Attacchi di rabbia dopo sospensione depakin chrono

Buongiorno.


Ho sospeso da un mese la duloxetina 60mg un mese fa dopo aver curato il GAD per circa un anno e mezzo.

All'inizio ho avuto qualche effetto indesiderato ma ora sto bene e non ho più panico.


Assumo da 8 mesi anche il Depakin Chrono 500, una pastiglia e mezzo.


Tre giorni fa ho deciso di smettere l'assunzione perché non volevo prendere più nessun farmaco.

Ho sentito che il Depakin a differenza degli antidepressivi può essere tolto senza scalaggio.


Oggi dopo tre giorni senza assunzione ho avuto dei problemi con i colleghi che mi hanno fatto innervosire e ho abbandonato il posto di lavoro senza avvisare nessuno con una rabbia addosso immane.

Mi sono sentito davvero da TSO.

Fortunatamente sono riuscito a contenermi.


Questi scatti di rabbia così esagerati sono derivati dal fatto che ho stoppato il farmaco oppure da un disturbo dell'umore sottostante che va tenuto buono con esso?


Non mi è stata fatta la diagnosi di disturbo bipolare ma se smetto di prendere il Depakin a quanto pare impazzisco.


Cordialmente.


Mattia
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.1k 979 248
Ma ci sarà un motivo per cui lo prende, che non è il GAD evidentemente. Prima di programmare sospensioni, a parte che in generale è bene saperlo dal medico se è una cosa da fare o no, ma se neanche si sa il motivo per cui lo si assume, poi non si può neanche aver chiaro cosa implica il rimanere senza la cura.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

[#2]
dopo
Utente
Utente
Lo assumo per oscillazioni dell'umore, non ho una diagnosi di disturbo bipolare però. Quindi sicuramente non saprei dirle quale sia la causa in sé.
[#3]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.1k 979 248
" oscillazioni dell'umore, non ho una diagnosi di disturbo bipolare"

E quindi a quale ambito apparterrebbero se non a quello ? Curate con un farmaco indicato per quello.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

[#4]
dopo
Utente
Utente
Lo so, intendo dire che la mia psichiatra mi ha detto che non sono bipolare. Certo che poi ovvio che se perdo la testa come è successo due domande me le faccio.
Lei mi ha curato per il Gad perché avevo forti attacchi di panico e non riuscivo ad uscire più di casa. Poi dicendogli degli scatti di rabbia e di alcuni momenti di depressioni passate mi ha prescritto il Depakin. Ma alla mia domanda "sono bipolare ?" Mi ha risposto di no e che il Depakin si usa anche per i disturbi d'ansia.
[#5]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.1k 979 248
Quindi le dà il depakin a quella dose per il gad ? Ma non è così, glielo dà a partire dalla necessità di contenere la rabbia, e per la storia di depressione ricorrente.
In ogni caso, tornando al punto iniziale: sospende la cura e poi tornano le manifestazioni, per cui dove sta la stranezza ? Ma soprattutto, perché non si fa consigliare prima di avventurarsi in questo tipo di iniziative ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

[#6]
dopo
Utente
Utente
Nulla di strano effettivamente, non fa una piega. Ho sbagliato ovviamente a smettere di mia iniziativa.
Solo non pensavo di avere una grossa necessità di questo farmaco e che mi portasse fuori così tanto nel momento in cui avrei deciso di stopparlo. Dato che appunto mi è stato detto che non c'era necessità di scalaggio.
Quindi detto ciò vuol dire che ho una leggera forma di bipolarismo a questo punto, altrimenti non riesco a giustificare questa cosa.
[#7]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.1k 979 248
Ma non è il problema dello scalaggio (potrebbe essere anche quello, certo), ma il punto è il ruolo che quella medicina ha nella cura. Può darsi che sia dato per una forma di discontrollo degli impulsi, di quelle che non rientrano nei disturbi bipolari (esistono queste situazioni), però il concetto non cambia. Evidentemente non era un medicinale ad una dose minimale, il che poteva far supporre ad un "contorno" non importante, è dato a dose piena.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

Il disturbo bipolare è una patologia che si manifesta in più fasi: depressiva, maniacale o mista. Scopriamo i sintomi, la diagnosi e le possibili terapie.

Leggi tutto