Utente 522XXX
Buongiorno, ho 18 anni e nell'ultimo anno ho sofferto di ansia e depressione, durante quel periodo ho avuto un rapporto orale con il mio fratellastro (io mi sono sempre detto che lui non lo consideravo un familiare, dato che non c'era una relazione tra me e lui, e non lo vedevo mai perché non vive con me) e poi ho avuto delle prestazioni sessuali (orali) in cambio di denaro, con qualche uomo. Io non sono contro la prostituzione, se chi lo fa sceglie di farlo ed è consapevole.
Ad ogni modo la mia psicologa, neuropsichiatra e anche i miei familiari mi hanno detto che appunto sono cose sbagliate e che non vanno fatte.
Nel frattempo sono andato a fare dei viaggi, ed ero felice, sereno.
Torno dall'ultimo viaggio, verso settembre, e comincio ad avere dei pensieri intrusivi/ossessivi.
Ad esempio un 'scopala' riferito a mia madre.
Oppure paura di fare del male a qualcuno, di uccidere o di stuprare qualcuno, i miei cari.
Tutto questo perché mi vengono in mente dei pensieri che ho avuto quando ero piccolo. Ad esempio ricordo che una volta, fissando un coltello a casa di mia nonna e prendendolo forse in mano, ricordo che mi era passato per la testa un pensiero in cui avrei potuto accoltellarla. Oppure ricordo che quando ero piccolo, insieme a mia cugina stavamo giocando e ho suggerito di mettersi tutti e due delle caramelle nelle mutande. Oppure ieri sera, vedendo mio fratello (non fratellastro, mio fratello) ho pensato 'che bello' e da lì mi sono sentito angosciato perché ho paragonato questo alla cosa che è successa con l'altro fratellastro, e ho avuto pensieri in cui mi immaginavo di praticare del rapporto orale a lui.
Insomma, tanti pensieri, tutti i giorni, di questo tipo (sessuale, aggressivo) mi passano per la mente e mi angosciano moltissimo, mi spaventano, mi fanno avere paura di essere psicopatico, pazzo, folle, ho paura di fare del male a qualcuno, di essere pericoloso, ecc.
Sto già andando da una psicologa, ma diciamo che da 4 mesi a questa parte non ho risolto molto. Sono stato anche da una neuropsichiatra, non mi ha dato farmaci, ma a questo punto ho anche pensato che forse ne avrei bisogno.
Sono spaventato e non so più cosa fare.
Qualcuno mi può aiutare? Grazie mille in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Lo psichiatra ha fatto quale diagnosi, che lei sappia ? Le ha detto che non le dava nulla, o le ha indicato una psicoterapia che appunto sta facendo ? Questa psicoterapia in cosa consiste, di che tipo è ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 522XXX

Sia la neuropsichiatra che la psicologa mi hanno detto che sono normale, ma comunque io non sono tranquillo. Non sono a conoscenza delle diagnosi, per quanto riguarda la terapia, sto andando da una psicologa, parliamo, ma non mi ha detto che tipo di terapia lei stia usando.

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cosa vuol dire "è normale" ? Le hanno fatto delle diagnosi o no ? Sta facendo una terapia, perché va tutto bene ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it