Utente 520XXX
Cortesi Dottori, avrei bisogno di un Vostro parere. L’anno scorso a gennaio 2018 dopo un periodo di forte stress ho avuto dei DAP, ansia generalizzata, non so se si può chiamare depressione ma di certo non ero felice della situazione, atteggiamenti fobici. Sono andato a farmi seguire da una comportamentista e da uno psichiatra il quale ha formulato questa cura: Zoloft 150 + 1mgx3 volte al giorno di tavor orosolubile. Successivamente perché non riuscivo a dormire, ero dimagrito molto di peso ed ero inappetente con un pensiero strano in una sola occasione mi è stata aggiunta zyprexa 5mg. La cura è andata bene, ad agosto avevo sospeso completamente scalandoli il tavor non senza difficoltà iniziali, ad ottobre ero arrivato a zyprexa 2,5 tutto bene. Con l’anno nuovo avevamo convenuto di eliminare la zyprexa 1,250 per 15 giorni e poi stop anche per un aumento di peso, libido zero. Appena diminuita ho avuto mal di testa di pancia per una settimana e dopo aver smesso completamente la zyprexa non ho più un sonno regolare, con risvegli notturni, molta tensione nervosa, ansia media, malissimo per alcuni giorni ai muscoli mal di testa concentrato alle tempie, prurito.
Rimango perplesso a questo punto sullo zoloft dopo un anno, medicina che non ho mai sentito avere grandi effetti, a differenza dell’olanzapina e del tavor. La tensione nervosa mi imporrà di prendere 1 o mezzo tavor per ora ho cercato di utilizzare delle gocce di melissa. Includo che 25 anni fa ero stato curato con paroxetina pochi risultati forse in dosi troppo basse per i medesimi problemi senza pensieri strani ed in un periodo di forte stress delle gocce di cypralex con ottimi risultati sempre con caratteristiche ansiose
Questa situazione può ritenersi un effetto rebound della Zyprexa anche a così bassi dosaggi? Quanto può durare? Può nel mio caso non aver sortito gli effetti sperati lo zoloft, che prendo ma non migliora la situazione o non la tiene a bada come mi attendevo facesse? Immagino sia difficile avere un quadro clinico ben definito, ma non ho depressione, non ho bipolarismo o schizzofrenia, non ho strani pensieri.
Grazie per le vostre opinioni professionali. Cordialità

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
La sospensione potrebbe dare questo tipo di effetti.

E' anche possibile che la sertralina non sia il farmaco adatto per la sua situazione e potrebbe essere provata una terapia differente.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 520XXX

Grazie Dott. Ruggiero molto gentile. Secondo la sua esperienza l'eventuale effetto reboud di olanzapina 2,5 anche se scalata per quanto tempo potrebbe perdurare dopo il fine somministrazione?
Può avere senso tamponare per un po' la situazione con 1 o 2 mezze pastiglie di tavor 1mg al di per chiarire se è una questione di sospensione?
Sono d'accordo con lei o almeno non ho sentito particolare giovamento nel mio caso con sertralina poi quando si combinano più farmaci non si capisce quali siano quelli con una resa migliore perchè il risultato è tutt'uno.
Ancora grazie

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
La durata può essere piuttosto variabile, circa un paio di settimane.

Non serve utilizzare altro nel corso di questi episodi in quanto il dosaggio era basso per cui se dovessero permanere o ripetersi possono dare indicazioni differenti.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#4] dopo  
Utente 520XXX

Cortese Dott/Dott.ri., i sintomi da sospensione, che dopo due settimane non possono più definirsi di rimbalzo, permangono e mi sento meno tranquillo(risvegli, ansia, leggera fobicizzazione, qualche sbaglzo di umore). Nel frattempo ho fatto una visita ma mi è stato sconsigliato di interrompere lo zoloft 150. Ho suggerito l'ipotesi di sostiuirlo con cypralex, ma la molecola sembra essere molto simile e quindi potrebbe non avere senso. Fatto sta che da quando ho smesso la zyprexa 2,5 le cose sono andate peggiorando. Mi è stato detto che in Italia ad esempio cypralex e zyprexa non possono assere combinati sarebbe vietato dalle linee guida, poi c'è chi lo fa ugualmente. Nei casi di ansia che può essere momentanea e per un periodo, mi è stato suggerito di integrare con tavor 1mg 1 o 2 pastiglie giorno. E' sempre difficile suggerire qualcosa, ma zyprexa mi era stato aggiunto per una questione di mancanza di sonno inappetenza e non per le normali indicazioni terapeutiche. Non riesco a capire come mai la mancanza di un farmaco preso in proporzioni minime mi abbia così lentamente destabilizzato e non abbia trovato una base solida di zoloft a mantenere il tutto stabile.
Non posso che ringraziare come sempre per l'opinione medica.

[#5] dopo  
Utente 520XXX

Cortesi Dottori, probabilmente ho espresso una richiesta di parere che andava a "cozzare" con la valutazione di un collega e comprendo non mi sia stata data risposta.
Considerando che debbo integrare la giornata con il tavor 1mg, è ragionevole pensare che zoloft 150 dopo un anno visto che non copre le mie necessità possa essere una medicina non giusta? Quale potrebbe essere un farmaco che potrebbe essere provato nel mio caso? Sicuramente zyprexa 2,5 anche se in questa piccola dose aveva evidenti risultati validi. Oppure ha senso ritornare a prendere la combinazione zyprexa e zoloft?
Poi non disturbo più. Grazie