessi super allenati... ma non si tratta di convincere me ma il mio DOC che non mi da tregua. la mia domanda era semplicissima e chiedevo solo massima sincerità, ancor meglio qualche testo scritto del farmaco. dire che li avrò le prime settimane.anche se non fosse, comporterebbe a non farmi fare sfide per almeno un mese. vorrei sapere da quando assumo la capsula la mancanza di riflessi dura qualche ora o dura per sempre? tutto qui. vi ringrazio

[#5]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Le ho risposto, aggiungo che la reazione al farmaco è individuale, non si può sapere in anticipo e con precisione cosa succederà, ma solo a grandi linee (è così per la maggior parte dei farmaci, antiipertensivi, antistaminici, ecc).
I riflessi possono essere rallentati (non mancanti) per le prime settimane, oppure no, dipende dalla persona. "Per sempre" no: la terapia si fa per un periodo (un anno, di più se occorre), poi si sospende.
Se pretende di convincere il suo DOC perde tempo.
Franca Scapellato

[#6] dopo  
Utente 383XXX

è una vita che perdo tempo col DOC :) . un'ultima cosa, se invece assumessi semplici integratori di serotonina avrei comunque la stessa possibilità di avere effetti collaterali? la ringrazio di tutto dottoressa!

[#7]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Il DOC è un disturbo serio, che richiede in genere dosaggi due-tre volte superiori a quelli sufficienti per la depressione o gli attacchi di panico. Gli integratori non sono sufficienti. Le consiglierei piuttosto di "integrare" la terapia farmacologica con una psicoterapia, di preferenza cognitivo-comportamentale, per acquisire tecniche e strumenti per contrastare il disturbo anche sul piano intellettivo. E' dimostrato che l'associazione farmaco-psicoterapia cognitiva è quella che dà i risultati migliori. Non dura molto a lungo e richiede costanza e allenamento quotidiano, elementi che le sono familiari.
Franca Scapellato

[#8] dopo  
Utente 383XXX

grazie per tutto. farei di tutto per togliermi questa ingiusta e terribile afflizione, visto che preghiere e sante reliquie sono inutili e ridicole, abbraccio il suo consiglio che è molto meglio per me! magari facciamo santa lei dottoressa :)). la terrò aggiornata arrisentirci!

[#9]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Grazie, santa proprio no, si dia da fare e ci tenga informati...
Franca Scapellato