Utente
Gentilissimo dottore le pongo questa domanda lo psichiatra che mi segue ha inserito nella mia terapia zoloft 100 una compressa al mattino per una sindrome ansiosa depressiva Ora a distanza di 3 mesi mi viene sostituito lo zoloft con 1 compressa al mattino ed una alla sera di sereopin In modo diretto senza scalare
Domanda le 2 molecole sono intercambiabili, avrò crisi di astinenza da zoloft?
Grazie infinite

[#1]  
Dr.ssa Daniela Sabbadini

20% attività
16% attualità
12% socialità
CONCESIO (BS)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2021
I due farmaci appartengono alla stessa classe farmaceutica ed hanno lo stesso meccanismo d'azione, quindi è improbabile che vi siano sintomi d'astinenza.

Buona giornata!
Dr.ssa Daniela Sabbadini
Brescia
https://www.instagram.com/invites/contact/?i=p2gu45dhtetu&utm_content=koct5ds

[#2]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Una variazione dopo soli tre mesi è piuttosto anomala poichè non sono state considerate le possibilità di aumento e le ulteriori possibili opzioni terapeutiche.

I due farmaci sono simili ma la sostituzione anche in due momenti della giornata sarebbe da rivedere.


Dr. F. S. Ruggiero


http://www.francescoruggiero.it
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#3] dopo  
Utente
Gentilissimi dottori Vi ringrazio per la disponibilità vorrei solamente giustificare la sostituzione del farmaco a detta dello specialista , il sereopin ha un effetto maggiore sull ansia dello zoloft ed essendo miastenico non posso usare benzodiazepine ed ha optato per sereopin e come stabilizzatore il gabapentin 300 1 compressa la sera 1:2 al mattino
Ringraziandovi per la disponibilità vi porgo i miei cordiali saluti

[#4]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
I due farmaci sono sostanzialmente sovrapponibili per cui la variazione non ha senso in questo modo.

Oltretutto, dipende da quanto è grave e che tipo di interessamento ha la sua miastenia per cui l’utilizzo delle benzodiazepine non è controindicato in assoluto, sebbene siano un prodotto da utilizzare per tempi brevi.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#5] dopo  
Utente
Gentilissimo dottore fortunatamente la miastenia é in remissione da anni seguita al Besta di Milano Provvengo da una lunga storia di miastenia non diagnosticata e curata come depressione con componente ansiosa per anni rivolgendomi oltretutto a psichiatri di fama italiana curato con benzodiazepine..... Lascio a Lei desumere ciò che é successo Per cui preferisco evitare Un cordiale saluto

[#6]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Il problema attuale è che sono presenti ancora sintomi ansiosi e depressivi che richiedono l’uso di una terapia.

Considerata la sua storia un po’ complessa probabilmente la scelta doveva ricadere su antidepressivi con una azione recettoriale minore ed una efficacia sostanziale, invece viene fatta una variazione di due prodotti simili.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#7] dopo  
Utente
Gentilissimo dottore in effetti il passaggio da un antidepressivo similare é forse giustificato da un uso precedente della paroxetina con ottimi risultati sulla componente ansiosa
Cordialmente

[#8]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003