Utente 393XXX
Chiedo un consiglio su come gestire un DOC dato che il mio terapeuta è in ferie. Convivo con la mia ragazza da più di un anno e lei sa del mio disturbo, ho avuto una ricaduta molto pesante in questi ultimi giorni. Verso Aprile la mia ex ragazza mi ha scritto e la cosa mi ha fatto piacere e allora ho pensato "non è che sei ancora innamorato di lei" e da lì è ripreso l'inferno, a Maggio un ragazzo su un social network mi ha messo vari like a delle mie foto, sono andato a vedere se lo conoscessi e dalle sue foto ho intuito che fosse omosessuale... ho pensato "ci sta provando con te, vuol dire che gli piaci... ti fa piacere allora ne sei innamorato" da lì il panico. So che è irrazionale il tutto ma ho fatto un paio di settimane ad essere convinto di amare una persona che neanche conosco e neanche mi ricordo come sia fatta. Poi tramite alcune uscite e le ferie la cosa è sparita per due mesi. Sono stato in vacanza con la mia ragazza alla quale tengo moltissimo, di ritorno ad Agosto mi sono lasciato prendere un pò dallo sconforto, mi è venuto il dubbio mi sono ritestato e l'incubo è ricominciato. Il bello è che neanche so chi sia ne come è fatto, ma mi sembra di amarlo e di conoscere tutto di lui, come se lo conoscessi da una vita (ovviamente non ho intenzione di conoscerlo)...mentre per la mia ragazza non sento più nulla, so solo che però pensare la mia vita senza di lei mi sento malissimo, non voglio lasciarla... vorrei tornare come prima. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

"So che è irrazionale il tutto"

No, la patologia del doc è iper-razionale. Per questo non funziona il darsi spiegazioni e il richiamarsi alla ragione. La ragione del doc rimane sempre aperta, con un dubbio razionale estremo. Quello che chiamiamo irrazionale in realtà è irragionevole se mai, ma questo tipo di conclusione la riusciamo a farla bastare quando siamo liberi dal dubbio tenuto aperto dall'ossessione.

Il suo terapeuta la sta curando per che cosa, e con che tipo di terapia ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 393XXX

Mi sta curando per il disturbo ossessivo attraverso la terapia cognitivo comportamentale. Ho iniziato circa 3 anni fa e per quasi 2 anni non ho avuto ricadute fino ad Aprile/Maggio. Durante la cura, su ricetta dello psichiatra assumevo En gocce e 4mg di Citalopram. Non capisco, ad Aprile ero sicuro che fosse DOC e riuscivo a riconoscerli e ora che è ritornato ho il dubbio che non lo sia, mi sembra tutto reale. La cosa certa che so è che non voglio perdere la mia ragazza.

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
4 mg di citalopram è una dose insufficiente, non attecchisce in funzione antiossessiva in genere. Ma se funzionava, e il peggioramento è avvenuto dopo la sua sospensione, mi pare evidente il senso della cosa.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it