Utente 468XXX
Buonasera,

Come da terapia del mio curante da novembre dell’anno 2017 assumo, per attacchi di panico e ansia generalizzata, tavor 2.5mg al mattino e a cena.
Il mio curante, ieri, ha deciso di sostituire la terapia con Xanax RP 2mg uno al mattino e uno a cena, per la maggiore indicazione alla cura degli attacchi di panico.
La mia domanda è, questa sostituzione può essere fatta senza scalare il tavor e in modo netto?
Grazie

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Ad essere precisi, considerata anche la sua età, questo uso di benzodiazepine non è condivisibile.

Esse portano dipendenza ed assuefazione, per cui, ovviamente, terminato l'effetto della precedente si passa ad un'altra benzodiazepina.

Sinceramente, deve provvedere a trovare uno specialista che tratti i suoi disturbi in modo serio ed efficace, diversamente resterà ancorato alle benzodiazepine per sempre.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 468XXX

Buongiorno,

La ringrazio per la risposta.

Purtroppo, per motivi economici, non ho la possibilità di rivolgermi ad uno specialista ma solo al medico da cui mi sto attualmente servendo.

Rinnovo quindi la domanda, è possibile la sostituzione di queste due sostanze in modo netto oppure deve essere fatta in modo graduale?

Grazie

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Allora non è chiaro.

Se vuole ricevere una visita specialistica esistono anche i servizi pubblici che possono erogare prestazioni al costo del ticket.

Diversamente questa terapia non è adatta ed è mal gestita.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente 468XXX

Buongiorno,

Forse sono io che mi spiego male, cercherò di spiegarmi meglio.

Vivo in una piccola città di provincia di 400 abitanti a 30km dal primo centro abitato, dove non ci sono servizi pubblici a cui rivolgermi, ma solo specialisti privati che costano una fortuna, e che non posso permettermi, ed il mio curante di famiglia, al quale mi rivolgo e che mi ha assegnato questa terapia.

Purtroppo non posso fare diversamente, ho fatto una domanda a cui non mi è stato risposto, provo a riproporla per l'ultima volta prima di constatare la poca utilità di questo servizio.

Le due terapie sono intercambiabili senza scalaggio oppure è da seguire una sostituzione graduale?

Grazie

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Le ho già risposto che la terapia è mal gestita, certamente non si può aspettare che ne scaturisca una prescrizione on line.

A 30km di distanza ci potrebbe anche essere un servizio pubblico.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#6] dopo  
Utente 468XXX

Buonasera,

Mi scuso intanto per i toni utilizzati nel messaggio precedente.

Purtroppo il CSM della città più vicina non è rinomato per essere uno dei migliori, e gli unici specialisti a cui posso rivolgermi, come già detto, sono quelli a pagamento e non ho la possibilità di andarci.

Comunque nella serata odierna dopo sole 2 assunzioni ho chiesto al medico di ritornare al tavor in quanto lo Xanax si è rivelato essere per me inadatto in quanto troppo forte e con troppi effetti spiacevoli.

Inoltre il cambiamento repentino della terapia ha fatto si che l’ansia si sia ripresentata.

[#7] dopo  
Utente 468XXX

Buongiorno.

Continuando la spiacevole situazione, come da suo consiglio ed aiutato dalla mia famiglia dal punto di vista economico mi sono rivolto ad uno specialista nella mattinata odierna che ha così determinato la terapia:

- mantenimento del Tavor 2.5mg al mattino, 2.5mg al pomeriggio, 2.5mg la sera

- inserimento di un SSRI: paroxetina 20mg al mattino per un periodo di 5/6 mesi.

Secondo lei la nuova terapia e migliorativa rispetto alla precedente, e potrebbe risolvere il mio disturbo?

Grazie per la risposta.

[#8]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Migliorativa ma nel tempo la benzodiazepina deve giungere ad una sostanziale riduzione per poi essere sospesa.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#9] dopo  
Utente 468XXX

Buongiorno,

Si, anche il medico ed anche io concordo con la riduzione molto graduale della benzodiazepina.

Ho avuto comunque molti commenti negativi rispetto a questo farmaco, tra cui aumento di peso, perdita di stimolo sessuale, ansia aumentata ecc ecc.

Quanto sono probabili questi effetti collaterali prendendo da subito 20mg?

Grazie

[#10] dopo  
Utente 468XXX

Buonasera Dottore.

Oggi, mio padre, che ho scoperto essere un caro amico della più rinomata psichiatra e psicoterapeuta della mia regione mi ha accompagnato per un consulto, visto che l'assunzione di Paroxetina stava diventando difficoltosa dati gli svariati effetti collaterali tra cui un attacco di panico nonostante l'assunzione del Tavor.

La Dottoressa mi ha conseguentemente modificato la terapia come segue:

- Al posto della Paroxetina mi ha prescritto l'Entact 20mg/ml (Escitalopram) da inserire lentamente partendo da 4 gocce aumentando di 2 ogni 2 giorni fino alla dose stabile di 10 gocce (quindi 10mg)

- Mi ha lasciato il Tavor a dose fino a 9mg/giorno da dividere in due somministrazioni quando necessario, soprattutto i primi giorni di terapia con Entact, e mi ha stilato un programma di scalaggio graduale in 6 mesi fino alla completa rimozione dello stesso

La terapia con Entact da continuare per almeno 1 anno con controlli periodici mensili per ricalibrazione della terapia eventuale e vari esami ove necessari.

Inoltre si è resa disponibile a svolgere delle sedute di psicoterapia individuale da aggiungere alla terapia farmacologica.

Cosa dire, mi sembra di essere vicino alla fine di un lungo tunnel che dura da tanto tempo, anche se ancora la strada sarà lunga.

Secondo lei questa potrebbe essere la terapia risolutiva per il mio disturbo?

Grazie