Utente 218XXX
Salve Dottori, vorrei sapere a cosa serve scrivere un diario clinico, riportare i propri pensieri e scriverli per chi soffre di disturbo di personalità ossessiva? Grazie.

[#1]  
Dr.ssa Paola Cattelan

36% attività
0% attualità
16% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2011
Gentile Utente,
poichè immagino che tale compito le sia stato affidato dal suo psicoterapeuta, la invito a girare a lui la sua domanda.
Infatti questo "compito" è uno strumento tecnico che sta usando lo specialista a cui lei si è rivolta e solamente lui saprà spiegarle perchè e come lo vuole uilizzare.

Cordiali saluti.
Dr.ssa Paola Cattelan
psicologa psicoterapeuta
www.psicologiastudiop.it

[#2]  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
ogni specialista ha il proprio modo di lavorare, che solitamente è il frutto dell'orientamento di formazione e dell'esperienza personale.
Credo che servi a fare ordine mentale, ma sarebbe utile chiederlo a chi le ha suggerito questa strategia di lavoro, se si tratta di lei.
Saluti
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#3]  
Dr.ssa Antonella Allegrini

20% attività
0% attualità
12% socialità
IMOLA (BO)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2011
Non abbia timore nel chiedere al suo terapeuta quale è la finalità dello strumento che le ha suggerito di utilizzare.
Nell'ambito della psicoterapia è molto importante avere chiaro un obiettivo (esempio: lo stare bene) che si condivide con chi le sta affianco in questo percorso.
Dr.ssa Antonella  Allegrini

[#4] dopo  
Utente 218XXX

Ho chiesto al mio terapeuta e mi ha detto che serve a "sfiancare" il cervello, infatti mi fa compilare questo diario nel pieno della notte e infatti ho notato che durante la notte sono agitato invece quando scrivo mi addormento. Mi ha detto che sta avendo effetto perchè se mi addormento vuol dire che questi pensieri "fanno meno paura" quindi sono più gestibili.
Il problema è che mi ha diagnosticato un disturbo evitante e il doc, io invece gli ho detto che secondo me soffro di disturbo di personalità ossessiva.

[#5]  
Dr.ssa Paola Cattelan

36% attività
0% attualità
16% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2011
Lei è uno psicologo? oppure uno psichiatra?
Dr.ssa Paola Cattelan
psicologa psicoterapeuta
www.psicologiastudiop.it

[#6] dopo  
Utente 218XXX

No, però ho tutti i sintomi di disturbo di personalità ossessiva, precisa, molto rigido con me stesso, ordinato, attento ai dettagli, anche se molto molto meno rispetto a un tempo. Il terapeuta mi ha detto che ho dei tratti ossessivo ma no ho una personalità ossessiva, anche perchè sempre a detta sua, chi ha una personalità ossessiva non sa di averla perchè non ne vede un problema. Cmq lo scrivere mi sta aiutando, l'ansia è diminuita.

[#7]  
Dr.ssa Paola Cattelan

36% attività
0% attualità
16% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2011
Non si faccia autodiagnosi, perchè servono delle conoscenze un po' più approfondite (per esempio una laurea in psicologia) per farla, che non leggere un elenco su internet.

Al di là dell'etichetta diagnostica, mettere in discussione l'operato del suo terapeuta è un altro modo per cercare una scappatoia al cambiamento, cosa che fa sempre un po' paura.

Affinchè la sua terapia proceda, se si fida dello specialista che ha scelto, le suggerisco di non farne ulteriormente oggetto di richieste di consulti, ma di affidarsi alle cure del suo psicoterapeuta.
Dr.ssa Paola Cattelan
psicologa psicoterapeuta
www.psicologiastudiop.it

[#8] dopo  
Utente 218XXX

Dott. Cattelan, lei ha pienamente ragione, ma rimuginare e sentirsi dei falliti, non rientrano nel disturbo evitante, a lui l'ho detto più volte ma insiste nel dire che non soffro di disturbo di personalità ossessiva.

[#9]  
Dr.ssa Paola Cattelan

36% attività
0% attualità
16% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2011
Le è stata fatta una psicodiagnosi?
Dr.ssa Paola Cattelan
psicologa psicoterapeuta
www.psicologiastudiop.it

[#10]  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
non credo sia di fondamentale importanza che lei si faccia una diagnosi al fine di una guarigione, si fidi ed affidi a chi si sta occupando di lei.
Saluti
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#11] dopo  
Utente 218XXX

Gentile Dott. Cattelan, bhe seguo un terapeuta da 1 mese e mezzo, certo che mi è stata fatta una psicodiagnosi. Le porgo una domanda, è possible che un disturbo col passare del tempo si affievolisca, Le spiego verso i 15-16 anni ero molto piu ordinato, pignolo, collezionavo molte cose, rigido, ora che di anni ne ho 30 lo sono molto meno, certo alcuni tratti ci sono ma non credo di essere come un tempo.

[#12]  
Dr.ssa Paola Cattelan

36% attività
0% attualità
16% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2011
Se pensa che, attraverso i test e i colloqui svolti, le sia stata fatta una diagnosi errata, si può rivolgere ad un altro psicologo per chiedere un'altra valutazione diagnostica.
Così sarà più tranquillo.
Dr.ssa Paola Cattelan
psicologa psicoterapeuta
www.psicologiastudiop.it

[#13] dopo  
Utente 218XXX

Ma io con lui mi trovo bene, e dei migliramenti in poco più di un mese cie nno stati. sembrerà assurdo ma io non guidavo neanche l'auto invece ora la porto tranquillamente perchè è diminuita l'ansia e questo mi ha portato più serenità. Lui non seguet una terapia specifica anche se è una TCC però lavoriamo molto su ciò che gli porto in seduta, sui pensieri, le cose che non vanno