Utente 483XXX
Avevo gia aperto un,consulto mesi fa e avevo apprezzato le risposte del Dottor Pacini..mi trovo ancora nella stessa situazione ovvero assumo solo aripiprazolo 5mg dopo aver provato mirtazapina citalopram e tavor.
Adesso finalmente lo specialista sta valutando un cambio di cura e mi ha prospettato la scelta tra quetiapina o amitriptilina..che so essere due farmaci completamente diversi,sempre per contrastare la depressione..chiedo delucidazioni a voi
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Dunque, intanto, rifacendomi al titolo, una depressione che non ha risposto a due antidepressivi non si definisce resistente. La scelta è tra molecole diverse in effetti, che non sono indicate nella depressione, una lo è, l'altra è indicata nel disturbo bipolare, così come l'aripiprazolo. Non discuto che siano opzioni nelle forme resistenti, ma qui parliamo di opzioni per la depressione, se quella è la diagnosi confermata.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
In genere nel trattamento delle forme depressive resistenti è possibile ricorrere all'uso di diversi farmaci, con meccanismo d'azione diverso e appartenenti anche a classi farmacologiche diverse. E' prassi comune l'uso di molecole puramente antidepressive (anche più di una) associate a farmaci ad azione stabilizzante e comunque stimolante sull'umore. A questo proposito le combinazioni possibili sono diverse. Tra i farmaci ad azione non puramente antideressiva vi sono l'aripiprazolo e la quetiapina che pur essendo antipsicotici di nuova generazione hanno dimostrato una azione positiva nelle forme depressive resistenti, in associazione ad antidepressivi tradizionali. L'amitriptilina è un antidepressivo triciclico. Non comprendo la scelta alternativa tra quetiapina e amitriptilina ma non sono in grado di avere le stesse informazioni che ha il suo specialista.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#3] dopo  
Utente 483XXX

Mi e stato detto che l antipsicotico andrebbe piu a lavorare sull angoscia e sull ansia mentre il triciclico piu sull apatia e i sintomi depressivi..
In effetti il titolo non e completamente corretto perche mi rendo conto di aver provato pochi farmaci in mesi e mesi di consulti..

[#4] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Non mi è chiaro se il suo specialista intende usare entrambe i farmaci o se siano alternativi l’uno all’altro.
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#5] dopo  
Utente 483XXX

Intende togliere l aripiprazolo e inserire uno tra questi due

[#6] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Ma lei al momento assume soltanto aripiprazolo?
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#7] dopo  
Utente 483XXX

Si dottore,solo quello...a 5mg,ma come dicevo non ne avverto gli effetti antidepressivi

[#8] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
In genere l’aripiprazolo si usa in associazione ad altri antidepressivi. Stesso discorso vale per la quetiapina.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#9] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La suddivisione degli antidepressivi per tipo di sintomi è un'idea, ma non è detto che alla fine abbia un senso più del principio di trovare un farmaco che funzioni sul complesso dei sintomi, e poi da lì eventualmente perfezionare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 483XXX

Vi ringrazio.
Io sono seguito da un privato ma sto per andare al dsm a chiedere un secondo parere,spero di trovare la cura giusta ma non dipende da me..

[#11] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
In bocca al lupo. Ci aggiorni se vorrà.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it