Interruzione brusca di una relazione amorosa

Gentili Dottori,
ho interrotto circa un mese fa molto bruscamente una storia di 6 mesi e non riesco ancora a fare chiarezza in quello che sento. La storia era a distanza, io a Roma lei in Emilia. Ci si vedeva e si passavano dei giorni insieme. Poi lei parte per un viaggio di un mese e mezzo, viaggio già prenotato prima di conoscermi, durante il viaggio ci sentiamo sempre, soprattutto via messaggio. Mi chiede di prenotare un treno per venire a trovarmi,subito dopo il ritorno.Viene e rimane 5 giorni. Io ero molto impegnato per lavoro , le faccio presente la cosa, che non potrò dedicarmi completamente a lei, ma comunque comincio ad avere una certa fiducia nella relazione e quindi predispongo tutto per riceverla e accoglierla nel miglior modo possibile. Tra l'altro, anche io mi ero trovato nella stessa situazione da lei. Lei arriva, io sento un po di distanza dovuta all'assenza per il lungo viaggio in Thailandia. Ma sono felice di vederla. La maggior parte della giornata sono fuori casa ma la sera è per noi. Sono felice di rivederla e stare con lei. Gli ultimi giorni succede qualcosa che mi mette di cattivo umore e lei sembra totalmente ignorare il mio stato d'animo. Arriviamo ad andare a letto, io a dare la buonanotte e non ricevere risposta.Il giorno dopo la accompagno alla stazione ma l'addio è freddissimo. Dopo due giorni di silenzio io scrivo per ricevere spiegazioni. Lei mi dice che si è sentita trascurata, che io ero assente mentre stavo con lei, non la consideravo, lei non si è sentita a suo agio e non riusciva a confidarsi con me. Che addirittura io guardavo il TG a pranzo invece di parlare con lei. Al che ho deciso di troncare la relazione , dicendole che per me erano tutte scuse e che se si era accorta di non amarmi piu doveva dirmelo e non cercare di scaricare la colpa su di me. Io avrei continuato il rapporto ma ho chiuso per paura di legarmi ad una persona che non mi ricambia, in quanto in questi mesi si era creato,per me,un legame anche sentimentale di una certa forza. Lei dopo la mia chiusura non si è più fatta sentire, quindi io credo che il suo silenzio sia una sorta di assenso alla mia lettura dei fatti: cioè che lei non mi ricambiasse. Ora vorrei dimenticarla ma ancora non ci riesco. Perchè regalo e ho regalato tutta questa importanza ad un rapporto che si è concluso in modo cosi deludente?
[#1]
Dr.ssa Valentina Sciubba Psicologo, Psicoterapeuta 1,5k 29 9
Gentile utente,
forse la chiusura è stata un po' affrettata e non avete avuto il tempo e il modo di spiegarvi sufficientemente.
Anche il motivo della chiusura non sembra sufficiente a giustificarla.
Se comunque non riesce a dimenticare questa persona, è molto probabile che ci sia qualcosa di irrisolto che può essere molto pericoloso per la sua vita sentimentale.
Al riguardo le segnalo l'articolo al link:
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/2664-le-storie-sentimentali-non-chiuse.html

Cordiali saluti

Dr.ssa Valentina Sciubba
Psicologa Psicoterapeuta
Terapia Breve strategico-gestaltica
www.valentinasciubba.it - Roma

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottoressa, grazie per l'attenzione e per il suggerimento di lettura molto interessante. Da parte mia la verbalizzazione c'è stata: ho detto chiaramente che se lei dopo un viaggio di un mese e mezzo torna e dice di non essersi sentita a suo agio evidentemente non mi ama, non mi ricambia e quindi la storia era da considerarsi finita. Ho poi detto che avrei cancellato il suo numero e bloccato l'utenza facebook e questo ho fatto. Io penso, francamente, di non essere ricambiato e che, quindi, continuare il rapporto sarebbe stato pericoloso. Lei, questa ragazza,mi ha detto che molto spesso nella sua vita sentimentale veniva lasciata e poi questi partner tornavano. E ora anche io mi trovo in questa situazione. Beh, io non vorrei tornare. Vorrei rielaborare da solo la cosa e venirne a capo.La storia è stata chiusa bruscamente perchè ho avuto una fortissima paura di essermi legato alla persona sbagliata. E quindi la decisione è stata presa a seguito di questa , chiamiamola, intuizione. Lei pensa che dovrei riconttattarla per parlarci? Una persona che comunque mi dimostra indifferenza totale? Che non ha fatto nulla per salvare la situazione? Me lo sta dimostrando con i comportamenti che non ha interesse nei miei confronti. Secondo me devo accettare la situazione, che non mi aspettavo, in quanto,per tutta la durata del viaggio lei mi ha sempre scritto, chiedendomi poi di rivederla non appena sarebbe tornata. Devo,credo,elaborare e superare la delusione per aver scoperto che avevo investito tempo, energie e fiducia in un rapporto non valido,verso una persona confusa e ambigua, perlomeno nei sentimenti verso di me. Mi piacerebbe capire come fare...
[#3]
Dr.ssa Valentina Sciubba Psicologo, Psicoterapeuta 1,5k 29 9
Gentile utente,
non sarebbe corretto per molti motivi darle dei consigli che attengono a una terapia di coppia, anche se sui generis.
Non che sia necessaria una terapia di coppia, lei può autonomamente e anzi dovrebbe, a mio avviso, analizzare la situazione e decidere il da farsi, ma uno psicologo può molto aiutarla in questo compito che, in base alla mia esperienza clinica, non mi risulta affatto facile svolgere da soli.

Ho dato qualche indicazione nel post precedente, ma vedo che non le è sufficiente. D'altra parte uno psicologo ha bisogno di osservare e capire meglio le istanze e i comportamenti di ambedue i partner, anche se in questo caso quelli della sua ex sono riferiti da lei, prima di dare precise indicazioni, compiti, seguire strategie o fare quant'altro può essere necessario per la risoluzione del problema.
Cordiali saluti

Dr.ssa Valentina Sciubba
Psicologa Psicoterapeuta
Terapia Breve strategico-gestaltica
www.valentinasciubba.it - Roma

[#4]
dopo
Utente
Utente
Gentilissima Dottoressa, la ringrazio ancora per l'attenzione. E anche per il consiglio.Dovrò analizzare la cosa molto attentamente e decidere cosa fare.Deciderò anche eventualmente se chiedere aiuto ad uno specialista.
Purtroppo il dialogo si è interrotto con la persona in questione. Da parte mia per paura di soffrire, dall'altra parte non saprei. Grazie ancora.

Cordiali saluti.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test