Utente 244XXX
Buongiorno a tutti,
mi piacerebbe sapere il significato del disegnare nervosamente cuoricini e casette in un contesto di questo tipo: ho conosciuto una ragazza di 10 anni più giovane ( 36 io 26 lei ),ci siamo piaciuti ma lei era molto dubbiosa sul fatto di incominciare un rapporto per via di diversi fattori,l'età ( anche se non sembrava un problema ), la distanza ( lei Milano io Roma ),le diverse abitudini.
Dopo i primi incontri in cui io ero a Milano per lavoro sono tornato a Roma ma dopo una settimana sono tornato per rivederla e questa cosa l'ha sicuramente confusa. Durante la cena in un ristorante in cui c'erano a disposizione delle matite e una tovaglietta lei ha cominciato a disegnare cuoricini e casette stilizzate,in maniera piuttosto frenetica e si vedeva che non si sentiva a proprio agio come nei primi incontri. Tenendo conto dei successivi atteggiamenti e dei discorsi che abbiamo fatto sembra che lei sia attratta da un lato e voglia respingermi dall'altro per cui abbiamo preferito non continuare alcun tipo di relazione. Il mio dubbio è che lei ( che è in cura da uno psicologo ) volesse trasmettermi dei messaggi inconsciamente,quasi come fosse una richiesta di aiuto.
Mi aiutate a capire che significato può avere il suo comportamento?
Grazie
P.

[#1]  
Dr.ssa Flavia Massaro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2010
Caro P.,

non è possibile stabilire quale significato possano avere i disegnini che la ragazza ha fatto mentre eravate a cena assieme senza poterla interpellare per chiedere come si sentiva e cosa pensava in quella situazione.

Magari si tratta di disegni che fa spesso, e che non hanno a che vedere con lei e con il vostro incontro.

Come mai ha avuto il pensiero che potessero addirittura rappresentare una "richiesta d'aiuto"?

Sa per quale motivo è in psicoterapia?
Dr.ssa Flavia Massaro, psicologa a Milano e Mariano C.se
www.serviziodipsicologia.it

[#2] dopo  
Utente 244XXX

Grazie per la risposta dottoressa..
purtroppo non so di preciso perchè sia in psicoterapia,è piuttosto riservata sull'argomento anche se parlando mi ha fatto capire di conoscere la depressione,forse non sua ma di un famigliare.. oltre ai problemi oggettivi ( distanza,età ecc..) lei era molto dubbiosa per via di certe storie precedenti andate a finire male,con ragazzi che le promettevano mari e monti e dopo poco tempo,da alcuni giorni a pochi mesi,non si dimostravano più interessati ne appassionati.. io l'ho aiutata in questo presentandomi e parlandole di me come una persona "difficile" soprattutto nei rapporti di coppia e dandole quindi l'idea che iniziare una storia con me non avrebbe avuto risultato diverso dalle sue precedenti esperienze. Il suo comportamento però,se inizialmente era di chiusura,si è man mano allentato durante la serata: diceva sì che le piacevo ma non sentiva un sentimento come quello che provavo io,che avvertiva da parte mia un bisogno e un'urgenza che lei non provava,nel frattempo però si avvicinava sempre più fisicamente a me ( gambe incrociate l'uno sull'altro,mani nella mano,abbracci ) ed è stato molto difficile salutarsi tanto che ho dovuto prendere io l'iniziativa,anche se non avrei mai voluto visto che credo di essermi preso una bella cotta per lei. Ha cercato tante scuse per allontanarmi ma mai nessuna che riguardasse il mio IO a parte quanto detto sopra.
In definitiva la mia sensazione è che il problema non sia io ma stia in lei,in qualcosa che ha dentro e non riesce a tirar fuori,cosa che forse inconsciamente cercava di esprimere attraverso quei disegni.
Mi scuso per l'aspetto adolescenziale di questo consulto ma è una persona che mi piace molto e che non vorrei perdere solamente per una incapacità a leggere sotto le righe i messaggi che entrambi cercavano di dare l'uno all'altro.
Grazie per l'attenzione

P.

[#3]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
SIGNA (FI)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Non c'è bisogno che si scusi, ma l'impressione è che stia correndo un po' troppo, forse a causa di un coinvolgimento eccessivo e un po' prematuro.

