Utente 152XXX
Buonasera a tutti,

Sono un ragazzo di 24 anni e da circa due anni soffro di disturbi psicosomatici o almeno credo.
Due anni fa in seguito ad una forte paura durata sei mesi ( pensavo di aver contratto l'aids), la mia vita è fortemente cambiata.
Già da piccolo ricordo di essere sempre stato un soggetto un pò insicuro ma allo stesso tempo sempre con l'esigenza di essere al centro dell'attenzione. Vivevo con la non normalità di sentirmi omosessuale, mi piacevano i ragazzi e non le ragazze.
Sono sempre stato molto vanitoso e mi piacevo molto. A 19 anni trovai il mio primo amore, una storia durata due anni finita per troppi tradimenti ma io continuavo a stare bene. Fino a quando due anni fa ci fu un rapporto occasionale con un ragazzo e ebbi paura di aver contratto l'aids. Dopo mesi di forte ansia, mi decisi a fare le analisi e fortunatamente erano negative. pensavo che tutto sparisse e invece...forti sbalzi di umore, fobia sociale, mancanza di qualsiasi stimolo sessuale, forti dolori dorsali e cervicali, forte pressione agli occhi e alla testa...ho girato tantissimi medici, centri cefalee, fisiatra, psichiatra, risonanze magnetiche, tac, di tutto. Ad oggi da due anni convivo dalla mattina alla sera con questi dolori.
stranamente la gente dice che io ispiro serenità allegria, mi vedono una persona solare ma invece io dentro sto morendo, sfogo tutta la mia rabbia e tensione su me stesso con la paura che gli altri si accorgano di me...non mi guardo da mesi allo specchio, ho paura anche di vedere la mia immagine riflessa, mi fisso sulle borse sotto gli occhi(mai avute prima). Sto vivendo malissimo ma nonostante ciò sembra che lo mascheri bene. Ho fatto a lavoro un assesment con due psicologi per 9 ore e hanno valutato che io ho grandi livelli di leadership tantè che ora porto degli ottimi risultati in una nuova atttività di business manager. Svolgo il mio compito benissimo ma con enorme paura interna, non mi sento soddisfatto nonostante avrei pagato per avere un ruolo cosi... La gente mi corteggia, mi dice che sono un bel ragazzo ma io mi lusingo ma non ci credo piu. Eppure come ho fatto a nascondere uno stato cosi grave a due psicologi? sono malefico??:D.
Lo psichiatra mi ha prescritto varie cure che mi facevano solo stare a peggio...dropaxin, cipralex, elopram...le ha provate tutte ma niente...ora assumo un quarto di compressa solian da 200 mg e xanax all'occorrenza...ma niente...
ora due sono le cose o sono sfortunato che a 24 anni vivo di dolori muscolari da 80 enne oppure me li immagino...ma vi assicuro ci sono e sono anche forti e non vanno via nemmeno con il piu' potente analgesico.
Ho bisogno di trovare una strada perchè ho tanta voglia di riprendere in mano la mia vita e sentirmi libero da tutto ciò...
Aiutatemi vi prego.

Grazie per la pazienza e comprensione.
Saluti

[#1]  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile ragazzo, più di un anno fa ci avevi posto la stessa domanda e un Collega ti aveva suggerito una psicoterapia di tipo cognitivo-comportamentale o strategica.

Sei riuscito ad intraprenderla o ci sono state difficoltà? E di che tipo?
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2] dopo  
Utente 152XXX

Grazie dott.ssa per la celere risposta...

Per varie impedenze non l'ho fatta... non sono mai andato da uno psicologo...ma sto pensando di andarci...

Crede che mi sia utile? crede che possa risolvere i miei problemi per stare finalmente bene?


ha mai avuto casi come i miei che con la psicoterapia se ne sono liberati?

Ho bisogno di avere una spinta in piu...

Grazie per la collaborazione.

[#3]  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Ritengo che, quando la sofferenza si esprime sul corpo, non debbano essere ricercati gli aspetti somatici, correndo dietro a tutti i sintomi lamentati.
Bisogna semmai cercarne una possibile soluzione.
Il lavoro psicoterapico permette sia di lavorare sul sintomo, sia di lavorare sul disagio psicologico che genera e mantiene la sintomatologia.
Disturbi di questo tipo sono molto frequenti, dai disturbi d'ansia, a quelli più complessi.

Devo però avvisarti che più tempo aspetterai, più il disagio si rafforzerà.

Che cosa ti impedisce adesso di prendere questa decisione?
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#4]  
Dr.ssa Simona Muzzetta

20% attività
0% attualità
8% socialità
MILANO (MI)
SESTO SAN GIOVANNI (MI)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
a volte il pensiero rallenta l'azione.
Non pensi di voler risolvere il suo problema, metta in campo tutte le strategie possibili per affrontarlo.
Utilizzi ciò che conosce bene di certo. problem solving e decision making.
Le consiglio il sito www.aiamc.it, lì troverà un elenco completo dei terapeuti ad indirizzo cognitivo-comportamentale presenti nella sua città.

I miei migliori auguri
Dr.ssa Simona Muzzetta
Psicologa e Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale
Riceve a Milano e Sesto San Giovanni