Utente 353XXX
Salve, sono un ragazzo di quasi 27 anni e sin dal adolescenza ho sempre sofferto di forti disturbi ansiosi e di panico che mi hanno costretto a varie rinuncie scolastiche e ad alcune lavorative per la quale ho poi intrapreso percorsi psicologici per cercare di arginare il problema con assunzione di psicofarmaci come zoloft, sereupin, Zyprexa ecc. Allo stato attuale invece assumo Anafranil 75mg mattina e sera e resilient ma purtroppo però accuso sempre alcuni stati di ansia in situazione di esposizione che mi portano anche a sudare molto mettendomi a disagio e invece in situazioni anche di calma subisco uno stato di forte sonnolenza che mi porta a non sentirmi lucido e reattivo nella vita di tutti i giorni, quindi vorrei capire questi farmaci assunti nel tempo mi possono aver danneggiato a livello cerebrale??
Dite che smettere con questa spazzatura sia la soluzione?
È secondo voi assumendoli potrò mai lavorare con efficacia? perché purtroppo ho avuto anche buone chances di lavoro ma alcune le ho dovute lasciare per problematice di tipo ansioso e somatico
Ovviamente le somministrazioni sono sempre stare prese con consulto psichiatrico però anche con lui non so più che fare perché prima mi dava fiducia ma poi con i vari eventi che si sono susseguiti l'ho persa..

Grazie a chi mi risponderà

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

La diagnosi quale è ? Queste terapie possono essere per un disturb bipolare, c'è il resilient, lo zyprexa prima, insieme a vari antidepressivi forse per il controllo della parte ansiosa, ma non è chiaro.

"Spazzatura" che Lei sta assumendo, quindi con chi è la polemica ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 353XXX

La diagnosi è quella che sempre riferito anche ai medici ed è un forte stato ansioso e anche di panico in situazioni di forte esposizione emotiva come ho avuto a scuola ma anche nel lavoro.

Beh spazzatura lo sono questi farmaci o secondo di lei fanno del bene?

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
I farmaci servono per curare.

La spazzatura è il residuo che si crea buttando le cose.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#4] dopo  
Utente 353XXX

Si perlomeno quello dovrebbero fare ma questo tipo di farmaci sono molto dannosi purtroppo invece di fare un azione mirata tarpano un po' tutto il sistema nervoso o sbaglio scusi?

Per quanto riguarda questi episodi di forte ansia unita a stati di sonnolenza molto fastidiosa e invalidante secondo lei c'è una via di uscita o mi devo rassegnare?

sto provando anche a fare psicoterapia ma il problema è che questi stati di ansia o panico sono spesso impossibili da governare per la natura del mio organismo, capisce che non so davvero più che fare? Come posso avere una vita migliore se oltre ad ansia subisco anche questi effetti collaterali invalidanti??

Grazie per le risposte

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, non sono particolarmente dannosi. Per il momento questo abbiamo a disposizione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 353XXX

Si ok che ci sono questi ma oltre a rispondere in moto categorico sa anche rispondermi se uno può vivere con simili. Effetti?? Queste sintomatologie che sto curando da diversi anni sono risolvibili?


spero che mi risponda in modo più ampio grazie

[#7] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Questo è un altro discorso. Lei ha effetti collaterali di un certo tipo con alcuni medicinali che ha provato ? Ha senso che si ponga il problema tecnico di trovarne di tollerabili, non che faccia una crociata.

Rispondo come ritengo opportuno.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 353XXX

Ne ho provati tanti ma gli effetti rimangono quelli e il sintomo invece permane sempre anche a livelli alti.. per cui capisce che la fiducia va a perdersi e uno non sappia più che fare?non è una crociata..

[#9] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ne ha citati 4, di cui tre antidepressivi. Non direi che non restino opzioni da considerare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 353XXX

Quindi secondo lei non sono adatti per curare stati forti di ansia e panico con forte sudorazione?

Quelli che ho provato sono Zoloft, Sereupin, Zyprexa, Depakin olanzapina e altri che non ricordo adesso Anafranil da 3-4 anni circa con Resilient e al bisogno Levopraid per le somatizzaizoni, non vanno bene?
Ho letto in giro di persone che usano molto lo Xanax il mio medico mi ha detto che serve solo al bisogno e non in modo continuativo, secondo lei dovrei usarlo?

Comq gli effetti collaterali sono caratteristici di questi farmaci o no?