La ragazza potrebbe non aver avuto tutti i torti, nel farle presente che "avvertiva da parte sua un bisogno e un'urgenza che lei non provava". I segnali di avvicinamento o allontanamento che le donne trasmettono, a volte, possono essere una specie di test, per vedere come reagisce l'uomo.

Perciò non tenti di analizzare troppo una persona che ha appena conosciuto, non sia troppo ansioso di voler far funzionare per forza un rapporto: se lo viva momento per momento, giorno per giorno e se non dovesse decollare avrà altre occasioni, così come ha avuto questa.

Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#4]  
Dr. Magda Muscarà Fregonese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
16% attualità
20% socialità
VENEZIA (VE)
VILLORBA (TV)
MESTRE (VE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
caro giovanotto," io l'ho aiutata presentandomi e parlandole di me come di una persona " difficile" soprattutto nei rapporti di coppia e dandole quindi l'idea che iniziare una storia con me non avrebbe avuto risultato diverso dalle sue precedenti esperienze.."non molto "traente" come strategia seduttiva ..
così lei si presenta, in una serata di reciproca anche se diversa attrazione..
e questo più la distanza , più aver avuto a che fare in qualche modo con la depressione , più le esperienze precedenti, negative, può aver messo in conflitto la ragazza, pur attratta da lei, anche se non follemente.
Per cui i disegnini, molto frequenti tra l'altro ( fiorellini, alberelli , casette e cuoricini anche) possono essere stati un modo per allentare l'ansia e l'incertezza e nonostante la comunicazione non verbale positiva la serata è finita come sappiamo..
Ci saranno altre serate, e altre storie come dice Santocito, certo è che forse è meglio problematizzarsi meno..
Le faccio molti auguri !
Dr. MAGDA MUSCARA FREGONESE
Psicologo, Psicoterapeuta,
approccio psicodinamico problemi familiari, adolescenza, depressione 348 55 00 206

[#5]  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
La distanza sia fisica che emozionale, sono tappe indispensabili per una relazione, volerle azzerare a volte crea disagi e meccanismi di fuga.
I disegni non devono obbligatoriamente significare qualcosa ed anche se avessero un significato, le suggerisco di non intrappolarsi nel meccanismo del salvataggio o di aiuto, la ragazza lo psicoterapeuta lo ha gia'.
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#6] dopo  
Utente 244XXX

Ringrazio di cuore per le risposte,volevo avere un'idea più concreta e meno emozionale di quello che mi è successo e devo dire che grazie al vostro aiuto ho conseguito il risultato.
Faccio i complimenti a tutti gli esperti che sono intervenuti e che frequentano questo sito per la disponibilità a discutere disinteressatamente di questioni come quelle che ho presentato.
Grazie
P.

[#7]  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Lieti di esserle stati d' aiuto
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#8]  
Dr.ssa Flavia Massaro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2010
Mi sembra che oltre a quanto detto sia utile commentare questa sua affermazione:

"è una persona che mi piace molto e che non vorrei perdere solamente per una incapacità a leggere sotto le righe i messaggi che entrambi cercavano di dare l'uno all'altro"

E' evidente che lei è molto attento ai dettagli, ma che rischia di perdere di vista l'insieme se tenta di scovare una risposta a partire da ogni indizio che può raccogliere.

Piuttosto che affidarsi ai messaggi impliciti e nascosti fra le righe, in caso d'incertezza le consiglio di dar credito alle parole e di esprimere verbalmente ciò che ha da dire e da chiedere a questa ragazza.

Decodificare segnali che possono avere significato diverso da persona a persona può portarla fuori strada, mentre la via della chiarezza è sicuramente più produttiva.

Le faccio tanti auguri, se vuole ci faccia avere sue notizie.
Dr.ssa Flavia Massaro, psicologa a Milano e Mariano C.se
www.serviziodipsicologia.it

[#9] dopo  
Utente 244XXX

Gentile Dott.ssa Massaro,
innanzitutto grazie per la risposta,alla quale volevo replicare semplicemente per dirle che da parte mia non ho lesinato certo parole e che anche le parole della ragazza sono state chiare. Probabilmente ho cercato dei segnali che mi dicessero il contrario ( la speranza è l'ultima a morire ) perchè non accettavo o non ero pronto a ricevere una risposta negativa visto il mio stato d'animo. Devo dire che le risposte molto franche e dirette che ho ricevuto in questo forum mi hanno riportato alla realtà ed ora valuto quel che è successo per quello che realmente è stato e non per quello che sentivo o speravo.
Grazie ancora per l'aiuto

P.