Utente 446XXX
Buongiorno,

sono affetto da disturbo di personalità ossessiva con doc.

la cura che sto seguendo (da circa un anno) è la seguente

sertralina 100 mg
zyprexa 2,5 mg


i risultati sono buoni, ma ci sono degli effetti collaterali un pò fastidiosi

- scarso desiderio sessuale
- eiaculazione ritardata rispetto allo stimolo sessuale
- aumento di peso (prima ero sottopeso, quinidi non è un problema)
- ho notato che se non assumo lo Zyprexa abbastanza presto la sera, il mattino mi sveglio stordito, in particolare se vado a dormire ad Orari diversi o mi sveglio ad orari diversi (come mai?)

nel complesso mi sento di dire che la cura non è male, lo psichiatra mi ha illustrato possibili alternative (Anafranil + Haldol ) ma mi pare di capire che questi farmaci presentano molti più effetti collaterali.

Come faccio a ridurre l'incidenza di questi effetti collaterali? grazie

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Come mai gli schemi di terapia comprendono due tipi di medicinali e non solo un antiossessivo ? Sa se c'è qualche ragione nella diagnosi ?
Gli effetti collaterali dello schema alternativo che ha indicato più o meno sono analoghi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 446XXX

perchè secondo il mio psichiatra l'associazione di un antipsicotico atipico + un ssri sarebbe più efficace nel controllo dei sintomi ossessivi.

In particolare il mio psichiatra ritiene l'Olanzapina un ottimo farmaco in grado di contrastare i pensieri ossessivi, Molto incisivo sulla psicopatologia.

La sertralina agisce migliorando l'umore
L'olanzapina agisce riducendo il volume dei pensieri ossessivi



come posso fare per ridurre questo effettto collaterale:

- ho notato che se non assumo lo Zyprexa abbastanza presto la sera, il mattino mi sveglio stordito, in particolare se vado a dormire ad Orari diversi o mi sveglio ad orari diversi (come mai?)
Questo è un problema visto che ho la necessità di lavorare.

grazie

[#3] dopo  
Utente 446XXX

per ridurre l'incidenza di questo effetto collaterale posso assumere lo Zyprexa prima di cenare? lo stordimento mi dura indicativamente dal risveglio (ore 07.00 fino alle 10 di mattina), in questo intervallo di tempo mi sento rallentato, la mia attività mentale è ridotta.

Mi sono dimenticato di dirle, che probabilmente la scelta di questo farmaco è dettata dal fatto che un sintomo di cui soffrivo è l'insonnia.

Al bisogno assumo Stilnox 10 mg, questo farmaco non presenta il c.d. problema dell'accumulo perchè ha una emivita breve, certo crea assuefazione nel medio periodo è non può essere considerato risolutivo di problematiche

Potrebbe indicarmi una soluzione per questo problema, grazie

[#4] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
In generale, è vero che l'aggiunta di un farmaco antipsicotico atipico potenzia l'effetto, questo però a partire da un antiossessivo a dose piena che funziona ma non completamente.
Quindi, un'ipotesi da valutare è se, usando un solo medicinale magari a dose piena, alcuni dei sintomi potrebbero ridursi.
Quelli sessuali però sono abbastanza tipici (il ritardo eiaculatorio) degli ssri e anche dell'anafranil a dose piena.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#5] dopo  
Utente 446XXX

Buongiorno,

prendendo Zyprexa attorno le 21:00 di sera l'effetto "coda" alla mattina sparisce.

La cura riduce alcuni dei sintomi presenti nella patologia ossessiva, quali l'insonnia e i disturbi del pensiero, però non mi sento di dire che sia completamente efficace nel trattare una patologia complessa come la mia.

In particolare trovo una certa difficoltà nei rapporti sociali, nel relazionarsi con le ragazze e con le persone in generale.

A suo parere per trattare questi altri aspetti dovrei affidarmi ad una cura solo farmacologica o ad un intervento di tipo cognitivo-comportamentale?

Grazie

[#6] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Questo allora è un altro quesito. Vale però il discorso di prima. Per valutare efficacia, si parte da uno schema di riferimento, altrimenti si va empiricamente per tentativi, che è meno standard ma può produrre ugualmente risultati.

Una certa difficoltà sociale è presente in chi soffre di doc da tanto tempo, per cui se è dovuto sempre a quel tipo di impaccio, è chiaro che la matrice su cui agire è quella, e quindi le terapie da prendere in considerazione sono quelle che già sa.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it