Utente 225XXX
Gentili dottori, vi richiedo questo consulto per avere un consiglio sul da farsi. Soffro di ansia, e la psichiatra mi aveva prescritto una cura solamente con sertralina, da aumentare gradualmente giorno dopo giorno fino alla dose massima (che non ricordo purtroppo). Inizialmente avevo deciso di iniziarla, anche perché mi aveva assicurato che i farmaci che danno problemi sulla sfera sessuale sono altri, ma leggendo su internet ho notato che la sertralina dà non pochi problemi sessuali (impotenza, non eccitazione, mancata eiaculazione), quindi mi sono ricreduto su quel farmaco e decisi di non iniziare l'assunzione, senza prima avere alcuni chiarimenti. Quello che vi chiedo, è vero che la sertralina dà tutti questi problemi?

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Se il foglietto riporta quei sintomi, evidentemente sono tra quelli possibili. Non è che sono garantiti... e comunque una volta che uno lo sa, così non se ne stupisce se li sviluppa.
Non mi pare si possa dire che differisce dagli altri della sua famiglia per tipo di effetti collaterali possibili.
Però non vedo il perchè di questa preoccupazione così forte.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 225XXX

Grazie Dottore, la mia preoccupazione deriva dal fatto che non vorrei che la mia vita sessuale venisse sconvolta di punto in bianco a causa della Sertralina e che i danni possano essere irreversibili.

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"Sconvolta di punto in bianco" mi pare un'espressione inappropriata per riferirsi ad un effetto collaterale che si può sperimentare.

Questa cosa dei danni irreversibili ormai dall'essere un'eventualità da verificare e chiarire è il primo ragionamento che uno fa. Come se poi avesse senso stare a ragionare in questi termini.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it