Utente 464XXX
Gent.mi dottori, sono in cura da poco più di 3 settimane con sertralina e pregabalin per un problema di ansia con forti somatizzazioni e ipocondria (lo psichiatra mi ha parlato di doc).
Ho iniziato con sertralina da 50 per una settimana, poi sono passata a 100 e dopo 15 giorni a 150. Non ho avuto particolari effetti collaterali, il pregabalin (ne assumo 75 al giorno, 50 la sera e 25 al mattino insieme alla sertralina) mi ha praticamente tolto tutti i dolori muscolari che avevo a livello di diaframma, spalle e la dispnea sospirosa che mi tormentava da anni, oltre ad avermi eliminato anche quella sensazione di ansia perenne (come se fossi sempre attaccata ad una presa di corrente) che non mi abbandonava da tantissimo tempo. Tuttavia ho avuto qualche problema a livello di vista, dapprima qualche problema di accomodazione visiva, che nell'ultimo periodo sembra diminuito e che il medico imputava al pregabalin. Da quando ho portato la sertralina a 150 (meno di 1 settimana) però ho sempre la sensazione di avere gli occhi pieni di sabbia e spesso doloranti, credo si tratti di un problema di secchezza oculare. Sto utilizzando delle gocce lubrificanti, ma non so se prenotare una visita oculistica oppure attendere qualche giorno ancora per vedere se il problema è uno di quelli temporanei legato all'aumento della sertralina. Da quando l'ho aumentata infatti ho anche qualche problema di insonnia (che non mi preoccupa troppo) e un pò di acufeni (mi si è alzato il rumore di fondo dell'orecchio). Questo tipo di sintomi sono, a vostro avviso ed esperienza, solitamente di natura temporanea e tendono a scomparire col prosieguo della terapia, oppure tendono ad essere permanenti per tutta la durata? Il mio psichiatra mi ha parlato di un periodo di cura di 2 anni per il doc per evitare ricadute anche a dosaggi elevati (mi ha detto che possiamo salire anche a 200 e in casi eccezionali provare anche 250), in questo senso sono preoccupata dell'eventuale persistenza di questi problemi per un periodo così lungo. Vi ringrazio in anticipo dell'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Non si può escludere che la secchezza oculare sia dovuta ai farmaci, ma prima di smontare una cura che si sta rivelando molto efficace consulti un oculista. Abbia fiducia nel suo specialista che è bravissimo.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
Utente 464XXX

La ringrazio molto dottore, ho prenotato una visita oculistica proprio stamattina. Lavorando al pc il problema è molto pesante per me. La ringrazio anche di avermi confortato sulla terapia scelta dal mio medico e sulla sua competenza, come può immaginare per un ipocondriaco affrontare una terapia del genere è fonte di grandi ansie, ma il mio medico mi ha subito detto di non permettere al mio disturbo di impedire di curarmi....quindi sto andando avanti con fiducia!