Utente 553XXX
Salve. Sono una ragazza di 30 anni che soffre di ansia.. Non diagnosticata aggiungerei perché non ho mai visto uno psichiatra,ma il mio medico di base mi ha fatto fare diversi esami e visite per escludere altre malattie.. L'unico esame che risulta alterato è quello riguardante gli anticorpi tiroidei che sono a 75 invece che <5. Visita cardiologica, carenze vitaminiche, sideremia, è tutto nella norma. È 2 anni che ho alti e bassi con queste problematiche. Mi ritrovo di punto in bianco sprofondare in un mondo di astemia, vertigini, respiro corto, extrasistole, confusione mentale, difficoltà a guidare, difficoltà a lavorare. Poi lentamente mi sollevo ma non torno mai quella di prima dall'ansia, diciamo che riesco a risollevarmi da sola ma sempre con qualche problema. Ho chiesto al mio medico di base un consulto con uno psichiatra ma mi ha scoraggiato dicendomi che la ci va la gente matta che ha Seri problemi e mi ha prescritto 5 gocce di tranquirit che sono per me acqua fresca. Sta di fatto che io quando cado nel baratro sento di non farcela a sopravvivere un'altra volta e ho il terrore di sprofondare ancora più giù senza via d'uscita. Grido aiuto ma nessuno mi sente. Tutti sottovalutato la mia situazione solo perché maschero col sorriso davanti a chi non capirebbe il mio stato d'animo. Quando proprio sono giù dico di essere stanca. Secondo voi se contro tutti e tutto mi impunto col mio medico di mandarmi da uno psichiatra me ne pentirò? Finirò vittima dei farmaci? Il mio medico mi ha davvero terrorizzato. Vi ringrazio anticipatamente.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
"Ho chiesto al mio medico di base un consulto con uno psichiatra ma mi ha scoraggiato dicendomi che la ci va la gente matta che ha Seri problemi"

Roba da non credere, che un discorso del genere venga da fonte medica. Specie se poi la soluzione deve essere una diagnosi non definita, una terapia potenzialmente "legante" come il tranquirit, e comunque a dosi minime in una fase in cui potrebbe fare da sintomatico comunque.

Gli ambulatori psichiatrici trattano normalmente casi di disturbi d'ansia, i connotati del suo che qui accenna non paiono diversi da una casistica generale di tale tipo. Davvero non capisco perché ritardare almeno la diagnosi, come se dovesse rappresentare qualcosa di negativo, ed eventualmente la terapia.

Ma poi perché questo concetto di "vittima" dei farmaci ? Le è stato mica anche detto che "fanno male" o roba del genere alla base del fatto che non sia il caso di andarci ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 553XXX

Mi ha parlato di dipendenza. Intendevo vittima in quel senso. Purtroppo non ho nessun altro a cui rivolgermi visto che è lui che deve fare l'impegnativa per andare da uno psichiatra.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Quindi che c'è rischio di dipendenza (così in generale), dopo di che le prescrive il tranquirit...
E quindi questo tipo di malattie - per capire la visione - o uno se le tiene o rischia un qualcosa che sarebbe la "dipendenza" dai farmaci. Che però varrebbe la pena se uno avesse una malattia psichiatrica grave (anche qui non è chiaro cosa voglia dire).

Il tutto è veramente un discorso molto "fantasmatico", non si ragiona su una diagnosi, su una terapia, un tipo di farmaco, un decorso.

Io direi che come nel resto della medicina, farsi visitare e consigliare una terapia è una mossa sensata, visto che il medico è una persona con cui può ragionare sul momento e anche in corso d'opera su come sta, se andare avanti o meno etc.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 553XXX

Proverò nuovamente a proporre al mio medico questa strada. Altrimenti, penso proprio che cambierò medico. La ringrazio per l'aiuto.

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Tenga conto che rivolgersi ad uno specialista non comporta necessariamente il dover passare attraverso il curante.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 553XXX

Come dovrei fare per non passare dal mio medico?

