x

x

Tempistiche Anafranil

Salve, sono in cura con l'antidepressivo Anafranil da ormai due mesi esatti per sindrome depressiva. Dopo una fase di tritaton iniziale (3 giorni a 10 mg, 4 giorni a 20 mg, 9 giorni a 30 mg) sono rimasto per un mese ad una dose stabile di 50 mg, che però non mi ha dato benefici sensibili. Così la dose è stata aumentata (il tutto ovviamente in accordo con psichiatra curante) prima a 75 mg per una settimana e poi a 112, 5 (1 compressa e mezza da 75 mg rilascio prolungato), dose che prendo da 6 giorni oggi incluso, senza averne avuto beneficio ma anzi, avendo subito un peggioramento dei sintomi depressivi come peraltro mi sembra di capire sia "normale" di fronte a cambiamenti significativi di dosaggio fino al raggiungimento di uno steady state. La mia domanda è: per quanto tempo bisogna assumere una determinata dose, da considerarsi relativamente alta come per il mio caso di 112, 5 mg die, del farmaco Anafranil prima di avvertire qualche giovamento ma soprattutto dopo quanto tempo, nel caso invece di nessun giovamento sensibile, si può affermare che tale dose assunta sia invece inefficace?
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 38,2k 909 270
Gentile utente,

Per una depressione, 1-3 mesi (considerando però che se a 1 mese non si vedono vantaggi, si tende a rinforzare la dose nell'attesa).
Per un doc tendenzialmente più 2-3 mesi, e con dosi prevedibilmente maggiori come media.
La dose attuale è già una dose efficace su una depressione di media gravità, su un doc invece è mediamente poco.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2]
dopo
Utente
Utente
Dr Pacini, la ringrazio per le celere risposta. Il mio caso è un episodio depressivo. Dunque, se ho ben capito, dovrei stare un mese alla dose di 112,5 mg per poter trarre delle conclusioni su tale dosaggio, e se i benefici non dovessero essere sensibili, pensare di aumentare alla dose "massima" di 150 mg?
[#3]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 38,2k 909 270
La dose di 150 mg non è massima, semplicemente è una dose di riferimento per alcuni disturbi.
Aumentare o meno è una scelta del suo medico, è giusto che vada per gradi anche per evitare effetti collaterali troppo interferenti.
Usare dosi maggiori comunque non accelera la risposta.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

Conosci l' endometriosi? Scoprilo con il nostro test