Problema con l'ansia e fobia sociale. Ingestibile

Buonasera.

Vi scrivo poiché a breve inizierò un percorso con una terapeuta proprio per risolvere questa situazione una volta per tutte.
Ho 23 anni, ho problemi d'ansia dalle medie, periodo durante il quale sono andata diverse volte da una psicologa a causa del bullismo ricevuto dai classici bulletti della scuola.
Da quei tempi bui, ho sempre avuto ansia del "nuovo" e ansia del "chissà cosa pensano le persone di me".
Durante le superiori mi sono concentrata molto sullo studio per cui non davo molto peso all'ansia.
Principalmente stavo male fisicamente prima di una verifica scritta/orale.
Una volta iniziato il compito, mi rilassavo e passava tutto.
Finite le superiori, a 18 anni ho iniziato a lavorare in un ufficio dove ho subito mobbing per due anni (sono fuggita via, ho vinto la causa ecc).
In seguito ho svolto diversi lavori a tempo determinato (bracciante agricolo, cassiera, segretaria) dove venivo trattata bene, avevo i miei diritti.
Avevo sempre ansia dettata da screzi familiari, battibecchi col moroso ma niente di ingestibile.
Adesso ho da 6 mesi un contratto a tempo indeterminato come badante... Da quando ho iniziato questa nuova avventura, ho notato un peggioramento del mio stato.
Ho paura di essere giudicata.
Mi sento sbagliata.
Ho 23 anni e faccio la badante, non sono andata all'università, non ho passioni specifiche, non sono come le mie amiche.
Mi sento davvero in imbarazzo quando mi chiedono *e tu cosa fai di bello?
*.
Ho sempre preso i lavori che trovavo per potermi sostenere almeno un minimo (vivo con i miei genitori), però a sto giro qualcosa non mi va giù.
Forse mi sento arresa.
Fatto sta che ultimamente, oltre ad avere crisi di pianto in auto all'improvviso, svariate volte durante la giornata, sul lavoro, a casa ecc ho problemi quando vado a cena fuori/ al bar a fare aperitivo.
Mi arriva il piatto, dopo tre morsi non mi va più giù niente.
Nemmeno l'acqua.
Inizio ad agitarmi, mi guardo intorno, non ascolto chi ho davanti, provo forte calore e inizio a "giocare" con l'anello che indosso solitamente (mi sono mangiata le unghie sempre, è solamente un anno che ho smesso).
Non riesco a godermi più le uscite con gli amici, non mi va proprio di uscire, mi sforzo e mi obbligo a mangiare e/o bere qualcosa, altrimenti ho paura che si crei un circolo vizioso.

Sono alla ricerca di una terapeuta per risolvere questo malessere.
Avrei altre mille cose da raccontarvi ma non bastano le righe.
In breve i punti "salienti" della mia vita sono stati:
- accettare un lavoro che non mi piace ma che viene retribuito bene
- ansia quando sono in mezzo alla gente, provo malessere fisico e mentale
- disinteresse, non ho passioni, spesso mi sento stanca e dopo il lavoro vorrei solamente dormire
- attacchi di panico con pianti, problemi a respirare e senso di irrequietezza
- problemi a mangiare/bere in pubblico, mi sento osservata, giudicata, di conseguenza ho paura di soffocarmi
- legame con mia madre burrascoso da qualche mese

Grazie.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 35,4k 847 56

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test