Utente 302XXX
Salve, circa 2 mesetti fa ho avuto un forte episodio di ansia, mi sentivo soffocare e per paura che mi stesse venendo un infarto andai al pronto socorso dove mi dimettero dopo avermi fatto vari accertamenti.
Così decisi di andare da uno psichiatra che mi prescrisse anseren e seuropin, dicendomi che era una forma lieve di depressione.
Già nel 1996 a causa della rottura di un fidanzamento, la finii a prendere psicofarmaci.
E' stato un periodo bruttissimo.
Ho così deciso di intraprendere la strada della psicoterapia, dove mi è stato diagnosticato il distubo ossessivo compulsivo.
Mi vengono in mente terribili pensieri, suicidio, omicidio, e addirittura non sono più sicuro di amare la mia ragazza.
Era strano ma tutto in una volta questi pensieri intrusivi mi assalgono e mi fanno star male.
La mia peggior paura è che si realizzino.
Ad oggi non ho ancora iniziato la terapia sia perchè ho paura di prendere antidepressivi e sia perchè la psicologa mi ha detto di aspettare ancora.
Voi riguardo a questi sintomi, cosa mi consigliate?
Cosa pensate che io possa avere?
Posso uscirne da quest'incubo?

Un'alta cosa che mi fa soffrire è che sembra che io odi mia madre e la mia ragazza che sono le persone a me più vicine e mi spaventa l'idea di poter perdere il controllo e ucciderne qualcuna.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Non capisco di preciso che senso abbia questa posizione di non curarsi. E' l'unico punto importante attualmente per Lei.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 302XXX

La psicologa ha detto do aspettare...c'è bisogno di medicinali?

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La psicologa ha detto di aspettare a fare la cura che eventualmente fa Lei, ma ciò non le impedisce di rivolgersi a un medico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 302XXX

Non ho capito mi scusi

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non vedo cosa le impedisca di rivolgersi al medico.
La psicologa le ha detto che non è il momento di iniziare, si sarà riferita alla cura che eventualmente fa lei.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 302XXX

La psicologa mi ha detto di aspettare prima di iniziare la cura datomi dallo psichiatra e cioè seuropin e anseren. Io la mattina e la sera devo lavorare, come posso condurre una vita lavorativa se prendo queste MEDICINE?

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Ah, quindi il medico le ha dato una cura, e Lei invece in merito a questa cura fa riferimento a dei (come chiamarli) consigli di una persona che si occupa d'altro.
Come le dicevo, sta semplicemente facendo una inutile confusione, tentando di non fare una cura.
Scusi ma non aveva già fatto cure simili in passato ? Da come scriveva sembrava che sereupin e anseren fosse la cura degli anni 90.
Quindi se una persona prende queste medicine pensa che non sia in grado di lavorare. A parte che non comprendo questa cosa, ma semplicemente lo può chiedere al medico, se proprio ha questo dubbio così grosso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 302XXX

No prendevo farmaci che mi rimbecillivano...non voglio cadere nuovamente in un simile tunnel ..non so che fare

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Il discorso è privo di senso se non specifica a quali farmaci si riferisce. Questi semplicemente non li ha presi, il che non ha molto senso, visto che è andato da un medico a chiedere una cura, e poi non la fa.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 302XXX

Scusi se dal 90 non mi ricordo che farmaci prendevo! L'unico che ricordo è Serenase...gli altri non li ricordo.

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Invece è importante, proprio perché mettere su uno stesso piano cose diverse tra di loro come serenase e sereupin non ha significato.
Bisognerebbe poi anche capire il perché di una cura così diversa all'epoca, se la diagnosi era diversa da questa.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 302XXX

All'epoca mi fu diagnosticata una nevrosi fobico-ossessiva...ora una forma depressiva lieve dovuta all'ansia

[#13]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La terapia con serenase però non torna con queste diagnosi, si usa per altri tipi di disturbi
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#14] dopo  
Utente 302XXX

Mi può dire per cosa si utilizza? Oggi in un momento d'ira ho lanciato una bottiglia d'acqua a mia madre. Staró impazzendo?

[#15]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Dipende da che dose, a basse dosi come calmante generico, a dosi normali come antipsicotico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#16] dopo  
Utente 302XXX

Aiuto! Ma la psicosi è una malattia seria. Io ero curato per una nevrosi fobico-ossessiva. Allucinazioni non ne ho mai avute

[#17]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ma non è che si possa desumere dal nome di una medicina, magari ce ne erano altre che non ricorda. Si usa anche nel disturbo ossessivo, ma di solito non da solo, insieme ad altre cose.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#18] dopo  
Utente 302XXX

Grazie mille dottore. Ho paura. Secondo lei questi scatti d'ira possono essere sintomo di psicosi?

[#19]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ora non si ponga domande inutili e fuorvianti. Piuttosto, qui il punto era che le era stata proposta una cura, e Lei non la sta seguendo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#20] dopo  
Utente 302XXX

Non la sto seguendo perchè vorrei uscirne senza assumere antidepressivi...ansioliti sì...ma gli antidepressvi mi spaventano, io devo lavorare e già è difficile così...

[#21]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
E' un problema, appunto, perché non è disposto a seguire le prescrizioni. Un atteggiamento contrario rispetto all'idea di volersi curare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#22] dopo  
Utente 302XXX

Salve, sto seguendo la seguente cura:

Xanax 15 gocce x tre volde al dì e Gabapentin 100 1 cp per 1 settimana e alla seconda settimana dovrei passare a 2 compresse.

Io in questi giorni sono molto irritabile e ansioso...ho paura sia una depressione e che la cura che sto facendo non mi faccia nulla

[#23]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Questa non è la cura che ha menzionato prima.

E se fosse una cura nuova, in corso quindi da meno di una settimana, direi che è qualcosa di minimo e non sono passati che pochi giorni, quindi non vi è niente da commentare.

Ribadisco il concetto: ha ricevuto una cura, ma non l'ha seguita.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#24] dopo  
Utente 302XXX

Non riesco a capire perché lei abbia un modo così stizzito nello rispondermi! Ho fatto una nuova visita psichiatrica e mi è stata prescritta questa cura...noi ci rivolgiamo in questo sito nella speranza anche di trovare una parola di conforto e non rimproveri.

[#25]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Allora magari può specificarlo, che ha fatto una nuova visita.

In ogni caso le ho risposto. E scrivere dopo pochi giorni comunque non ha molto senso. Non è vero che si scrive per conforto, questo è un sito in cui si pongono domande sulla materia, e anche la richiesta di rassicurazione pertanto non è sempre da trattare come se fossimo al bar a scambiare due parole tra conoscenti o amici.
I disturbi che ha comportano la tendenza a porre ripetutamente, prematuramente e a fondo perduto questioni che sono espressione del disturbo, non domande indipendenti. Rispondere alla lettera o qualcosa "tanto per rispondere" significa alimentare questa tendenza. Che poi peggiora la sua situazione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it