Utente 488XXX
Buongiorno gentili Dottori, tra pochi giorni mi sottoporrò a un ciclo di stimolazione magnetica transcranica per il disturbo ossessivo compulsivo, sebbene non sia un caso grave, anzi ormai ho solo residui di questo disturbo, mi è stata consigliata per stare ancora meglio.
La zona stimolata sarà la SMA a bassa frequenza.
Qualcuno di voi che ne sappia di questa tecnica mi potrebbe spiegare i meccanismi e il ruolo che ha la SMA con il doc.
E anche se è stato mai riscontrato qualche effetto indesiderato degno di nota.

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Mi scusi ma questo rientra nelle informazioni di base, che avrà discusso col suo medico prima di scegliere questo trattamento, e comunque le saranno riepilogate al momento di farlo.

Quindi in che senso pone questa domanda ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 488XXX

Salve, il Doc mi fu diagnosticato nel 2010 e da lì iniziai terapia cognitiva comportamentale con Cipralex, interrotto nel 2015.
Quest’anno dopo essere venuto a conoscenza della rtms ho fatto una visita in un centro specializzato e mi hanno fatto diagnosi e vari test, dopodiché mi è stato proposto un ciclo di rtms sulla SMA.
Ma senza avere spiegazioni dettagliate, solamente che facendo la stimolazione mi verranno messi come dei “filtri” che nel momento che si presenterà un pensiero ossessivo per me sarà facile lasciarlo perdere. Questo è quanto mi è stato detto.

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
" verranno messi come dei “filtri” che nel momento che si presenterà un pensiero ossessivo per me sarà facile lasciarlo perdere. "

Questo significa semplicemente che migliora il disturbo, vale per qualsiasi cosa, dal cipralex alla rtms.

C'è una ragione per cui semplicemente non si ritenta il trattamento che aveva già funzionato ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 488XXX

Sono sempre in cura con la mia psicoterapeuta come “mantenimento” della terapia, per il Cipralex nel centro dove sono andato per la rtms il prof. Pallanti mi ha consigliato di riassumere 10 gocce di Cipralex, ma anche se questo farmaco non mi ha mai dato particolari effetti collaterali, preferirei evitare per paura di poterli avere adesso...all’epoca siccome stavo molto male ero disposto a tutto.
Dottore dalla sua esperienza, la rtms da effetti collaterali ?

Grazie

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"ma anche se questo farmaco non mi ha mai dato particolari effetti collaterali, preferirei evitare per paura di poterli avere "

Un pensiero decisamente assurdo.

Si sta semplicemente complicando da solo una soluzione già indicata, andando a cercare cose diverse, soltanto perché diverse.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it