Utente 483XXX
Avevo gia aperto un,consulto mesi fa e avevo apprezzato le risposte del Dottor Pacini..mi trovo ancora nella stessa situazione ovvero assumo solo aripiprazolo 5mg dopo aver provato mirtazapina citalopram e tavor.
Adesso finalmente lo specialista sta valutando un cambio di cura e mi ha prospettato la scelta tra quetiapina o amitriptilina..che so essere due farmaci completamente diversi,sempre per contrastare la depressione..chiedo delucidazioni a voi
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Dunque, intanto, rifacendomi al titolo, una depressione che non ha risposto a due antidepressivi non si definisce resistente. La scelta è tra molecole diverse in effetti, che non sono indicate nella depressione, una lo è, l'altra è indicata nel disturbo bipolare, così come l'aripiprazolo. Non discuto che siano opzioni nelle forme resistenti, ma qui parliamo di opzioni per la depressione, se quella è la diagnosi confermata.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
In genere nel trattamento delle forme depressive resistenti è possibile ricorrere all'uso di diversi farmaci, con meccanismo d'azione diverso e appartenenti anche a classi farmacologiche diverse. E' prassi comune l'uso di molecole puramente antidepressive (anche più di una) associate a farmaci ad azione stabilizzante e comunque stimolante sull'umore. A questo proposito le combinazioni possibili sono diverse. Tra i farmaci ad azione non puramente antideressiva vi sono l'aripiprazolo e la quetiapina che pur essendo antipsicotici di nuova generazione hanno dimostrato una azione positiva nelle forme depressive resistenti, in associazione ad antidepressivi tradizionali. L'amitriptilina è un antidepressivo triciclico. Non comprendo la scelta alternativa tra quetiapina e amitriptilina ma non sono in grado di avere le stesse informazioni che ha il suo specialista.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#3] dopo  
Utente 483XXX

Mi e stato detto che l antipsicotico andrebbe piu a lavorare sull angoscia e sull ansia mentre il triciclico piu sull apatia e i sintomi depressivi..
In effetti il titolo non e completamente corretto perche mi rendo conto di aver provato pochi farmaci in mesi e mesi di consulti..

[#4] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Non mi è chiaro se il suo specialista intende usare entrambe i farmaci o se siano alternativi l’uno all’altro.
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#5] dopo  
Utente 483XXX

Intende togliere l aripiprazolo e inserire uno tra questi due

[#6] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Ma lei al momento assume soltanto aripiprazolo?
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#7] dopo  
Utente 483XXX

Si dottore,solo quello...a 5mg,ma come dicevo non ne avverto gli effetti antidepressivi

[#8] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
In genere l’aripiprazolo si usa in associazione ad altri antidepressivi. Stesso discorso vale per la quetiapina.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#9] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La suddivisione degli antidepressivi per tipo di sintomi è un'idea, ma non è detto che alla fine abbia un senso più del principio di trovare un farmaco che funzioni sul complesso dei sintomi, e poi da lì eventualmente perfezionare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 483XXX

Vi ringrazio.
Io sono seguito da un privato ma sto per andare al dsm a chiedere un secondo parere,spero di trovare la cura giusta ma non dipende da me..

[#11] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
In bocca al lupo. Ci aggiorni se vorrà.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#12] dopo  
Utente 483XXX

Salve Dottori,sono stato al csm quindi da un nuovo psichiatra che mi ha prescritto quetiapina R.P. 50mg rilascio prolungato per iniziare.
Per avere un vostro parere piu preciso vi riporto l esame psicopatologico attuale:
soggetti lucido ben orientato nello s/t rispetto a se,mnesico,collaborante.Facies mimica,eloquio spontaneo oresente anche se moderamente coartato. L affettivita appare distante e appiattita rispetto ai vissuti,ma priva di oscillazioni di significato patologico.
Riferisce aumento dell appetito e del peso con alimentazione sregolata. Ritmo sonno veglia conservato ma con tendenza all ipersonnia. Riferisce ansia libera,sempre presente ma accentuata da situazioni non abituali e da contesti che espongono a relazione e presenza di altri. Importante anedonia e abulia.
Vi ringrazio per l eventuale risposta

[#13] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Quetiapina presumo in sostituzione di qualcos'altro. Si tratta sostanzialmente di un altro farmaco teoricamente antibipolare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#14] dopo  
Utente 483XXX

E stata la prima visita con quest altro specialista,mi e stata data come primo farmaco a suo dire prevalentemente per l ansia.
Mi ha detto che non ha riscontrato una depressione primaria ma sintomi importanti di anedonia e abulia..

