Utente 414XXX
Gentilissimi dott. Di Mediciitalia
Vorrei approfittare della vostra professionalità per esporre un mia domanda
A Novembre 2015 che dopo uno sforzo eccessivo mi ricoverano per un infarto in corso trattato con angioplastica dove mi vengono impiantati n. 3 stent. Da allora sono sotto terapia con cardioaspirina, pillola per pressione, betabloccante e colesterolo di cui non posso fare a meno del IPP. Ma da allora soffro di ansia con agitazione eccessiva che ogni volta vado al pronto soccorso CON ESITI NEGATIVE PER ECG ED ESAME DELLA TROPONINA DEL SANGUE NEGATIVA mi liquidano dicendo di stare tranquillo. A Luglio 2016 approfittando di un parente neurologo in vacanza dalle mie parti, gli espongo il problema mi prescrive una compressa di 0,25 mg di Xanax alle 8:00 e alle 20:00 e Zoloft 50 mg la sera per trattamento contro disturbi d'ansia con attacchi di panico, patofobia e agorofobia da seguire per sei mesi. La situazione sicuramente è migliorata ma dopo i sei mesi i problemi d'ansia sono riemersi tale che per tratti ho seguito di testa mia la terapia per altri mesi per poi sospenderla e riprenderla sospendendo sempre i farmaci in maniera graduale. Ultimamente sto prendendo mezza cp di 0,25 mg di Xanax la mattina ma dato che in questo periodo ho visto dei peggioramenti sono andato in un specialista che visitandomi e tenendo conto della mia storia clinica (il precedente IMA) mi ha riassicurato per quanto riguarda il cuore (questo specialista possiede entrambi le specializzazioni in cardiologo e in neurologia) mi ha prescritto di seguire la seguente terapia:
5 gocce di Prazene alle 8:00, 14:00 e alle 20:00
Integratore Eracalm.
La mia domanda è posso cosi in maniera istantanea sospendere Xanan e prendere Prazene, dato il loro comportamento diverso velocità di azione ed emivita dei farmaci.
Distinti saluti

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Sinceramente non sarei dell'idea di utilizzare benzodiazepine che, oltre a creare dipendenza ed assuefazione, nel tempo possono provocare alcuni disturbi cognitivi che alla sua età e, considerato il fatto che ha avuto un infarto, non sono da trascurare.

La terapia prevista è quella con antidepressivi da utilizzare nel lungo termine.


Lo specialista di riferimento è lo psichiatra.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 414XXX

Innanzitutto grazie per celerità della risposta.
Quindi in teoria la terapia migliore sarebbe quella di prendere a lungo termine il Zoloft 50 mg.

Grazie in anticipo