Utente
Salve dottori scrivo perché sono in uno stato di angoscia atroce.
Premettendo che ho sempre sofferto d'ansia dall'età di 10 anni ora ne ho 22.
Tutto è iniziato con l'iscrizione all'università, ansia paura del futuro mi attanagliavani.
Nonostante questo concludo il primo anno con il massimo dei voti fino ad arrivare al secondo che procede sempre benissimo.
Il malessere però dentro aumentava sempre o comunque rimaneva sempre lì, fino a quando non inizio a studiare psicologia clinica e i vari disturbi, leggo i criteri per la schizofrenia e inizio a testare su di me se veramente il mio malessere dipendesse dalla schizofrenia.
Mi accerto che quello che sento io lo sentono anche gli altri, mi accerto che tutto quello che vedo è reale e ovviamente tutto ciò mi provoca depersonalizzazione.
Ultimamente la cosa si è appesantita, talmente cerco di mantenere il controllo che rifletto molto sulle cose tanto da arrivare ad uno stato di confusione il quale mi porta a sentire nella testa delle parole automatiche (solo poche volte) sono seguita da uno psicologo ma mi ha sempre detto che se avessi avuto qualche problema del genere me l'avrebbe detto ma io continuo ad auto suggestionarmi.

Dottori una ragazza che ha ottimi voti all'università una buona attività sociale può soffrire veramente di schizofrenia?
O tutto è dovuto allo stato ansioso?

Vi ringrazio in anticipo

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
E anche in questo consulto, pur riferendo chiaramente il suo stato di preoccupazione come qualcosa di ossessivo e secondariamente fonte di depersonalizzazione, alla fine non può evitare di porre, come domanda finale, non come si cura tutto questo, ma ...la domanda che è imposta dal suo stato, ovvero chiede in merito al dubbio della schizofrenia.

Ha chiesto consulenza per sapere come intervenire sull'ipocondria ? Qualcuno l'ha valutata ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottor pacini per la risposta dottore, il mio psicologo dice semplicemente che sono ok che non ho una diagnosi particolare semplicemente dice che sono insicura per la mio vissuto. Quindi mi sta dicendo che il problema non èschizofrenia ma l'ipocondria?
In passato ho sofferto per la paura di avere malattie fisiche e ora di avee malattie mentali.
Tutto questo mi porta perenne bisogno di rassicurazioni

[#3]  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Buon 2021, spero.
Gli Schizofrenici difficilmente temono di esserlo, vivono in una dimensione loro, lei decisamente non è schizofrenica.
Semmai è ipocondriaca, ossessiva, ma schizofrenica non è e non diventerà. Lo specialista indicato per i suoi disturbi è un medico psichiatra, semmai affiancato da uno psicologo, non si fasci la testa inutilmente, la prego.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria

[#4] dopo  
Utente
Salve dottor Mario io sono seguita da uno psicologo e e non mi ha mai detto che ho bisogno di uno psichiatra, la sola parola mi fa anche un po' di paura. Io cerco di riuscire a superarla senza medicinali, magari chiederò al mio psicologo di cambiare modalità durante i colloqui,che ne pensa?

[#5]  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Beh, se lo dice lui.
I medicinali non sono buoni o cattivi, vanno usati sotto controllo quando necessari ma sono comunque uno dei principali motivi per cui oggi viviamo 90 anni anziché 40 e, soprattutto, la qualità della vita è incredibilmente buona rispetto all'era pre-farmacologica. Non è merito della sola alimentazione (che in alcuni casi è anche peggiorata qualitativamente), tantomeno dalle condizioni ambientali.
Mi creda, l'ansia grave è una malattia e si può scegliere se conviverci o curarla, ma risiede in alcune zone del cervello non nell' "anima", il nostro corpo non va dagli occhi in giù.
Chiacchierare fa bene ma anche se ci conduce a ipotizzare una "causa" di un disturbo questo non significherà la scomparsa dello stesso.
Alcuni tipi di ansia lieve si superano senza medicinali, altri no e rischiano di tormentarci per anni.
Detto questo, le auguro i migliori risultati con il suo Psicologo ma se passano i mesi o gli anni e queste fobie continuano non si lasci dire cose tipo "dipende dalla sua bassa autostima", si guardi intorno.
Buon 2021
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria

[#6] dopo  
Utente
Dottor Mario Savino, io soffro di ansia da sempre, ansia che si è riversata in vari modi, tra attacchi di panico quando ero più piccola, all'ipocondria alla depersonalizzazione. Tutto questo non mi ha bloccato negli studi, anzi all'università và a gonfie vele più che altro oggi l'ansia mi fa essere perennemente dubbiosa su di me, infatti mi pongo sempre domande che iniziano con " e se?" Il fatto che ci possa essere una possibilità che quel " e se?" Si possa trasformare in realtà mi inquieta.Io ovviamente so che la vita và presa così com 'è che il controllo non lo si può avere, ma a livello inconscio sembra che questa cosa non l'accetto.

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"la paura di avere malattie fisiche e ora di avee malattie mentali.
Tutto questo mi porta perenne bisogno di rassicurazioni"

Appunto, possibile che però non sia stato dato un nome a questa cosa, o comunque una spiegazione del meccanismo, al di là della dicitura "insicurezza" ?
Io mi farei dare indicazioni specifiche sulle cure disponibili, che comprendono anche tecniche di psicoterapia, ma non solo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#8] dopo  
Utente
Quindi secondo lei si tratta di ipocondria?