Mancato orgasmo

Salve,ho 34 anni e ho avuto il mio primo rapporto a 16 anni,sforzato.(non volevo per paura).ora ho 2 bambine . dal mio primo rapporto ad oggi con mio marito non riesco ad avere un orgasmo.mi saprete dire da che dipende? vorrei risolvere sto problema perche' devo dire che non ne ho proprio piu' voglia.anche solo se mi tocca mi da fastidio. perfavore aiutatemi .grazie
[#1]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 13,6k 298 182
Può dipendere da cause psicologiche, ma prima dovrebbe fare una visita ginecologica per escludere cause di altro tipo. Ha già parlato del problema al suo ginecologo?

Se non verranno riscontrati problemi medici, sarebbe il caso che ne parlasse con uno psicologo di persona. Potrebbe esserci una causa traumatica alla base, ma potrebbe trattarsi anche di una difficoltà nella relazione con suo marito. Magari può aggiungere qualche altro dettaglio.

Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#2]
Dr.ssa Franca Esposito Psicologo, Psicoterapeuta 7k 154
Gent.ma Signora,
L'anorgasmia puoo' avere diverse cause sia fisiche che psicologiche.
La persona che la puo' aiutare e' una psicologa psicoteraoeuta sessuologa con la quale avra' la possibilita' di comprendere le origini del problema e trovare una soluzione.
Cordiali saluti

Dott.a FRANCA ESPOSITO, Roma
Psicoterap dinamic Albo Lazio 15132

[#3]
Dr.ssa Paola Scalco Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 4k 92 43
Gentile giovane signora,
a distanza non è facile poterle dare una risposta certa: in tutto questo tempo non ha mai pensato di rivolgersi di persona ad uno/a psicologo/a? Non ha mai avuto l'opportunità di parlare di questa sua difficoltà almeno con un/a ginecologo/a?

Intanto sarebbe necessario differenziare le situazioni: non ha MAI provato un orgasmo in assoluto, o non ha provato orgasmi durante la penetrazione, ma con altri tipi di stimolazione sì?
Se le capita di praticare autoerotismo, come vanno le cose? Da sola ha raggiunto almeno qualche volta l'orgasmo?
Ha avuto altri partner sessuali oltre a suo marito, oppure no?
Dopo il primo rapporto un po' forzato a causa della paura, come sono proseguite le sue esperienze in questo ambito? Prova dolore? Sente di essere sufficientemente lubrificata? Sente di venir stimolata in modo adeguato? Vorrebbe che il rapporto avvenisse in modalità differenti?
Con il suo compagno c'è confronto e dialogo su questo suo disagio?

Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva e perfezionata in Sessuologia Clinica
cell. 3315246947-paola.scalco@gmail.com

[#4]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 316 668
Gentile Signora,
raramente esistono in cinica problematiche organiche correlate all'assenza dell'orgasmo, detta appunto anorgasmia.
Occorrerebbe effettuare una diagnosi clinica del suo disagio, per poterla dare una mano, ma via etere non si può fare.
Sarebbe importante sapere se non lo ha mai provato, se si con l'autoerotismo, se con una stimolazione clitoridea, se si conosce anatomicamente, emotivamente e sessualmente , come è il rapporto con suo marito, se suo marito ha disfunzioni sessuali, se prova dolore, se ha ricevuto educazione sessuale, se custodisce in memoria esperienza sgradevoli correlate alla sessualità, e tantissimo altro........
Le allego, qualche mio articolo, per approfondimenti.

https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/1620-orgasmo-femminile-i-10-ambiti-da-conoscere.html

https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/1221-mancanza-d-orgasmo-femminile-e-cattivo-utilizzo-dell-immaginario-erotico.html
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/815-assenza-di-orgasmo-nella-donnna-cosa-pensa-e-prova-l-uomo.html
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/150-orgasmo-femminile-vaginale-o-clitorideo.html

