Utente 521XXX
Buongiorno,
ho ricevuto una diagnosi di Disturbo Post Traumatico da Stress a seguito di una storia di violenza che ho subito dal padre del mio primo figlio e che mi ha portata verso la fine di quella brutta storia a ricorrere ad un'interruzione di gravidanza.
Sono stata seguita per circa due anni da uno psichiatra il quale mi ha prescritto prima Entact 10 mg 1 cps 1 volta/die e poi dopo un breve periodo di astensione da farmaci durante il quale sono comparsi ansia, ipocondria e saltuari attacchi di panico, ho ricominciato con Cymbalta 30 mg 1 volta al die e Pasaden al bisogno .....
Un paio di mesi fa, avendo l'intenzione di cercare una gravidanza con il mio compagno ho smesso di assumere i due farmaci, scalandoli in modo graduale (con il Cymbalta essendo la dose minima 30 mi è stato detto di assumerlo a giorni alterni per 15 gg) ....
il primo mese dopo la dismissione dei farmaci tutto è andato bene poi.... sono rimasta incinta ....
ed ecco l'inferno...
da quel momento le crisi d'ansia sono all'ordine del giorno con pensieri ossessivi circa il mio stato di salute e quello dei miei bambini (quello che è nel mio grembo e il mio primogenito che ha 5 anni).... in particolare ho paura che mi accada qualcosa e che il mio primo figlio resti solo...
vivo questa gravidanza malissimo, con paura e quasi con senso di colpa, anche se è stata veramente cercata e voluta....
Sto seguendo un percorso di psicoterapia per questo ma ovviamente ci vuole il suo tempo....
In condizioni normali avrei tentato con il mio psichiatra un periodo di assuzione di benzodiazepine a basse dosi per tenere sotto controllo lo stato ansioso nell'attesa di ottenere risultati più' profondi con la psicoterapia. Il mio psichiatra mi ha consigliato alprazolam o lorazepam 10 gtc al bisogno e mai piu' di 2 volte al die.... ma ho il terrore che assumendole potrei causare danni all'embrione irreversibili poichè sono solo alla settima settimana di gravidanza.
Certamente pero' proseguire cosi non è possibile.... piu' che una gravidanza è un incubo

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Esistono farmaci compatibili con la gravidanza. Naturalmente si valuta caso per caso, ma in linea generale ci sono.
Le è stato proposta un'alternativa ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 521XXX

Grazie Dottore per la celere risposta.
No non mi è stata prospettata dal mio Psichiatra nessuna alternativa, solo appunto terapia con xanax o tavor 10 gocce al bisogno .... o cmq al massimo 20 in una giornata.
Esistono davvero cure di altro tipo compatibili con la gravidanza?
chiedo scusa per lo stupore ma nessuno ne ha mai fatto accenno...

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Esiste un numero verde 800883300 e un sito

http://www.farmaciegravidanza.gov.it/

http://www.farmaci-fc.it/2014/06/03/1003/

Con materiale scaricabile e informazioni sui singoli farmaci.

Io chiederei eventualmente un secondo parere, chiaramente la scelta spetta al medico poi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it