Utente 378XXX
Salve a tutti. Mi chiamo Elena e ho 23 anni.
Un paio di anni fa ho avuto un fortissimo periodo ipocondriaco a seguito di strani sintomi ad un arto e alla vista. Tutto faceva propendere per la sm ( tesi avvalorata inizialmente anche dai medici nonostante la visita negativa ma ci vedevo male e di meno).
Mi hanno così fatto fare una RM con mdc in cui sono risultati dei focolai di gliosi ( 3 di lievi dimensioni) e mi hanno detto di stare tranq e al massimo ripeterla per mai tranquillità dopo un anno ( cosa che ho fatto ed era invariata) e non era sm ( ho fatto anche pev, proteina C, S tutto negativo).
Nel frattempo ho sofferto di altri disturbi fisici: stomaco, nausea, difficoltà ad ingoiare, bolo, vertigini, stanchezza forte, più i disturbi per cui ho fatto la rm.
Da ultimo fortissima dispnea: mi manca sempre l'aria e anche se faccio respiri profondi mi sento che non sono sufficienti.
Il neurologo che mi segue dice che non ho nulla ( ho fatto anche eco cardio, emogas ( ero andata in alcalosi respiratoria), analisi sangue ( sono anemica lievemente)). E mi ha dato cipralex 10+Xanax 0,25 per ansia generalizzata con somatizzazioni multiple. In realtà soffro anche ( quando sono in mezzo alla gente) di attacchi di panico.
Secondo voi dovrei indagare ancora per i sintomi o affidarmi a questi psicofarmaci?
Ps. C'ho messo molto per dimagrire perché ero in sovrappeso: secondo voi alterano il metabolismo oppure aumentano solo il senso di fame??
Grazie!!

[#1]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Lo specialista di riferimento per la sua patologia non è il neurologo, ma lo psichiatra. L'alcalosi respiratoria è la conseguenza fisiologica della "fame d'aria": chiunque si metta a respirare in modo profondo e rapido va in alcalosi in pochi minuti.
L'antidepressivo Cipralex è indicato per i suoi disturbi, però fa effetto dopo circa 3 settimane. Sarebbe meglio associare al farmaco una psicoterapia per modificare alcuni atteggiamenti e comportamenti.
Il cipralex è tra i farmaci SSRI che hanno meno effetti sull'appetito e sul metabolismo, ma se viene da un periodo di nausea e inappetenza può darsi che avverta un maggiore appetito se ora è meno ansiosa.
Franca Scapellato

[#2] dopo  
Utente 378XXX

Cara dottoressa, quindi secondo lei posso smettere con le indagini ( e' ansia) oppure dovrei fare qualche altro accertamento? Possibile che la fame d'aria sia sempre presente e costante?! Possibile che l'ansia causi tutti i sintomi che le
Ho detto?
Io resto convinta che di base ci sia un'altra patologia organica.
Inoltre mi sento terribilmente in colpa e combattuta: in colpa a prendere antidepressivi alla mia età, di farmi del male da sola, di Nn uscirne più, di ingrassare. Dall'altra non so se ci sono altri metodi per curare la cosa.
Questi farmaci allora incidono sul metabolismo vero? Non è vero che si ingrassa perché aumenta il senso di fame vero? Anche se si segue una dieta di ingrassa giusto?
In più portano dipendenza? Io vorrei fare solo 2 mesi e basta perché non penso di essere depressa o altro.....

[#3]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
L'ansia e l'ipocondria sono sintomi di un disturbo da non trascurare.
Ormai ha fatto indagini che "alla sua età" raramente si devono fare, e mai tutte insieme; se pensa di doverne fare altre questo pensiero è patologico, l'ipocondriaco rifiuta il concetto di disturbo psicologico e vuole "dare un nome" alla malattia.
Chi le ha detto che gli antidepressivi danno dipendenza? Non è vero.
Purtroppo il nome è fuorviante, perché non si usano solo per la depressione, ma anche e soprattutto per l'ansia e il panico.
La terapia deve continuare per almeno un anno, se no è inutile prenderli.
Lei sta male da più di due anni, non da pochi mesi, quindi lasci perdere il discorso dell'età che non è corretto: si assumono terapie perché si ha una patologia, e queste patologie esordiscono di solito verso i 20 anni. Non è una scelta, un vizio del quale sentirsi in colpa, è una necessità, anche perché i sintomi, come la fame d'aria, sono molto pesanti.
Nell'altro post parlavo di psicoterapia, che è efficace in questi disturbi, ma è più efficace se associata al farmaco.
Si ingrassa perché si mangia di più e/o si fa meno movimento.
Il cipralex di solito non fa né ingrassare né dimagrire,a volte a qualcuno viene più appetito, ad altri addirittura la nausea, ma solo nei primi giorni, poi in genere non ci sono effetti particolari.
Franca Scapellato

[#4] dopo  
Utente 378XXX

Ma incide anche sul metabolismo? Io avevo un metabolismo lento che piano piano sono riuscita a sbloccare ma tendo comunque ad ingrassare....come effetti collaterali ho avuto dei disturbi visivi, un piccolo problema all'occhio ('sembrava congiuntivite ma non era), e qualche bolla sul corpo. Non so se siano effetti normali. Per il momento non ho ancora la fame ma lo prendo solo da 5 giorni. Ho letto di persone che l'hanno preso per pochi mesi e anche mangiando poco e facendo sport sono ingrassate anche 10 kg. Inoltre le chiedo se è normale che la fame d'aria sia costante e se è normale che quando mangio o faccio sport aumenti....
Grazie!!

[#5] dopo  
Utente 378XXX

Dottoressa quando ha tempo potrebbe darmi delucidazioni?!

[#6]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Di solito il cipralex non incide sul metabolismo, quindi non fa ingrassare o dimagrire. La fame d'aria è legata alla focalizzazione del pensiero sul respiro. In psicoterapia si dovrebbe lavorare su questo, in certe occasioni le viene il pensiero di non respirare bene e questo porta alla fame d'aria.n
Franca Scapellato

[#7] dopo  
Utente 378XXX

Gentile dottoressa io ho COSTANTEMENTE fame d'aria ( non in certe occasioni ma sempre).
Assumo Cipralex da 10 giorni e la cosa non è mutata minimamente. Eppure sono meno in ansia.
Secondo lei serve una spirometria?

[#8] dopo  
Utente 378XXX

Salve dottoress! Ho stoppato il cipralex da circa 3 giorni dopo 12 giorni di assunzione. L'ho fatto perché dormivo e nn riuscivo a studiare ( sono studentessa universitaria). Potrei risentire di effetti per la sospensione? La cosa che ho notato e' che i sintomi di sempre c'erano prima e ci sono ora però mi trema in più la palpebra sx.
Grazie!! Continuo ad assumere sempre lo Xanax.
Potrei riprenderlo volendo il cipralex in questi giorni?

[#9]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
I farmaci vanno assunti o sospesi dallo psichiatra di riferimento, non dal paziente. Le linee guida di questo sito vietano di dare consigli sulla terapia da seguire, del resto sarebbe assurdo senza una visita diretta. Consulti uno psichiatra.
Franca Scapellato