Utente 872XXX
gentili dottori da circa 4 mesi mi sto curando per disturbi di attacco di panico e ansia generalizzata piu pensieri ossessivi, l'aggravante pero' che mi sta spaventatdo è che appunto da 4 mesi dormo poco o nulla praticamente o risvegli continui ogni ora volte senza riaddormetandomoi,in piu' nell'ultimo mese mi si è aggiunta la voglia di urinare spessso la notte. la mia cura è stata primi 5 giorni setroquel lasciata, poi fluvoxamina lasciata, ora da un mese paroxetina20 mg ,di giorno sto bene ma di notte è allucinante,tra l'altro per dormire mi hanno dato di tutto esilgan 2mg tavor 2mg, minias 15 gocce, ma nulla succede e la mia insonnia è sempre uguale vi prego consigliatemi voi cosa posso fare ho paura anche di avere qualcosa di incomprensibile anche per i medici .grazie

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Risvegli continui ad ogni ora senza riaddormentarsi: che significa, se si risveglia continuamente vuol dire che si riaddormenta.
Questo modo di riportare i problemi con il sonno ricorda l'insonnia di tipo ossessivo, che in realtà è un modo di preoccuparsi del sonno.
Non mi concentrerei su prodotti del tipo sonnifero, se mai sul cercare un migliore equilibrio nella terapia generale.
Seroquel era stato dato per il sonno o per cosa ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 872XXX

risvegli continui ogni ora spesso riadormentandomi ma altrentando spesso al terzo risveglio nn mi riaddormento piu poi mi succede qualche volta che nn dormo per nulla a causa ovviamente della paura di nn dormire piu' la prima volta che mi hanno dato seroquel era per gli attacchi di panico che lo so anch'io che nn sia il farmaco giusto , ifatti lo smesso perche mi svegliavo di notte e mi sentivo come drogato da allora è cominciata questo calvario con l'insonnia ,spero solo che nn siano i farmaci che prendo aprocurarmela. se riesce ad aiutarmi dott pacini le saro grato per sempre. grazie

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Quindi non si sveglia tante volte, si sveglia un paio di volte e poi non dorme più.
Proprio quello che dicevo: "paura di non dormire più" che è una cosa diversa da insonnia. Di solito appunto chi ha una costituzione o un disturbo ossessivo ha problemi con il sonno di questo tipo, paura di non prender sonno o di non dormire etc, spesso perché si risveglia ansioso o di cattivo umore.
Una cosa non torna invece: seroquel non è un farmaco per il panico, assolutamente. Può essere un farmaco coadiuvante nelle ossessioni così come nell'indurre sonno, ma non per il panico. Le sue indicazioni primarie sono per altri tipi di disturbi.
La strategia migliore in genere è quella di rivalutare dosi, composizione e base della terapia di fondo, cioè quella che sta prendendo per panico e ossessioni. Ovviamente questo deve farlo chi la conosce e la segue.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 872XXX

mi spiego meglio dottore normalmente qundo mi riaddormento i risvegli nella notte sono 6 o7 ogni ora praticamente mentre quando nn mi riaddormento piu succede dopo 2 o 3 risvegli. volevo chiederle anche se i farmaci mi possono provocare questo e se la paroxetina puo andare bene per curare tutto questo.

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Perché proprio la paroxetina ? Non scelga lei, faccia decidere al curante, che saprà di questo suo problema.
Mi chiarisce il discorso seroquel ? A che dose e per che motivo era stato inserito ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 872XXX

comeè difficile internet per spiegare, allora dott pacini il tutto mi è stato dato eslcusivamente da uno che fa il suo mestiere il primo farmaco datomi è stato il seroquel cioe' una pastiglia da 300 mg divisa in 10 parti cioe praticamente una dose da 30 mg dopo 5 gg sospeso poi fluvoxamina da un mese 20 mg di paroxetina.spero di essere stato chiaro. per il resto sopra mi puo rispondere? grazie dottore

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cosa alquanto strana. Esistono le compresse da 25 di seroquel, che bisogno c'è di dividere in 10 parti una pastiglia da 300 ?
Se da un mese prende 20 mg di paroxetina è ancora presto per giudicarne l'efficacia complessiva.
Lei ha elencato dei sintomi, ma la diagnosi esatta qual'è ? Ansia generalizzata, panico e ossessioni corrispondono a tre diverse diagnosi ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 872XXX

non ho capito dottore cosa c'è di strano visto che il farmaco suddetto me lo ha portato il mio medico e visto che erano da 300 mi ha detto di dividerle comq nn so se fa l'investigatore o il medico io volevo dei pareri nn delle continue affermazioni o domande mi sembra di essere stato chiaro .saluti dott pacini

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Lei fa affermazioni non chiare, se le interessa spiegarmi per farmi capire e poterle dare una risposta sensata, bene, altrimenti non importa.
Lei ha affermato che prende il seroquel per il panico, il che non è vero, forse avrà capito male, o forse no, ma il seroquel non è un farmaco per il panico. Legga semplicemente anche sul foglietto le indicazioni, mi sembra non ci siano dubbi. Con quella dose di solito si usa come farmaco per facilitare il sonno. E' per questo che lo aveva assunto, o perché esiste una diagnosi che ne giustifica in generale l'uso ?
La domanda non è così tanto per sapere: se il sonno non è regolare con l'antidepressivo, ci può essere una ragione diagnostica, e se il medico ritiene che il seroquel possa essere utile in questo tipo di insonnia allora mi viene il dubbio che la diagnosi non sia di ansia e basta.

