Utente 522XXX
buongiorno sono nuovo del forum.racconto brevemente anche se un po lunga la mia storia:sono un uomo di 40 anni ,a 20 anni ho cominicato a soffrire di disturbi d'ansia e attacchi di panico, 2006 sono andato dal neurologo, che mi prescrisse eutimil 20 mg e cymbalta 60.ricordo gli effetti indesiderati iniziali ma nel tempo mii hanno permesso di ritornare ad una vita normale ,..tre anni fa ho deciso riaffiancare psicoterpia cognitivo comportamentale, a seguito di episodi di panico sempre periodo autunnale..arrivo al dunque autunno 2017 comincio a riavere problemi soprattutto nausea e nodo alla gola , e su consiglio del psicoterapeuta vado da un psichiatra di sua conoscenza, che mi da come terapia iniziale di innalzare la paroxetina a 40 mg, la sera gradualmente, la mattina deniban una pasticca e 1 mg di xanax rp.aprile 2018 al controllo mi sospende deniban e introduce gabapentin 300 due volte al giorno, colazione e dopo pranzo mantenendo il resto, però nonostante mi sentissi cmq bene come umore, avvertivo sempre in determinate situazioni questii conati di vomito,cosi mi sostituisce mirtazapina 30 al daparox, e la situazione sembra andare bene niente conati o nodo in gola, però con il passare del tempo giorno dopo giorno l'umore comincia a cambiare sento mattina specialmente nervosismo ,e dopo l estate anche spesso tristezza,un malessere .comincia il calvario secondo me ,perché in questo periodo prima abbiamo provato lyrica, poi sospeso, il trittico la mattina al secondo giorno, la sera prendo mirtazapina e vado in tachicardia, sospeso, ritorno al gabapentin ma sento sempre questa tristezza ,nervosismo il pomeriggio ansia, fino a che arrivo prima di natale ,ripassare alla paroxetina al posto della mirtazapina e dopo tre giorni devo sospendere per gli effetti collaterali ,mi sembrava di impazzire, il cuore a palla ,insonnia ,cosi il medico mi sospende tutto lasciandomi solo xanax 3 g mattina pranzo e cena.i primi di gennaio torno a visita e mi prescrive mirtazapina di nuovo da affiancare a seroquel 50 la sera e xanax mattina e pranzo. io primi giorni non solo non noto grossi risultati ma mi sento apatico ,triste e certi giorni cervello spento soprattutto il fine settimana, non vado più a lavoro da tempo, non ho voglia di fare un granche ,umore basso, irritabile.
dopo un nuovo consulto mi aumenta mirtazapina a 45, piccoli progressi, forse si, anche se altalenante.nuovo consulto ad un mese di trattamento mi dice giorni fa di ridiminuire a 30 mirtazapina e aumentare seroquel a 100 (seroquel rp), ma coincidenza non so domenica scorsa mi sento nuovamente spento col cervello, anche un po di nausea, e una leggera oppressione..scusate se mi sono allungato, ringrazio chi vuole rispondere, fatto sta che io credo di essere andato in depressione nonostante le medicine ,vorrei sapere ma la cura è appropriata?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
I farmaci che le sono stati prescritti sono indicati per ansia e per depressione. Lei ha fatto continui cambiamenti di farmaco e di dosi, mi chiedo se i vari protocolli terapeutici hanno avuto il tempo di espletare la loro azione.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
Utente 522XXX

innanzitutto grazie per la risposta.io vorrei capire se l'attuale terapia sia appropriata, se sia normale avere dopo un mese ancora alti e bassi.sui tempi di azione ,ovviamente io non sono un medico ,non sta a me ,certo io la cosa che posso dire che tutti questi bene non mi hanno fatto.cmq per avere un'idea il gabapentin l'ho preso da aprile a ottobre, il lyryca a salire con le dosi a partire da 25 fino a 100, per un mese circa, poi siccome persisteva tristezza apatia il medico me l'ha ridotto a 50 per 15 giorni circa, poi sospeso per il trittico, due giorni solamente per la tchicardia, e il resto è quello che ho scritto
grazie