Utente 492XXX
Dottori buonasera,

ho intrapreso da pochi giorni una terapia farmacologica e avrei necessità di alcuni chiarimenti prima dell'introduzione di altri medicinali.

Dopo un periodo di tre forti stress che si sono sovrapposti l'uno all'altro

(ne avevo scritto qui: https://www.medicitalia.it/consulti/cardiologia/625816-tachicardia-strascichi-ormai-insopportabili.html)

sono andato una sera in pronto soccorso, dove mi è stata prescritta una terapia a base di Lexotan (dieci gocce la sera), senza tuttavia indicazioni sulla durata della stessa.

Durante una seconda visita, sempre in pronto soccorso, sempre per disturbi evidentemente di natura ansiosa, mi è stato invece prescritto Alprazolam, Omeprazolo 20 mg per tre settimane per un sospetto reflusso, ed Efferalgan 1 g al bisogno per i dolori intercostali, a loro volta di natura somatica.

La prima domanda che vi pongo è la seguente: ho dimenticato di dire al secondo medico del PS che avevo già cominciato con l'altra benzodiazepina, e quindi non gli ho chiesto chiarimenti sull'eventuale interazione tra Lexotan, Omeprazolo ed Efferalgan: posso assumerli insieme o ci sono controindicazioni?

Seconda questione: il mio medico di base, nel frattempo, mi ha prescritto anche il Riopan al bisogno, per eventuali episodi di bruciore di stomaco. Anche qui: posso assumere senza pensieri questi quattro farmaci contemporaneamente?

Arrivo all'ultima domanda: per non esagerare con il bromazepam, ho finora preso un dosaggio più basso rispetto a quello indicato: 3, 3, 3, 3, 4, 4, 5 gocce nelle ultime sette sere. Potreste darmi un'indicazione su queste quantità, su una possibile durata della terapia in corso e sull'eventuale necessità di uno scalaggio nella sua fase conclusiva?

Un sincero grazie per i vostri suggerimenti.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
La terapia è solo sintomatica e quindi non efficace nel lungo termine.

Per avere una reale efficacia terapeutica deve rivolgersi ad uno psichiatra che possa stabilire un trattamento appropriato per i suoi disturbi.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 492XXX

Grazie dottore.

È mia intenzione in effetti mantenere dosi basse e circoscriverla il più possibile nel tempo.

Per questo le chiedo: potrebbe avere senso puntare a un massimo di 14 giorni complessivi, abbassando gradualmente il già ridotto dosaggio?

Le domando, inoltre, se sussistano controindicazioni ad assumere contemporaneamente i quattro farmaci che mi sono stati prescritti (Lexotan, Omeprazolo, Efferalgan, Riopan).

Grazie di nuovo.