[#15] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non è una diagnosi, sono sintomi, e francamente come dicevo anche prima non mi pare la classica terapia né per una depressione. né per un disturbo d'ansia.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#16] dopo  
Utente 483XXX

A questo punto non saprei che fare,io mi sono rivolto a chi di dovere e le terapie giustamente non posso deciderele io ma devo attenermi a quelle date.
Quindi se ho capito Dottor Pacini la terapia corretta di un disturbo d ansia o depressivo sarebbe un antidepressivo e l antipsicotico dovrebbe essere al massimo dato in aggiunta e non in monoterapia come invece e successo a me

[#17] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La sequenza è questa di regola, Ci sono anche casi in cui la persona ritiene di avere un problema d'ansia ma in realtà lo psichiatra lo cura per altro, anche se magari non si è mai parlato apertamente o a fondo della diagnosi. Quindi può essere frutto di equivoco sulla diagnosi tecnica. Altrimenti capirei poco perché come primi farmaci si scelgano antipsicotici o antibipolari.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#18] dopo  
Utente 483XXX

Non sono di sicuro ne bipolare ne psicotico, la psichiatra ha detto che questo farmaco a questo dosaggio,che ho scoperto essere molto basso dato che l effetto antidepressivo si otterrebbe dai 150mg in su, sarebbe servito da ansiolitico e a diminuire il ruminare dei pensieri.
Comunque io non sono affatto soddisfatto dato che quello che piu mi disturba prima dell ansia sono i sintomi depressivi,la mancanza di piacere nelle attivita giornaliere,apatia ecc.
A breve al prossimo colloquio chiedero un chiarimento comunque informandomi un po sulla quetiapina ho visto che e un farmaco che puo essere usato oserei dire per quasi tutti i disturbi tra cui ufficialmente approvato anche per la depressione maggiore unipolare, anche se a dosaggi piu alti del mio e di solito in aggiunta ad un antidepressivo..

[#19] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Mi pare si continui con l'equivoco: l'effetto antidepressivo si ottiene sì a dosi maggiori, ma stiamo parlando dell'effetto antidepressivo nel contesto di una terapia antibipolare, perché a dosi maggiori aumenta anche l'azione antibipolare.

Stiamo parlando di proprietà antidepressive equivocando tra i sintomi depressivi e la diagnosi di malattia depressiva.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#20] dopo  
Utente 483XXX

Quindi in totale io cosa posso fare? come posso uscire della depressione se chi mi deve curare non lo fa, mi da terapie sbagliate e capito sempre male? devo minacciare il suicidio? pensiero che tra l altro mi gira in testa sul serio

[#21] dopo  
Utente 483XXX

Sera,mi e stato aggiunto brintellix 20mg,potrebbe ora essere una terapia corretta?

[#22] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Restiamo nel senso di un commento fatto su un sito, che non è un giudizio definitivo sulla cura che fa. Ci siamo limitati a dire che è meglio non ragionare sul tipo di sintomi, ma sulla diagnosi. Per adesso non cambiano le considerazioni generali, stiamo sempre parlando di un antidepressivo e un antipsicotico associati. E' una terapia strana ? No. Può essere una terapia per una depressione resistente ? Si.
Però la sequenza di trattamenti non è quella di una depressione che non ha risposto a nulla di normale e quindi si approda a uno schema così, sembra più un tipo di schema già dall'inizio concepito in un certo modo, forse banalmente perché la diagnosi non è di malattia depressiva.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#23] dopo  
Utente 483XXX

Diciamo che il titolo del consulto puo anche essere sbagliato,ok.
E anche vero che non ho mai avuto una diagnosi vera e propria,pero onestamente fatico a comprendere cosa vuole dire,lei intende che io penso di essere depresso e invece gli specialisti la pensano diversamente e mi curano per un altra diagnosi?E quale sarebbe secondo lei la diagnosi?

[#24] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Questo appunto, dipende: lei conosce la sua diagnosi, lasciando quindi stare il titolo ?
Non ho idea di quale sia, ma vedendo la composizione della cura e considerando che non sono gli ennesimi tentativi, ma i primi, rispetto alla diagnosi di depressione resistente non mi tornava.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#25] dopo  
Utente 483XXX

Ad oggi non la conosco,non me ne hanno ancora fatta una apertamente.
Pero immagino che avendomi prescritto antidepressivi e due antipsicotici a dosi utilizzate in casi di depressione la diagnosi sia proprio quella di disturbo depressivo

[#26] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ecco, io invece non lo immaginerei dal mio punto di vista, questo è esattamente il punto e quello che sto tentando di spiegarle.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#27] dopo  
Utente 483XXX

Ho capito,la ringrazio