x

x

Depressione con rimuginazione, quali farmaci?

Salve, soffro di depressione da quando ero adolescente, ma è stata sottostimata per anni. Probabilmente se in passato avessi fatto scelte di studio e professionali più coerenti, se fossi stato meno arrendevole, oggi non soffrirei questi disagi. Negli anni ho avuto vari ricoveri per depressione maggiore e tentativi di suicidio con assunzione di farmaci, una diagnosi di personalità borderline ed una di DOC, varie terapie farmacologiche e psicoterapie. Nonostante non sia più un ragazzino ho cercato di porre rimedio ad alcuni errori e mi sono posto obiettivi chiari per il mio futuro. Nonostante l'esistenza di una progettualità, all'inizio di quest'anno mi sono messo in cura da una psichiatra, sentivo che qualcosa non andava, probabilmente, tra le altre cose, sono venuti meno gli stimoli di un percorso di studi appena concluso, il quale mi dava stimoli culturali e sociali. Ho iniziato all'inizio dell'anno con Cipralex 20 mg perché accusavo sintomi depressivi, ma l'ho sospeso per rigidità muscolare, problemi di visione, derealizzazione e depersonalizzazione (questi ultimi due probabilmente non erano causati dal farmaco, ma il farmaco ne ha favorito la manifestazione verbale, in quanto alcuni effetti collaterali che questo mi provocava sembravano la materializzazione corporea di questo disagio, si tratta di una strana sensazione di stare per aria). La mia psichiatra ha sostituito Cipralex con Trittico 50 mg. Il primo giorno di caldo estivo però ho iniziato a sentirmi agitato. Non so cosa sia successo, forse la dedizione solo ad obiettivi professionali, con l'arrivo del caldo e delle belle giornate, ha mostrato la sua parziale inconsistenza: la voglia nascosta di godere della vita ha cominciato a reclamare i suoi spazi: bisogni sessuali, relazionali, sentimentali, sociali. Da un lato vedo obiettivi professionali e sociali ancora non prossimi all'esser raggiunti, dall'altro reclamo la necessità di vivere oggi e non domani, col timore di una vecchiaia che non è poi così lontana. Oltretutto mi viene difficile intessere relazioni un po' per bassa autostima, un po' perché sono preso dalla necessità di realizzazione professionale. Attualmente sono in cura con Trittico (50 o 75 mg a buon senso del paziente) per la depressione e Haldol (prima 5, poi 7, poi 10 gocce) per la rimuginazione e Lyrica 150 mg. Prendo tutti i farmaci la sera, eccetto Haldol che prendo la mattina. Ho testato Trittico a 50 mg, ma mi è parso che a 75 mg mi tenesse un po' più sù. La terza volta che ho preso Haldol (ero a 7 gocce) la sera ho avuto un senso profondo di depressione, così sono regredito a 5. Nel frattempo ho appurato meglio di essere depresso, ma alla visita dalla psichiatra ciò non mi era troppo chiaro. Penso che la chiamerò perchè avrò la visita tra 20 giorni e non ce la faccio ad aspettare. Se la depressione fosse predominante e la rimuginazione più mentale che tipo di terapia sarebbe più corretta?
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 36,5k 868 56
Lo psichiatra che la visiterà sarà in grado di stabilire la terapia più corretta per il suo caso specifico.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it


https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio