Utente cancellato
Salve

Mi è stata prescritta la fluvoxamina dopo aver provato altri ssri.
A detta del mio curante darebbe meno disturbi sessuali ed è più ansiolitica della paroxetina.
Io ho un disturbo di ansia con sporadici attacchi di panico. L'umore a volte è a terra prima del ciclo mestruale e quando va male qualcosa. Ma non soffro propriamente di depressione.
Il dosaggio stabilito è di 25 mg la sera da aumentare a 50 mg.
Non è previsto un aumento in quanto il mio medico mi ha spiegato che dosaggi superiori sono per la depressione maggiore e il disturbo ossessivo compulsivo che non mi sono stati diagnosticati. Dice comunque che seppur a basso dosaggio qualche effetto ci sarà anche sull'umore ma non eclatante.

Dice che per l'ansia è un uso off label.

Vorrei un parere.
Sapere se la fluvoxamina ha un effetto ansiolitico e se di più della paroxetina. E se da meno disturbi sessuali rispetto agli altri ssri.

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Quindi lei soffre di ansia con "sporadici attacchi di panico". Le chiedo quanto questi ultimi siano disturbanti, e se c'è ansia di attesa ed evitamento. Le chiedo anche quali altri farmaci ha provato, a quali dosi e quanto sono stati efficaci,
Senza queste ulteriore precisazioni non possiamo esserle utili.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
484053

dal 2018
Gentile Dottor Carbonetti,

Gli attacchi di panico si verificano sporadicamente nei periodi di forte stress emotivo ma rispetto a dieci anni fa (periodo di esordio) non sono fortemente disturbanti come allora.
Riesco ad uscire ed anche a viaggiare anche se a volte mi pesa.
Negli anni ho eliminato tabacco e caffè e questo mi ha dato dei miglioramenti ma non ha risolto radicalmente.
Però ho perenne ansia generalizzata che somatizzo a livello gastrointestinale. A volte ho ansia anticipatoria prima di qualche evento particolare. E di conseguenza ho umore molto basso.
Poi ho anche disturbi del sonno con risvegli frequenti.
Tutti questi sintomi si accentuano prima del ciclo mestruale che comunque è sempre regolare.
Alcuni ssri mi hanno dato benessere altri no.
Non tollero quelli che alzano la noradrenalina.

Mi sono trovata molto bene con sereupin 20 mg e Elopram 20 mg con miglioramenti anche prima del ciclo.

Poi ho preso zoloft da 50 mg a 100 mg, entact 10 mg, efexor 75 mg, cymbalta 30 mg. Con queste molecole ho avuto benefici parziali in quanto non erano molto sedative sull' ansia come il sereupin.

La sospensione di sereupin e elopram è stata fatta perché al di la dei benefici mi davano effetti collaterali nella sfera sessuale.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Alla luce del quadro che lei descrive la dose di 50 mg di fluvoxamina sembra piuttosto bassa, ma se il suo curante, che la conosce bene, ha deciso così ha sicuramente le sue buone ragioni.
Tanto per informazione generale, quindi non mi riferisco al suo caso specifico, esistono farmaci di altre categorie che possono essere altrettanto o forse più efficaci degli ssri/nsri.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#4] dopo  
484053

dal 2018
Gentile Dottor Carbonetti,
Si il dosaggio è basso ma io oltre al disturbo di ansia generalizzata ho una lieve sfumatura borderline non propriamente patologica ma piuttosto caratteriale.
Quindi per questo il mio curante vuole mantenersi a dosaggi bassi. Lui sostiene che per la fluvoxamina il dosaggio minimo efficace è 100 mg (infatti è menzionato sul foglietto illustrativo) ma per la depressione e il disturbo ossessivo compulsivo che non mi sono stati diagnosticati. Ho solo dei cali d'umore dovuti alla troppo a ansia.
Con gli altri ssri mi sono trovata bene con quelli piu sedativi cioe' elopram e sereupin che avevano indicazione ufficiale per ansia quindi ho preso i dosaggi minimi efficaci con ottimi risultati. I dosaggi poi sono stati ridotti quindi elopram a 10 mg e sereupin a 10 mg e stavo bene anche con dose ridotta ma purtroppo non tolleravo gli effetti collaterali sessuali.
Gli altri ssri più attivanti tipo zoloft, entact, efexor non li tollero molto bene per non parlare di quello che alzano anche la noradrenalina tipo cymbalta.
Da qui l'ultimo tentativo con la fluvoxamina che in teoria darebbe meno disturbi sulla sfera sessuale rispetto agli altri ssri ed è più sedativo della paroxetina.
Nel corso degli anni poi il mio curante ha avuto modo di vedere che sono molto sensibile ai farmaci e non ho bisogno di dosi alte per avere benefici sull'ansia.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente
lei deve attenersi alle indicazioni del suo medico.
Io in questa sede posso fare considerazioni generali sull'argomento.
Non vi sono evidenze (cioè studi scientifici comprovati) che la dose utile della fluvoxamina per i disturbi ansiosi sia diversa da quella minima utile per i disturbi depressivi. Questo vale per tutti gli ssri.
Non vi sono, inoltre, evidenze che certe patologie, ansiose o depressive, rispondano meglio a un determinato ssri piuttosto che ad altri. La differente risposta è solo individuale e difficilmente prevedibile,
Sono altri i fattori che possono orientare la scelta tra i farmaci di questa categorie. Cito, ad esempio, la possibilità di interazione con altri farmaci, la rilevanza o meno dei possibili effetti collaterali sessuali, l'utilità o meno di un eventuale effetto sedativo (e qui tenga conto che sedazione non equivale ad ansiolisi), e così via.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-