Utente cancellato
Salve,
Vorrei chiedere un piccolo aiuto perché non so più come comportarmi.
Sono fidanzata da 2 anni con un ragazzo che soffre di Disturbo ossessivo compulsivo grave, prima di fidanzarci eravamo amici da circa 1 anno ma non sapevo nulla della sua malattia e non ne avevo notato comportamenti strani, faceva una vita normale e come tutti senza problemi in apparenza, dopo uno o due mesi dall evoluzione del nostro rapporto mi mette a conoscenza di questo suo problema.
La sua famiglia non lo aiuta minimamente anzi sono loro che fin dall'infanzia alimentano le sue paure e i suoi sensi di colpa e a nessuno dei suoi amici è a conoscenza del suo disagio.
Siamo in procinto di andare a vivere insieme ma io non so più come fare o non fare, non conoscendo la malattia io ho fatto molti sbagli nel corso di questi due anni e continuo a farne ora nonostante io cerchi di aiutarlo più che posso avendo ricevuto da lui qualche informazione sulla malattia e su come si sente molte volte e in molte situazioni.
Ogni cosa che dico o faccio risulta molto spesso essere sbagliata e porta lui a diventare aggressivo verbalmente e in preda al panico e scatena liti continue minando ip nostro rapporto e intaccando anche altri aspetti della nostra relazione.
Soffre di questa malattia da circa 5 anni e ha intrapreso vari percorsi con psicologi e psichiatri con l aiuto anche dei farmaci ma non ne è uscito anzi soprattutto nell ultimo anno è peggiorato, non esce più senza che ci sia io con lui e passa molti giorni chiuso in camera senza riuscire ad uscire.
Siamo in crisi profonda, lui sta male e io sto male a mia volta perché non riesco ad aiutarlo ma anzi peggioro solamente le cose, come posso aiutarlo nei momenti di difficoltà e nei momenti di crisi? Come posso tranquillizzarlo quando in preda alle ossessioni?
Ringrazio in anticipo chiunque risposta.
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Se non vi è compenso dalla malattia, la terapia va rivista per ottenere un beneficio che possa comportare un andamento normale della quotidianità.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it