Utente
Premetto che sono sempre stata una persona molto ansiosa soprattutto riguardo le malattie e che vado da una psicoterapeuta da poco più di due anni.
Ho iniziato ad andare perché non ce la facevo più, sin da piccola avevo questo senso di irrealtà (che descrivevo come stare in un sogno’) a cui mi ero anche abituata, ma in quel periodo, quindi due anni fa, era aumentato per vari motivi e mi erano venuti dei veri e propri attacchi di panico e ho avuto davvero paura di impazzire, non riuscivo nemmeno ad uscire di casa ed ero sempre chiusa in camera al buio perché mi dava fastidio la luce, aumentava la mia derealizzazione.
Da due anni a questa parte ho avuto degli alti e bassi e ultimamente ho avuto una ricaduta’, ero convinta di avere una grave malattia e di stare per morire, avevo senso di irrealtà aumentato e avevo anche sintomi specifici che poi ho capito essere solamente psicosomatici.
Così la psicoterapeuta mi ha indirizzata da uno psichiatra, che mi ha dato per il momento un ansiolitico da prendere al bisogno e mi ha diagnosticato un disturbo d’ansia generalizzato.
Il problema è che allo psichiatra non ho detto che da qualche tempo ho dei pensieri diciamo non pensati da me, che mi arrivano così a caso e che non hanno senso.
Questo mi succede soprattutto in situazioni di stress e quando non ho niente a cui pensare tipo quando devo addormentarmi, però se prima mi succedeva sporadicamente ed era solo qualche parola senza senso tipo giacca e cravatta’ adesso mi succede ogni volta che non penso a niente e che non ci sono stimoli esterni come della musica che mi distrae e più ci penso più mi succede.
Sono frasi continue tipo ieri non ho giocato’ o andiamo dal fruttivendolo’ e mi spaventano perché non sono pensate da me ma è come se si creassero nella mia mente dal nulla.
Per questo ultimante dormo sempre con la tv accesa, così non mi succede.
Oltre a questo mi è capitato anche di sentire delle voci, (questo mi capitava anche da piccola ma erano più interne a me, erano magari le voci dei miei amici che discutevano tra loro ma erano meno realistiche) invece adesso mi è capitato di sentire voci più realistiche come la voce di una bambina che mi chiamava per nome, ma ho sempre mantenuto il contatto con la realtà e sapevo che non erano reali, queste voci realistiche mi sono capitate più o meno due/tre volte.
Oltre a queste voci mi è capitato di sentire un rumore, ancora più realistico... quest’ultimo pensavo davvero fosse reale e mi sono anche spaventata perché era forte, ma poi ho scoperto che invece era stata una mia immaginazione.
Queste voci però non mi capitano mai durante la giornata ma sempre quando devo addormentarmi.
Mi sto spaventando molto... può essere un inizio di pazzia?
Oppure qualche malattia neurologica?
Ogni minimo segno adesso mi spavento.
Mio nonno ha dei problemi psicotici, mia mamma di depressione e mio padre di ansia.
Domani farò un EEG, è utile per i miei sintomi?

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Che tipo di terapia è stato prescritto?

Il trattamento esclusivamente ansiolitico non ha indicazione.

L'EEG ha indicazione e utilità se valutato da uno specialista che possa eventualmente dubitare di sintomi dovuti ad altra patologia altrimenti perde tempo.


La presenza di sintomi in corso di trattamento richiede una terapia specifica di lungo termine.


Dr. F. S. Ruggiero


http://www.francescoruggiero.it
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#2] dopo  
Utente
Allora in realtà non ho spiegato molto bene per non dilungarmi troppo. Lo psichiatra mi ha prescritto l’ansiolitico e l’EEG perché da quello che gli ho detto (avevo tremori e prurito che adesso mi sono passati, credo fosse solamente ansia) voleva escludere un’irritazione cortico-temporale. In base ai risultati di domani poi si procederà con una terapia. Fino ad adesso ancora prendo niente, ho preso solo 1/4 di pastiglia di xanax una volta e 5 gocce del suo equivalente qualche giorno dopo.

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
praticamente la compressa non è divisibile in quarti di compressa per cui non ha assunto nulla e l'equivalente non è detto che abbia qualche effetto.

Se intende che forse vuole capire se ha epilessia, mi pare un poco strano che dopo due anni di psicoterapia compaiano sintomi di questo genere.

Se lo psichiatra è dubbioso è utile sentire un altro parere.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#4] dopo  
Utente
Lui mi ha prescritto 5 gocce di alprazolam al bisogno e siccome l’equivalente di 5 gocce sarebbe 1/4 di pasticca in mancanza delle gocce avevo preso quella.. comunque infatti non mi ha fatto granché effetto, forse sono poche.
Per sintomi di questo genere intende questi pensieri o il prurito e i tremori?
Lo psichiatra non credo sia dubbioso, penso solo che voglia escludere eventuali cause organiche.
Ma questi sintomi che mi spaventano possono essere qualcosa di grave?

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Ritengo che dopo due anni se avesse avuto sintomi differenti si sarebbero evidenziati prima per cui attendere per introdurre una terapia mi sembra strano.


Anche una indicazione di 5 gocce è pressoché inutile, lei poi ha pure diviso la compressa in modo inappropriato.

Visto che si preoccupa tanto di avere qualche patologia più grave può allora sottoporsi all’eeg
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72