[#11] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Intanto, Lei parla di stati d'ansia e somatizzazioni, ma si sta curando per un disturbo bipolare, perché le cure sono quelle. Se ragioniamo su farmaci che possono non essere adatti alla diagnosi in sé, come gli antidepressivi, poi si valuta male l'effetto.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 353XXX

Quindi secondo lei non vanno bene questi farmaci?

Il resilient ad es me lo ha inserito perché riscontravo anche alti e bassi Dell umore

Secondo lei lo Xanax non va preso come curativo a lungo peirodo?

[#13] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Alti e bassi dell'umore...è quello che dicevo, si usa nel disturbo bipolare, ma non ha discusso la sua diagnosi, non le hanno spiegato più o meno in cosa consiste ?

Ragiona su concetti di cura e di sintomi ma non di diagnosi, manca un pezzo fondamentale.

Il giudizio sui farmaci lo ha dato Lei, addirittura definendoli spazzatura, che senso ha chiedere se vanno bene o no ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#14] dopo  
Utente 353XXX

Certo che la ho discussa, soffro di un forte ansioso e anche pensieri ossessivi che sono aumentati Nell ultimo.periodo per dei fallimenti..

Beh li ho definiti così perché purtroppo fanno un sacco di effetti collaterali e quindi tra il sintomo e questi ultimi capisce che uno si esaspera..

Secondo lei per questi disturbi ce una via di uscita o vanno assunti farmaci in eterno??

[#15] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Però allora non torna, perché litio e olanzapina non hanno queste indicazioni. Se non è chiaro su cosa state lavorando, ragionare sul fatto che il disturbo non risponda bene, cosa si prevede per il futuro, etc non ha senso.
Sono cose molto diverse tra loro.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#16] dopo  
Utente 353XXX

Adesso assumo resilient per il controllo del rumore e Anafranil che viene utilizzato anche per arginare lo stato ansioso depressivo..

Secondo lei come farmaco quale sarebbe il più indicato?e conmeno effetti collaterali?

[#17] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Giriamo intorno allo stesso punto. Se si ritiene che per controllare l'umore ci sia bisogno del resilient, stiamo parlando di un disturbo dell'umore, verosimilmente bipolare.

Quindi perché poi ragionare su ansia e sintomi somatici come fossero delle cose staccate, o la diagnosi completa ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#18] dopo  
Utente 353XXX

Come le ho cercato di spiegare la sintomatologia di base e sempre stata l ansia con aspetti somatici, tachicardia, sudorazione ecc mentre nell'ultimo periodo è subentrato anche uno stato di depressione e umore altalenante connessa a situazioni di vita non facili dovute proprio al fatto di subire questi stati. So che non è facile da capire ma il disturbo è complesso e fatto di più aspetti che mi portano spesso a rendermi anche molto nervoso e arrabbiato per questo e quindi ulteriore stress emotivo.

E riuscito un po' a capire il tutto?

[#19] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Io sì, anche prima, ma Lei non sembra voler considerare le risposte.
Sta ripetendo i sintomi come se i farmaci si usassero per i sintomi, e non è così. Questo per stabilizzare l'umore, l'altro per l'ansia, uno per la depressione etc.
No, se si usa il resilient e si parla di stabilizzare l'umore siamo dentro le logiche di un disturbo bipolare e della sua terapia, se invece stiamo parlando di antidepressivo e ansia siamo dentro le logiche di un disturbo d'ansia, no saprei quale di preciso.

Invece nella diagnosi che Lei riferisce sicuramente manca un pezzo, per cui lo chiarisca col suo medico, non è che deve chiarirlo a me.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#20] dopo  
Utente 353XXX

Il farmaco lo si usa per il tipo di patologia riscontrata o no scusi?

Se assumo due tipi di farmaco vuol dire come le ho detto che il disturbo non è uno solo

Che pezzo mancherebbe scusi?

[#21] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Appunto, ma Lei menziona soltanto un tipo di diagnosi, e ragiona su terapie che non vi corrispondono.
Stiamo dicendo questo dall'inizio, non stiamo parlando d'altro.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#22] dopo  
Utente 353XXX

Ma quindi che farmaci sarebbe più indicati scusi?

intende dire che lo specialista al quale mi affido non ne capisce?

Invece di essere perentorio mi argomenti o indichi la cosa migliore se vuole consigliarmi, grazie.

[#23] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Consigliarla in cosa ? Su che farmaci deve prendere ? Ma stiamo scherzando.

Perentorio è Lei, con questi ultimatum fuori luogo. Se non le interessano i commenti, eviti di chiederne.