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#5]
dopo
Utente
Utente
Vi vorrei ringraziare per primo per il vostro consulto. Grazie ancora.
allora,ho avuto a 16 anni il mio primo rapporto forzato.ma dopo ho avuto 2 altri fidanzatini con cui ho avuto sesso.e anche li niente. quindi dal mio primo rapporto che non ho un orgasmo ansi non ho provato proprio niente.lo stimolo c'era e c'e' ancora solo che quando lo facciamo non provo nulla.devo dire anche che da ca 8 anni prendo il tavor 2,5mg (2 e 3/4 al di') e una di cymbalta da 60 mg al di.se dovrebbero essere i farmaci perche' prima di allora avevo lo stesso problema? e poi mio marito non sa' niente del mio disagio.credo che sia troppo tardi per dirlo.e in fine pensavo di risolverlo da sola ,ma niente da fare.a masturbarmi non ho mai provato e' una cosa che non fa' per me.quindi non so che fare.
[#6]
dopo
Utente
Utente
un'altra cosa scusate,se dovessi andare ad un ginecologo,che tipo di visita mi farebbe? e poi mi potrebbe aiutare con qualche farmaco oppure sempre che dovrei parlarne con un psicologo.
(il tavor e il cymbalta sono stati prescritti dal mio specialista psychiatra ,la causa si e scatenata alla perdita di mio padre)
mi sento persa e non so veramente che cosa fare.adesso saranno ca.6-7 mesi che non ho un rapporto con mio marito.non so' neanche cosa pensa di me. credo veramente di aver bisogno di aiuto,ma tanto aiuto.,
grazie ancora.
[#7]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 13,6k 298 182
Che lei abbia bisogno di aiuto è evidente, ma non deve sperare di riceverlo da qui. Disturbi come il suo possono solo essere correttamente diagnosticati e curati di persona.

>>> se dovessi andare ad un ginecologo,che tipo di visita mi farebbe?
>>>

Vuol dire che finora non è mai stata da un ginecologo?
[#8]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 316 668
Ginecologo e psicologo si occupano di luoghi corporei differenti, di funzionalita' e salute d' organo e di salute generale e sessuale in particolare.
La visita ginecologica andrebbe fatta ogni anno, come prevenzione, con eco vaginale e par test, ed a volte dosaggio ormonale.
Le difficolta' orgasmiche , vanno affrontate senza terapia farmacologica
[#9]
dopo
Utente
Utente
Certo che sono stata ad un ginecologo.la domanda >>> se dovessi andare ad un ginecologo,che tipo di visita mi farebbe?
>>>
e' rivolto al mio disagio.
scusate non avevo specificato.
[#10]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 316 668
Nessuna!
Il ginecologo con investiga l'orgasmo o l'anorgasmia, ma le eventuali flogosi, infiammazioni, anomalie che potrebbero compromettere la risposta sessuale.
Ha letto i miei link?
[#11]
Dr. Stefano Garbolino Psichiatra, Psicoterapeuta, Sessuologo 2,5k 36 3
Gentile utente,

tenga conto che l'utilizzo del cymbalta potrebbe essere responsabile della collateralità sessuale lamentata.

D'altra parte il motivo (cioè gli aspetti psicopatologici individuati e correlati con l'indicazione al trattamento farmacologico) dell'utilizzo dello stesso farmaco potrebbe di converso essere responsabile delle difficoltà nel raggiungere l'orgasmo.

In sintesi ritengo pertanto che sia nel suo caso importante una adeguata indagine della problematica lamentata attraverso un'analisi delle cause organiche (farmacologiche o psicopatologiche eventuali) e delle cause psicologiche (altrettanto eventuali) di tale disturbo.

Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#12]
Dr.ssa Roberta Cacioppo Psicologo, Psicoterapeuta 340 12 2
Gentile utente,
ci scrive che ha un'attività sessuale da quasi 20 anni, ma non è mai riuscita a raggiungere l'orgasmo: il suo attuale desiderio di superare questo problema è un ottimo punto di partenza, che necessita di progettare bene i passi successivi.

Una problematica che dura da così tanto tempo; verosimilmente peggiorata dall'utilizzo di determinati farmaci, ma comunque avente un'origine indipendente da essi; e che oltretutto si è inserita ed è proseguita nel suo attuale rapporto di coppia in maniera così pervasiva richiede molta cura per essere affrontata. Lei scrive inoltre di non avere alcuna attività autoerotica: probabilmente ha conosciuto il proprio corpo sessuato solo all'interno del rapporto sessuale, e questo può avere avuto influenze importanti all'interno dell'intera dimensione sessuale.

Si rivolga a uno specialista che possa aiutarla a progettare un piano di lavoro per affrontare questa sintomatologia, e cominci a entrare nell'ottica di coinvolgere suo marito in questo percorso... anche perchè normalmente questo tipo di problematiche ha componenti psicologiche individuali, ma anche relazionali di coppia.

Cordialità,

Roberta Cacioppo - Psicologa Psicoterapeuta Sessuologa clinica -
www.psicoterapia-milano.it
www.sessuologia-milano.it

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa