Utente cancellato

Salve in cura da circa 2 mesi per ansia generalizzata, cipralex 20 e lirica 50/50/50.
Dopo i primi giorni tutto ok è dopo il primo incontro 1 mese circa lo psichiatra varia il lirica 75/50/50 è cipralex a 10.
Le cose non sono andate bene e dopo 10 gg circa siamo ritornati a 20.
Ad oggi dopo 10 gg circa non mi sono tanto ripreso come dall'inizio, pensa sia ancora presto?

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Se dopo dieci giorni si giudica già un effetto non ha senso, e tornando indietro evidentemente si torna allo stato precedente.
Le due medicine non sono ancora a dose piena, niente di strano che possano non funzionare bene.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
423124

dal 2017
Quale secondo lei è la dose piena?

[#3] dopo  
423124

dal 2017
Le chiedo inoltre come è possibile che quando ho iniziato a 20 di cipralex non ho avuto effetti collaterali sono mal di testa e ora dopo questo breve scalaggio e la ripresa a 20 mg. Ho nausea, ansia, letargia. Non riesco a spiegarmi questo cambiamento in così breve tempo.
Il Lyrica che inizialmente ti da quella ipotetica voglia di fare inizialmente pare svanire.
Il mio psichiatra era convinto che aumentando il Lyrica da 50/50/50 a 75/50/50 e scalando il cipralex da 20 a 10 avrei avuto maggiori benefici in quanto sostiene trattasi solo di ansia ma purtroppo così non è stato, spero di non avere interrotto un equilibrio già quasi acquisito.

[#4] dopo  
423124

dal 2017
Appena sentito il mio psichiatra è mi indicato di scalare il Lyrica a 50/50/50 e cipralex a 20 che è la dose iniziale che mi ha fatto stare bene ma che dopo un mese mi ha variato. ????????? ( 10 cipralex, liryca 75/50/50)
Presume che vertigini nausea e ansia siano dovuti all aumento del Lyrica da 50 a 75 che anziché farmi stare meglio ha peggiorato la situazione.

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Mi sembra più che altro che ancora il disturbo sia attivo, anche dai ragionamenti del tipo che sia " solo ansia" anziché altro.
Mi pare siamo al punto di partenza, e ci sia anche lo stesso errore sul valutare le cose subito dopo le variazioni: indipendnetemente dagli effetti che uno può associare alle variazioni, nei primi giorni si confondono varie cose, quindi i continui cambiamenti finiscono per essere un girare in tondo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
423124

dal 2017
Perfettamente d'accordo, ma dopo 2 settimane di Lyrica 75/50/50 il mio organismo non riesce a tollerare con continua nausea soprattutto la dose 75 del mattino.
Ritorno alla prescrizione iniziale 50/50/50 e cipralex 20 che è la dose che in un mese mi ha dato i risultati sperati.
Non capisco il perché nonostante tutto il mio psichiatra al mese abbia fatto questo tentativo ( a mie spese) pur affermando di stare obbiettivamente meglio.

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il tutto per 25 mg su una dose già di 150 mg...
La cosa è improbabile.

Non aveva detto che era stato bene con cipralex 20, altrimenti non saremmo qui a parlare di variazioni della cura.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
423124

dal 2017
Si certo, forse qualche passaggio è stato saltato, al 1 mese di cura il medico mi ha scalato cipralex da 20 a10 e aumentato liryca da 50/50/50 a 75/50/50.
Il tutto mi ha generato i sintomi sopra esposti.
Ecco perché siamo tornati alla cura iniziale.

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Capito, non era chiaro che fosse stato bene, visto che aveva variato le dosi dopo 1 mese avrei pensato che non lo sopportava, altrimenti se stava bene perché ridurre subito la dose ?
Quindi stiamo semplicemente dicendo che tutte queste variazioni sono state fatte anziché banalmente riportare la dose a 20 mg, con cui era stato bene ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
423124

dal 2017
Io non avrei variato nulla, ma il mio psichiatra a voluto variare quella prescrizione iniziale in quanto pensa (pensava) che il mio era solo un problema di ansia con leggera base depressiva di sottofondo quindi riteneva più utile aumentare il liryca dando poca importanza al cipralex

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Solo un problema di ansia e quindi è meglio il lyrica, sapendo già che ha risposto al cipralex: perché ? Non vedo il nesso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
423124

dal 2017
Pienamente d'accordo, non sono un medico ma provando sulla mia pelle credo che ansia/depressione siano manifestazioni emotive che a volte viaggiano insieme.
Quando, con le opportune cure, non si bilanciano entrambi gli aspetti, vedi il mio caso, sono possibili scompensi.
Grazie.

[#13] dopo  
423124

dal 2017
Salve dopo 2 settimane di aumento cipralex da 10 a 20 più liryca 50/50/50 avverto, non sempre, mal di testa, confusione mentale, instabilità e leggera ansia.
Lo psichiatra mi ha aggiunto al bisogno xanax 0,25.
Pensa che per alleviare questi fastidi con L ansiolitico possono essere risolti?
Abbiamo anche tentato con L aumento del Lyrica per 3 settimane ma era mal tollerato sempre nausea.75/50/50.

[#14]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Pensa che per alleviare questi fastidi con L ansiolitico possono essere risolti?

La frase non è comprensibile, cosa intende ,perché dice due cose diverse dentro una stessa frase.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#15] dopo  
423124

dal 2017
Per alleviare i fastidi dovuto all aumento dell antidepressivo sarebbe utile utilizzare L ansiolitico?

[#16]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il medico glielo ha segnato, evidentemente su sua segnalazione e richiesta di avere qualcosa di alternativa alla semplice attesa, quindi dopo aver avuto questa indicazione dal medico si chiede semplicemente se è utile ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#17] dopo  
423124

dal 2017
Il mio dubbio era dovuto al fatto che dopo 2 settimane pensavo che potessi già farne a meno.....ma avvolte, purtroppo alcuni sintomi si presentano e non capisco se siano dovuti al mio problema o effetti collaterali del farmaco.

[#18]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Se il medico le indica un ansiolitico non significa che "non possa farne a meno", è una sua risposta ad una sua richiesta di rimedio immediato (a dose minima).
Dopo 2 settimane può non esser cambiato niente, ma data la dose minima non si direbbe neanche il suo psichiatra abbia ritenuto di dover far granché di diverso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#19] dopo  
423124

dal 2017
Purtroppo il Lyrica a dose leggermente più elevata è mal tollerato

[#20]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sì, che c'entra questo ?
Se si assume che in attesa di un effetto sia necessario aumentare o introdurre qualcosa si nuovo, questo sarà tentato in risposta alla richiesta del paziente, senza che questo di fatto cambi niente di sostanziale.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it