Utente 487XXX
Buongiorno dottori,

Scrivo questo consulto per ricevere dei pareri direttamente da professionisti senza quindi cercare autoanalisi su internet, e per avere delle delucidazioni riguardo alla somatizzazione ansiosa.

Sono mesi che ormai combatto con questo fantasma, facendo visite e analisi ( tutte negative ) col mio medico di base siamo arrivati alla conclusione che è un problema psicologico.

La “cura” farmacologica che sto facendo è tranquirit mattina e pomeriggio, e poi la sera prima di andare a dormire una pillola di valpinax.
Devo dire che sto sicuramente meglio rispetto ai mesi precedenti, però psicologicamente mi rendo conto di essere messo male.
Ogni notte vado a dormire col pensiero che il giorno dopo non mi sveglio perché morirò oppure non ho “voglia” di fare le mie attività abituali perché penso che a breve cesserò di esistere.

Questi pensieri negativi però per la maggior parte sono causati da malesseri fisici, ai quali mi fisso, come per esempio la fitta alla testa, il bruciore retrosternale, l’affanno dopo uno sforzo, la tosse, è così via.
Inoltre se leggo su internet vari sintomi alla fine come per assurdo è come se mi venissero.

Possono questi pensieri trasformarsi in ansia incoscia e provocare la somatizzazione di alcuni di questi e una sorta di malessere costante?
Frequento un consultorio con una psicologa ma ho come l’impressione che non mi prenda sul serio e anzi, alle volte ho come l’impressione che criticasse il mio star male “immaginario”.
Grazie mille per la risposta, una buona giornata.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
In pratica sta assumendo una terapia inefficace per i suoi disturbi nel lungo termine.

Le visite psicologiche hanno senso se portano ad una giusta considerazione dei sintomi.

È opportuno che senta il serio parere di uno psichiatra dal vivo.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 487XXX

grazie per la risposta dottore,

Quindi è vero che questo stato psicologico incide non solo a livello emotivo ma anche fisico?

Lei che consigli sarebbe ad un paziente che ha questo tipo di problema?

Grazie per l’attenzione.