Disintossicazione farmaco xanax

Ho smesso ci colpo di prendere lo xanax...mi aiutate???
[#1]
Dr. Giuseppe Del Signore Psicologo, Psicoterapeuta 4,6k 51
Gentile Utente,

in che modo pensa di poter essere aiutato?
Che tipo di trattamento sta facendo e quale professionista le ha prescritto i farmaci?
Che tipo di diagnosi è stata fatta?
Come mai ha smesso di prendere il farmaco?
Ha iniziato un trattamento psicologico?




Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo, Psicoterapeuta
Specialista in Psicoterapia Psicodinamica
www.psicologoaviterbo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Sono sotto cura x disturbi d'attacco di panico...prendo 5 gocce la mattina e 5 la sera di xanax e il daparox 20...sono sotto cura da 4 anni...mi sento bene!!ho interrotto x non ne sentivo più il bisogno...solo che ho interrotto di botto e penso che sto entrando nella fase dell'astinenza...cosa devo fare
[#3]
Dr. Francesco Mori Psicologo, Psicoterapeuta 1,2k 33 33
Gentile utente,
l'astinenza è accompagnata da una serie di sintomi fisici, quelli relativi ai farmaci ansiolitici sono di solito i seguenti
1)aumento frequenza cardiaca, sudorazione.
2)aumento tremore alle mani
3)insonnia
4)nausea o vomito
5)allucinazioni transitorie
6)agitazione
7)ansia
Solitamente l'intensità di questi sintomi è più elevata se l'interruzione non è stata graduale.
In ogni caso al di là degli effetti fisiologici prodotti dall'astinenza (causati dal bisogno innescato dal suo fisico che si era abituato alla presenza del farmaco) è possibile che ci siano dei fattori psicologici in gioco nel suo stare male. Infatti è possibile che lei si senta smarrito senza l'aiuto farmacologico, innescando di conseguenza quell'ansia che ha superato e che ora le fa pensare di essere tornato indietro.
Un po' di "rimbalzo" (come si dice in gergo psichiatrico) dopo l'interruzione del farmaco è comune.

Restiamo in ascolto

Dr. Francesco Mori
Psicologo, Psicodiagnosta, Psicoterapeuta
http://spazioinascolto.altervista.org/

[#4]
Dr. Giuseppe Del Signore Psicologo, Psicoterapeuta 4,6k 51
Gentile Utente,

dovrebbe rivolgersi al medico che ha prescritto i farmaci e chiedere allo stesso quale può essere il modo più sicuro per interrompere la cura.




Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio