Utente cancellato
Gentilissimi dottori buon pomeriggio. Sono in cura con cipralex 10 mg da luglio di quest’anno, accompagnato fino a settembre con 10 gocce di frontal scalate guadualmente. La situazione è migliorata tanto, ma da quando ho tolto il frontal ho notato che qualche piccolo sintomo di ansia e qualche pensiero ossessivo (circa la salute del mio cuore) è tornato a farsi vivo. Sto continuando con i 10 mg e non mi sono ancora sentito con il mio psichiatra perché ripeto, la situazione va bene, mi sento molto bene e molto meglio rispetto a prima e volevo continuare così. Ora vorrei chiedervi, rimanendo sempre nella consapevolezza che i consulti online non sostituiscono la visita ne tanto meno si possono prescrivere farmaci, un aumento del cipralex in questo caso potrebbe giovare? ( da ignorante in materia pensavo che non potendo tornare ad assumere frontal l’unica soluzione sarebbe quella di aumentare il cipralex). In questi giorni sentirò il mio psichiatra ma avevo piacere e conforto a leggere un vostro parere. Grazie infinite per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
La eventuale valutazione va fatta dal suo specialista che potrà stabilire se fare o meno un aumento oppure una variazione differente.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
513347

dal 2018
La ringrazio dottore. Ho scritto al mio psichiatra che si è reso subito reperibile e mi ha prescritto un aumento a 15 mg. Permetta una ulteriore domanda dottore: aumentando da 10 mg a 15, questo aumento di 5 mg potrebbe incidere sull’effetto collaterale dell’allungamento del qtc? Premetto che ho effettuato 2 ecg in questi sei mesi e sono risultati entrambi nella norma. La ringrazio