Utente 468XXX
Buonasera cari Dottori,
sono una ragazza di 33 anni, sposata con un uomo di 47 anni.
Mio marito assume duloxetina sostanzialmente dal 2012, nella dose di 60 mg al giorno.
Ad aprile ha sospeso di sua volontà la terapia (senza dirmi niente tra l'altro) senza consultare prima il psichiatra.
Adesso si ritrova ad essere nuovamente depresso... o ansioso, non lo so... dorme poco, è dimagrito diversi kg, non sta bene...
Può essere un rebound dopo 2 mesi?
Il 21/06 ha una nuova visita dallo psichiatra.
Io volevo chiedere se l'assunzione di duloxetina influisce molto sulla prolattina.
Le chiedo questo perché stiamo percorrendo un percorso di PMA di II livello, già ha uno spermiogramma non brillante, anzi...
Esistono antidepressivi che non vanno a minare la fertilità?
Ho sentito parlare di farmaci SSRI e SNRI, quali tra questi due sono più consigliati in caso di infertilità?
Cosa ci consiglierebbe lei in questo momento?
Di proseguire con la duloxetina od un cambio di farmaco?
So anche che lo stress aumenta i livelli di prolattina già di per sé.
Mi sento disperata... sia perché soffro a non riuscire ad aiutarlo, sia perché (e qui il senso di colpa prende il sopravvento) non so come fare con questo percorso di PMA, tra pochi giorni devo iniziare le punture.
Aiuto!

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Suo marito potrebbe avere una ricaduta.

Non è detto che i farmaci agiscano sulla conta spermatica.

In ogni caso lo psichiatra stabilirà la terapia che suo marito dovrà assumere per trattare i suoi disturbi.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 468XXX

Buongiorno Dottore,
La ringrazio per la sua risposta.
Sono giorni molto difficili questi ed io mi sento terribilmente inutile ed impaurita perché vedo che qualsiasi cosa, qualsiasi gesto è vano.
Lui dice che non ha voglia di fare niente, che non riesce a trovare lo stimolo, che ha paura, che non ce la può fare.
È sempre sudato fradicio e ha sempre sete (dice di sentire la bocca secca), mangia ma dimagrisce ugualmente, la notte dorme poco.
Come posso aiutarlo?
La psichiatra lo vedrà appena il giorno 21.
Grazie.