Non mi ha risposto però su quale sia la sua diagnosi (non i sintomi, la diagnosi).
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 872XXX

io nn so piu' cosa spegarle dottore mi sembra di essere chiaro il seroquel me lo diede per 5 giorni soltanto 4 mesi fa e mi disse il suo collega che questo farmaco cioe' la quietapina a basse dosi pare agisca sulle dpressioni ma il farmaco lo presi solo 5 giorni oerche' alla mattina e anche di notte quando mi svegliavo mi sentivo intontito da li' in avanti mi venne questa insonnia con risvegli poi la diagnosi me la son sentita dire poche volte comq grosso modo è dpressione ansiosa episodi di attacco di panico successi questa estate e disturbo ossessivo. comq per dirla tutta sto meglio con la paroxetina ma il mio sonno nn ne ha tratto giovamento anche prendendo degli ipnotici.quindi la mia preoccupazione per questa situazione cioe il sonno anke perke pur in passato ho sefferto per brevi periodi di insonnia nn mi era mai capitato di questo genere e che durasse tanto tempo.

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Agiva sulle depressioni: in realtà agisce sulla depressione bipolare, è sicuro che non sia questa l'idea dello psichiatra ? Bipolare attenuata, magari. Infatti è questo il dubbio che avevo, perché dare seroquel come aggiunta si fa o nel disturbo ossessivo resistente o nella depressione bipolare resistente.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 872XXX

credo di no conosco bene cosa è la depr. b. comumque sia da dove viene la mia insonnia mi sembra che ne lei o il mio medico forse meno di lei nn sappiate come si puo risolvere ,ed questa è la cosa piu' importante per me visto che ormai fatico anche a camminare. comq grazie lo stesso.

[#13]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Guardi lei è soltanto convinto di sapere più dei medici quindi è inutile che chieda consulti per poi dire ai medici che non ci capiscono niente solo perché lei ha chiesto e insonnia e voleva una risposta "per dormire".
E' un atteggiamento inutile quello di credere che i tecnici del settore non ne capiscano niente. Decine e decine sono le segnalazioni come le sue, sia qui che in ambulatorio, e se le indico certi dubbi da accertare un motivo ci sarà sul piano dell'esperienza.

Lei sta chiedendo un consulto e poi in risposta dà la sua opinione contrapponendola come fosse un consulto tra medici.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#14] dopo  
Utente 872XXX

io nn ho questo tipo di presunzione e sono una persona abb. umile cosa che nn vedo qui, e neppure tempo da perdere mi creda, il fatto è che lei ha fatto quasi una diagnosi su di me senza sapere nulla e pergiunta senza che io le dicessi nulla ,mi ha quasi rimproverato come se mi curassi da solo, puo darsi che io sia un po affaticato e anche di piu' psicologicamente ma da essere fuori dal mondo mi creda proprio no,eppoi se molte persone e soprattutto chiedono consulti qui nn se lo è mai chiesto?mi scusi se gli ho fatto perdere tempo le invio i miei migliori auguri.

[#15]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Io non ho fatto nessuna diagnosi, non si permetta.
Se mai le ho chiesto quale diagnosi le era stata fatta, cosa che lei non mi ha detto fino in fondo.

Io le ho solo espresso alcune possibili ipotesi.
Lei si è sentito "rimproverato" semplicemente perché anziché pensare che chi le risponde può avere qualcosa da dirle in base alla sua esperienza, vuole solo una risposta letterale.

Io non ho perso tempo, mi creda. Ma molti pazienti in terapia psichiatrica ad un certo punto riferiscono insonnia che è verissima, ma è uno dei sintomi del disturbo; altri si preoccupano del sonno perché alla sera aumenta l'ansia e in realtà il problema è questo, non tanto qualcosa di relativo al sonno in sé (cioè quanto dura, come va etc).

Il consiglio poi mi sembrava molto semplice: visto che per dormire le è stato consigliato il seroquel, che è un farmaco antibipolare, forse alla fine l'idea è che vi sia una sovraeccitazione che disturba il sonno. Ma allora forse la terapia può essere meglio adattata alla diagnosi.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#16] dopo  
Utente 872XXX

mi scuso ancora dottore ma nessuno come voi credo possa capire le situazioni di questo genere , io avolte mi sento stanco esasperato da mancato riposo, da continui cambiamenti di terapie medici ecc. dopo aver speso molti sacrifici di tutti i tipi ti senti quantomeno sfiduciato ,ti senti dire che tutto si puo risolvere con farmaci o psicoterapie di svariati credi, e alla fine nn si riesce piu' a vedere una via d'uscita perche i tempi di =benessere= sono brevi per trascorre una vita abb. serena con le nostre famiglie con il nostro lavoro e tutto il resto, perche questo tipo di cose riesce nonostante la volonta di una persona ad essere invalidante per la propria vita sociale per te e per chi ti sta vicino. le rinnovo i miei auguri di buona pasqua.

[#17]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Appunto, allora perché non rilegge, passato qualche giorno, il contenuto di questo consulto. Forse ad una rilettura le saranno più chiare le ipotesi che poniamo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it