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Semplicemente sto dicendo che esistono medici pubblici e privati, e che la richiesta tramite il medico, al di là del fatto che se il medico invia è logico che faccia una richiesta, serve materialmente anche per motivi economici. Però il fatto di richiedere una visita non implica che qualche altro medico lo abbia deciso, questo sicuramente per quanto concerne i medici privati.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 553XXX

Sono appena stata dal mio medico. Dopo avermi ripetuto che mi imbottiscono di farmaci, ha acconsentito a mandarmi dallo specialista ma mi ha fatto l'impegnativa per il neurologo sostenendo che la trafila è più breve. Cosa ne pensa? Può aiutarmi il neurologo per il mio problema?

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Io veramente non riesco a capire un atteggiamento del genere.
Lo specialista di riferimento è lo psichiatra. Anche il neurologo può avere competenze psichiatriche, ma non capisco perché la "trafila" dovrebbe essere più breve.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 553XXX

Ho come avuto la sensazione che il mio medico di base non ammiri particolarmente la dottoressa psichiatra del nostro distretto asl. È come se cercasse in ogni modo di non farmi andare da lei, anche se io ne ho sempre sentito parlar bene. Ha tentato nuovamente di prescrivermi lo Xanax invece del tranquirit ma ho "declinato" l'offerta. Proverò con il neurologo (sperando che sia specializzato anche in psichiatria) e se non dovesse andar bene mi recherò da uno psichiatra privato. Vi ringrazio per tutto, e presto cambierò pure medico di base!

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ma non mi pare che si sia obbligati ad andare da un dottore in particolare, a meno che non sia l'unico disponibile. Xanax al posto di tranquirit non vedo di per sé che differenza faccia.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 553XXX

Nella mia asl quella psichiatra c'è. É un piccolo distretto e, a quanto pare c'è molto poco spazio e le richieste vanno per le lunghe. Il problema del mio medico di base è che non prende mai nulla sul serio. Forse è un po' vecchio stampo data l'età, ma mi creda che una volta sono pure scoppiata a piangergli in faccia dalla disperazione. Alla mia richiesta di voler vedere uno psichiatra una volta mi disse di uscire, svagarmi, di non pensarci insomma. Risposte che mi aspetto da un vicino di casa ignorante in materia non di certo dal mio medico. Non è facile curarsi quando anche il medico a cui ti affidi ti scoraggia notevolmente sopra certi argomenti. Già è difficile, ho 30 anni sono sposata da poco, vorrei un figlio. Ma è proprio per questo che ho deciso di prendere la situazione in pugno. Non mi sento di diventare madre in queste condizioni. Spero di risolvere questo brutto momento.

[#13]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se è un problema di spazio, capisco il tipo di lungaggine a cui si riferiva, però da molti anni ormai le due specializzazioni sono separate. "Uscire svagarci e non pensarci" sono le cose che fa una persona che sta bene. Uno che sta male appunto non riesce a farle, oppure non ne trae giovamento in quanto sta male.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#14] dopo  
Utente 553XXX

L' Ho capito sulla mia pelle che non riesco a svagarmi stando male. La ringrazio vivamente dei consigli. Le farò sapere cosa dirà il neurologo (non mi stupirò se mi indirizzerà da uno psichiatra)

[#15] dopo  
Utente 553XXX

Buongiorno. Sono stata dal neurologo che, come volevasi dimostrare, mi ha indirizzato da uno psichiatra. Almeno qualcuno che mi abbia fatto l'impegnativa l'ho trovato. Nel frattempo mi ha prescritto xanax (che non userò perché ne xanax ne tranquirit mi hanno mai fatto nulla). A proposito di questo, secondo lei perché lo xanax e il tranquirit non riescono a rilassarmi?

[#16]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La ragione banalmente può essere la dose, ma anche il fatto che l'ansia non è sempre uguale. Ad esempio gli ansiolitici possono calmare i postumi del panico, ma non prevengono l'attacco.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#17] dopo  
Utente 553XXX

Va benissimo grazie. Vi aggiornerò alla visita psichiatrica