Sensazioni post ipnosi

Salve,
durante la prima seduta di ipnosi per tornare ad un periodo della mia infanzia ho sentito: forte ansia durante la seduta (tanto che il mio terapeuta l'ha sospesa, per fortuna se ne è accorto), senso di giramento di testa, senso di vuoto e buio intorno.

Al risveglio freddo e tremavo come una foglia, e ho pianto molto.
Sono ancora un po' scosso, ma l'ipnosi non dovrebbe lasciare una bella sensazione? Sono sintomi normali?
Grazie
[#1]
Dr. Francesco Mori Psicologo, Psicoterapeuta 1,2k 33 33
Gentile utente,
la terapia ipnotica di cui parla sembra essere di tipo "regressivo". Propriamente la bella sensazione di cui parla dovrebbe essere maggiormente legata a forme di ipnosi "rilassanti". La terapia con l'ipnosi regressiva spesso mira a far emergere aspetti rimossi, al di fuori della coscienza, sovente dolorosi per la persona.
In ogni caso provi a rivolgere queste domande al suo terapista, la persona più indicata a risponderle.

Restiamo in ascolto

Dr. Francesco Mori
Psicologo, Psicodiagnosta, Psicoterapeuta
http://spazioinascolto.altervista.org/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile dott. Mori,

è esattamente come dice: si tratta di ipnosi regressiva e stiamo cercando di tornare ad un momento traumatico della mia infanzia.
Nelle precedenti sedute di ipnosi rilassanti effettivamente stavo una favola, oggi a due ore dalla seduta continuo ad essere un po' con la testa per aria e un po' scosso/triste.

Magari è il prezzo da pagare per arrivare al bandolo della matassa... del resto il terapista è stato molto bravo nell'accorgersi di tutto e nel fermare con tempestività (ma non improvvisamente) lo stato.

Ho già chiesto, oggi stesso, dopo la seduta, se era tutto normale e la risposta è stata affermativa. Mi premeva sapere se effettivamente altre persone avevano provato lo stessa sensazione.
Avevo i muscoli così tesi che "pulsavano" istericamente dopo, per una buona mezzora... Spero di dormire stanotte :)

Grazie della risposta!
[#3]
Dr. Fernando Bellizzi Psicologo, Psicoterapeuta 1,1k 37 9
Gentile Utente,

l'ipnosi è una tecnica di esplorazione della mente.
L'ipnotista ha il compito di creare quella situazione e quell'ambiente tale nel quale l'esplorazione mentale possa avere luogo nel migliore dei modi.

L'ipnotista non è responsabile dei contenuti della Sua mente, ed il fatto che si sia accorto della Sua reazione non dovrebbe avvenire *per fortuna*, ma per *esperienza e competenza*.

Non sempre tutte le trance sono piacevoli... dipende da quali aree si vanno a stimolare e dal fine della seduta.

Certo, diventa un pò difficile capire cosa sia successo durante la trance, anche perchè bisogna sapere da chi si è fatta ipnotizzare e da quali accortezze sono state adottate per farLe fare l'esperienza in sicurezza.

L'ipnosi è uno strumento, e se il risultato è più o meno soddisfacente dipende dall'abilità di chi lo adopera.
L'ipnosi non è di per sè terapeutica, almeno non più di una sana dormita, per cui non basta l'ipnosi a generare benessere da sola, a meno che l'induzione non sia appositamente studiata.
Può anche succedere che chi l'adopera sia competente ed esperto, ed ecco che allora il contenuto che emerge, emerge sulla base delle necessità della mente del soggetto ipnotizzato.

Molto banalmente Le dico che alcune persone s'impressionano dell'ipnosi stessa, cioè della situazione ipnotica.

Come è stata preparata per la seduta?

Comunque visto che l'obiettivo della regressione era contattare il trauma, capisce Lei stessa la sensazione di agitazione è molto probabilmente legata al fatto che ha ricontattato il trauma.

Forse è necessario metterla maggiormente in sicurezza prima di confrontarsi nuovamente con quel vissuto.

Dr. Fernando Bellizzi
Albo Psicologi Lazio matr. 10492
http://www.ericksoniano.it/medicitalia/

[#4]
dopo
Utente
Utente
Beh, il mio terapeuta mi ha in cura da marzo ed è veramente all'altezza del ruolo che ricopre, non a caso molti dei miei problemi si sono risolti.
Per questo, oggi mi sono meravigliata. Ma il dott. Mori mi ha gentilmente spiegato la differenza tra ipnosi rilassante (che è quella che ho fatto finora, con splendidi risultati) ed ipnosi regressiva (fatta oggi).

Ovvio che il mio medico sa meglio di chiunque altro cosa sia meglio per il mio caso specifico.
Grazie mille!
[#5]
Dr. Armando De Vincentiis Psicologo, Psicoterapeuta 7,2k 226 108
gentile ragazza in caso di "ipnosi regressiva" è sempre un dovere ribadire che se essa è usata a scopi diagnostici ed esplorativi è soggetta a tutto quello che riporto in questi due articoli, li legga attentamente
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/3362-rapimenti-alieni-reincarnazione-abusi-li-scopriamo-davvero-con-la-regressione-ipnotica.html

https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1396-molestie-e-abusi-ipotesi-o-ricordi-quando-il-trauma-non-e-mai-avvenuto.html

saluti

Dr. Armando De Vincentiis
Psicologo-Psicoterapeuta
www.psicoterapiataranto.it
https://www.facebook.com/groups/316311005059257/?ref=bookmarks

[#6]
Dr. Fernando Bellizzi Psicologo, Psicoterapeuta 1,1k 37 9
Gentile Utente,

continui ad avere fiducia nel Suo terapeuta. Le osservazioni che Le ho fatto nascevano dal fatto che non aveva fornito questi dettagli importanti.

Comunque è normale che se si vanno a stimolare elaborazioni complesse ed importanti si verifichi una reazione emotiva che è proporzionale all'investimento emotivo.

Daltronde non avendo bene i dettagli si risponde o su problematiche generali o si danno risposte standard che vanno bene per casi generali e non specifici nel dettaglio.
[#7]
Dr. Fernando Bellizzi Psicologo, Psicoterapeuta 1,1k 37 9
Gentile Utente,

continui ad avere fiducia nel Suo terapeuta. Le osservazioni che Le ho fatto nascevano dal fatto che non aveva fornito questi dettagli importanti.

Comunque è normale che se si vanno a stimolare elaborazioni complesse ed importanti si verifichi una reazione emotiva che è proporzionale all'investimento emotivo.

Daltronde non avendo bene i dettagli si risponde o su problematiche generali o si danno risposte standard che vanno bene per casi generali e non specifici nel dettaglio.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio