Utente 480XXX
Buongiorno,
mi chiamo Nicolo’, ho 28 anni e sono un nuovo utente.
Sono in cura dal mio psichiatra per disturbi d’ansia, derealizzazione e disturbi ossessivi compulsivi.
Il disturbo è partito da una serata dove ho fatto usa di cannabis e alcool.
Dopo qualche giorno dalla comparsa dei sintomi sopra elencati ho deciso di andare in cura da uno psichiatra che mi ha somministrato una cura.
Descrivo brevemente la mia cura:
- AMISULPRIDE 1 COMPRESSA DA 50 MG AL MATTINO
- ENTACT 1 COMPRESSA DA 10 MG ALLA SERA
- LEXOTAN 10/15 GOCCE ALL’OCCORENZA
La cura e’ iniziata a Settembre assumendo solo l’Amisulpride e il Lexotan, riscontrando pochi benefici, il mio psichiatra, a inizio Dicembre, ha deciso di inserire l’Entact.
Le prima 3 settimane sono state un’inferno, con peggioramenti dei vari sintomi, passate queste settimane, i risultati sono stati notevoli, tutti i sintomi sono andati via via migliorando fino a scomparire quasi del tutto.
Da qualche settimana sotto indicazione del medico sono passato da una compressa di amisulpride a mezza, continuando la solita dose quotidiana di Entact.
Durante la cura mi è stato detto di non bere alcool (preciso che sono una persona che molto spesso fa utilizzo di alcool in notevole quantita’) apparte qualche volta, ad esempio una birra con la pizza il sabato sera.
2 giorni fa, dopo aver mangiato una pizza e bevuto una birra, mi sono concesso un cocktail con della frutta e una piccola dose di vodka… Da li ho iniziato ad avere dei sensi di colpa per avere bevuto il cocktail, ora sono 2 giorni che ho un senso di stordimento (una specie di derealizzazione) e di ansia.
Secondo voi ho compromesso la cura con l'Entact o si tratta solo di un senso di colpa che amplifica l’ansia e causa lo stordimento?

Grazie anticipatamente

Nicolo’

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
È possibile che l’uso di alcool abbia inibito il normale assorbimento dei farmaci.

Per questo motivo l’uso di alcool è vietato in intercorrenza con terapie da assumere.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 480XXX

Grazie dottore per la sua risposta.
Per inibito intende rallentato?
Continuando l'utilizzo dei farmaci tra qualche giorno staro' meglio?
Mi sara' certamente di lezione per la prossima volta