x

x

Dipendenze

Ho 22 anni, con un passato di varie droghe alle spalle. Dalle più leggere come l'erba alle più pesanti. Sono stato per molto tempo dipendente da cocaina e poi con tanta forza sono riuscito ad uscirne. Poco dopo però sono entrato nel giro della psichiatria a causa di due tentativi di suicidio, che hanno portato alla conclusione di "disturbo della personalità borderline", mi hanno prescritto farmaci a non finire. Tra cui nell'ultimo periodo mirtazapina sera, depakin chrono da 500 mattina e sera, sycrest da 10 mg mattina e sera. In più 2/3 volte al giorno tavor da 2,5 che avrei dovuto prendere come da prescrizione. Ma sono finito con lo sniffare 6 compresse da 2,5 mg di tavor al giorno e prenderne altre 2 per via orale. Per poi aggiungere lo xanax gocce alla mia sigaretta elettronica. E devo dire che funziona. Ma adesso penso di essere entrata in qualcosa di simile alla dipendenza che avevo e non so come liberarmene.
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 39,4k 921 271
Gentile utente,

Per dipendenza si intende un'entità diagnosticata sulla base di alcuni criteri. Questo per precisione.
Parlando in generale, l'uso di sostanze tende a riprodursi su sostanze diverse in soggetti che abbiano fattori di rischio generici per l'abuso. Uno di questi è la struttura borderline, o anche semplicemente le sindromi dell'ambito bipolare, anche fisiologiche (temperamenti affettivi) di cui fa parte il quadro borderline.

E' entrato nel "giro" della psichiatria perché è entrato nel giro di situazioni e sintomi che hanno richiesto delle cure, cure che presumo ha seguito Lei stesso.

L'attuale abuso di tavor va segnalato, ci sono delle cure specifiche.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref