Utente 527XXX
buonasera soffro di doc da circa 4 mesi con ansia fortissima e depressione ma il sintomo che più di tutti mi spaventa è una sorta di dissociazione.
mi spiego mi domando il senso della vita se esisto realmente ma sopratutto stento a riconoscere i visi dei miei familiari.
la domanda é la seguente: nel doc è aperto presente una fase dissociativa che dura mesi?
grazie

[#1]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
I sintomi che descrive appartengono all'ansia, compreso il domandarsi il senso della vita e la preoccupazione di non riuscire a riconoscere i familiari.

Quindi deve ovviamente curare il suo disturbo ossessivo se già non lo sta facendo e soprattutto evitare di chiedere rassicurazioni, pena l'esacerbarsi ulteriore dei sintomi nel tempo.
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#2] dopo  
Utente 527XXX

allora dottore ,infatti la psicologa dice che sono tutti sintomo di una fortissima ansia....le premetto che ho perso in 7 mesi due miei cari.....l unica cosa che mi fa sentire "matta" è non riconoscere mia mamma cioè veramente mi chiedo chi sia la vedo diversa e soprattutto non provo piu affetto.....sento un distacco fortissimo....come se non ci appartenessimo più.
che ne pensa?

[#3]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
"Che ne pensa?" = richiesta di rassicurazione.

Da un punto di vista prettamente strategico chiedere rassicurazioni è espressione di ansia, e al tempo stesso alimenta l'ansia.

Quindi il suo problema è probabilmente un disturbo ossessivo, ovvero il problema consiste nel chiedersi "perché", non tanto nelle senzazioni che riferisce, che di per sé possono essere normali: non si può sempre sentire ciò che vogliamo.

È la fissazione sul come e quanto intensamente dovrebbe sentirle, a causarle il problema.

Deve continuare con le cure ed evitare assolutamente di chiedere rassicurazioni, perché ciò le fa aumentare l'ansia.
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#4] dopo  
Utente 527XXX

si so perfettamente che le rassicurazioni peggiorano ma purtroppo dottore e una sensazione che nei miei anni di ansia non ho provato mai....Non provare nulla tra tutte le manifestazioni di ansia credo sia la peggiore sopratutto quando riguarda i proprio cari...grazie mille

[#5]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Sì, ma nelle ossessioni il problema non è mai il contenuto delle ossessioni, è la tendenza a ossessionarsi che va vinta.

In altre parole la perdita dei suoi cari non c'entra. Se fossero stati quegli eventi a causarle l'ansia, tutti noi appena perdiamo una persona cara dovremmo iniziare a ossessionarci. E sappiamo che non è così.

È la vulnerabilità di base all'ansia che va sconfitta.

Saluti
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#6] dopo  
Utente 527XXX

dottore intanto la ringrazio per la sua grande disponibilità.
le chiedo infine se anche il fatto che i ricordi siano presenti ma non mi senta io protagonista e il fatto che mi sembra una nuova vita questa se anche tutto ciò rientri nel disturbo.....grazie

[#7] dopo  
Utente 527XXX

dottore mi.rivolgo nuovamente a lei per un consulto veloce....come le.dicevo sto assumendo zoloft da.50 mg da due mesi quasi oramai e lo.psichiatra mi dice che devo portarlo almeno a 100 per vedere dei risultati anche sull ansia....il problema è che ho provato per un paio di giorno a portarlo a 100 ma mi sento agitatissima e sembra peggiori ma lui insiste non volendo cambiare farmaco...cosa ne pensa cosa dovrei fare?

[#8]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Lo psicologo non si occupa di farmaci pertanto dovrebbe rivolgersi, se crede, a un altro psichiatra per un secondo parere.
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#9] dopo  
Utente 527XXX

ad uno psichiatra dove? qui? lui mi segue da sempre...

[#10] dopo  
Utente 527XXX

il mio bon vuole essere un consulto sull aumento o meno del farmaco vorrei capire da lei che ne sa di più se é normale tt questo tempo...