Pare che di tutto quello che è stato detto o non abbia letto niente, o non ha colto il punto dall'inizio, non saprei. Rilegga.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#24] dopo  
Utente 353XXX

Ma mi scusi lei mi ha detto che questi farmaci che assumo non sono indicati per questi disturbi allora secondo lei quali potrebbero essere??

Il medico che mi segue ormai da molti anni mi sembra molto competente però non ne vedo i risultati che secondo lui molto dipende dal mio modo di pensare per cui il farmaco può influirci poco ma se ho questi automatismi e sono io stesso vittima di questi come posso "salvarmi"??

Oltretutto questi sintomi mi indeboliscono molto sia a livello fisco che cerebrale sollecitandomi molto la parte nervosa, secondo lei non c'è farmaco che possa impedirli?


spero che possa rispondermi a questi tre questi grazie

[#25] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Le ripeto il punto di partenza delle risposte, che però la invito a rileggere, e cioè la diagnosi. Non si perda in domande generiche sul fatto che una cura possa far star meglio, quel che importa sapere per scegliere lo strumento è che tipo di meccanismo c'è, la diagnosi corrisponde a questo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#26] dopo  
Utente 353XXX

Come ho già cercato di spiegarle e mi ha ribadito anche il terapeuta la diagnosi è quella di una ansia radicata molto forte che mi mette molta preoccupazione sin da piccolo in situazioni di esposizione emotiva creando uno stato di allerta eccessivo.

Come ho già letto anche in rete gli antidepressivi ssri sono molto indicati per questo trattamento oltre che per stati ossessivi che riscontro.. ma sono anche altrettanto tossici per l'organismo, quindi secondo di lei pur andando contro ciò che ha studiato un trattamento a base di farmaci atossici come leggo e loro colloidal e non possono essere efficaci?

Grazie ancora

[#27] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
L'ansia non mette preoccupazione, è preoccupazione. Non crea all'era, è essere all'erta. Questo perché altrimenti si comincia a perder di vista che i sintomi vengono dal cervello, non da altri sintomi.

"ma sono anche altrettanto tossici per l'organismo, "

Ah sì, ma guardi un po' che cose nuove imparo così all'improvviso....

Non mi risulta. Ma ancora mi pare non degni di nessuna attenzione la questione centrale, che non ho a questo punto voglia di ripetere ancora.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#28] dopo  
Utente 353XXX

Certo che provengono dalla psiche appunto perciò sto cercando di ammortizzarla con tali farmaci anche se con scarso successo..

Ho riavuto oggi visita con specialista che per il momento mi ha prescritto Xanax al bisogno e sempre Anafranil 75mg mattina e sera e resilient a supporto poi da settembre dovrei rivedere la cura perbene.. il fatto è che subisco sembro stati di forte angoscia somatica e preoccupazione per il lavoro.. Ora lei mi ripete che non degno la questione centrale ma come le ho detto so benissimo che va capito l'origine dle fenomeno ma lo ho anche esposto eh

[#29] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, non provengono dalla psiche, dal cervello. Sono parte della psiche, la psiche non è un organo, è un insieme di manifestazioni.

No, nessuno le ha detto che va capita l'origine del fenomeno, è stato detto che va capita la diagnosi, visto che riferisce una cosa e poi la cura è per un'altra.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#30] dopo  
Utente 353XXX

ma la diagnosi glie'ho riferita.., forti stati ansioso ossessivo presente dall'infanzia con episodi depressivi e anche di panico

secondo lei quindi gli antidepressivi ssri come anafranil o il cymbalta che mi avrebbe prospettato di prendere poi non vanno bene nonostante siano indicati per questi fenomeni di stato ansioso ecc.

[#31] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Io non mi capacito di come non legga le risposte, o non le consideri importanti evidentemente.
Mi risponde così, come se niente fosse, che la diagnosi l'ha già detta, mentre invece chissà di cosa stiamo parlando ormai non so da quanto.

Chiudiamo il consulto qui, è decisamente improduttivo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#32] dopo  
Utente 353XXX

Ma perché l'ho già replicata più volte e lei risponde come se non lo fosse e dice che son cure inesatte quando sono state valutate da specialista senza dare una risposta in merito.

Ma va be lascia perdere il suo contributo e stato assai improduttivo e negativo per il forum

Saluti

[#33] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, nessuno ha detto che sono cure inesatte, come ho già detto Lei non legge le risposte.

Dovrebbe interessarle in teoria capire che diagnosi ha e che ci sia una coerenza tra le diagnosi e le terapie in corso, eppure non le interessa, e pretende di ragionare tralasciando questo.

Prima di disprezzare almeno legga le risposte un minimo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it