Utente 510XXX
Buonasera, soffro di disturbo ossessivo compulsivo e ansia, per 5 anni ho preso entact ed è andato tutto bene, ma nell'ultimo anno credo non facesse più effetto perché sono ricomparse fobie, ansia e ossessioni. Così dopo un anno di sofferenza ho deciso di rivolgermi ad una psichiatra per cambiare terapia. Adesso prendo 3 compresse da 20mg di paroxetina al giorno e due di xanax da 0,50,una la mattina e una il pomeriggio. Sono stata un po' meglio ma le ossessioni non sono scomparse del tutto, e questo mi causa ansia e disagio. Cerco di svolgere tutte le attività della vita quotidiana ma non mi sento ancora me stessa, vorrei tornare alla vita normale che avevo fino a poco tempo fa, senza continue preoccupazioni e ossessioni varie. Questa nuova terapia l'ho intrapresa da tre mesi. Mi chiedo se devo ancora aspettare o se è il caso di cambiare nuovamente molecola. So che per il doc si può utilizzare anche l'ananifril. Vi chiedo un consiglio per favore perché voglio uscire da questo circolo vizioso. Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

3 mesi sono un termine ragionevole per cambiar cura in assenza di risposta significativa. Se invece sta decisamente meglio, ed è in miglioramento graduale, il medico può decidere di attendere ancora prima di cambiare o associare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 510XXX

Gentile dottore, all'epoca con entact già dopo un mese e mezzo stavo benissimo, per 4 anni non ho mai più avuto fobie e ossessioni. Solo nel quinto anno di assunzione si sono ripresentare e per questo ho voluto cambiare terapia. Ora con la paroxetina un miglioramento c'è stato ma il mio umore è sempre oscillante, ci sono giorni in cui mi sento molto in ansia e le ossessioni permangono, anche se cerco di non dare loro importanza. So che non esiste un farmaco perfetto e che la risposta è soggettiva. Ma dopo entact e paroxetina, cosa potrei provare? C'è un farmaco più specifico o indicato per il doc? Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
I farmaci utilizzabili per il suo disturbo sono diversi.

Ce ne sono di diverso tipo ed azione anche più specifica.

Si devono solo provare.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#4] dopo  
Utente 510XXX

Dottore una domanda, se gli Ssri agiscono tutti sulla serotonina in base a cosa una molecola può essere più efficace di un'altra? È il caso di cambiare con un altro ssri o con altro? Grazie.

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non agiscono così banalmente su un bersaglio identificabile in una sostanza da aumentare o ridurre. Comunque non ce n'è uno migliore, e non tutti rispondiamo agli stessi anche per variabili relative a quanto li metabolizziamo, cosicché le dosi indicate non per tutti sono sufficienti,.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it