Utente 510XXX
Buongiorno,
Sono una studentessa universitaria, da diversi mesi soffro di diversi sintomi che le analisi e la dottoressa hanno ricondotto a stress.
Le spiego, verso la fine di agosto ho iniziato a vedermi in viso pallida, con palpebre cadenti ed evidenti occhiaie.
Andando avanti nei mesi la cosa non è cambiata. All’inizio la dottoressa aveva ricondotto il tutto ad anemia, poiché mi alzavo stanca la mattina ed ero stanca tutto il giorno, quasi da non riuscire a fare nulla, se non dormire sul divano e leggere.
Ho fatto le analisi del sangue, non è risultato nulla, se non albumina a zero, che la dottoressa ha ricondotto a bassa assunzione di proteine, che in effetti per lo stress avevo quasi eliminato perché pensavo di avere bisogno di carboidrati e basta. Avevo spesso tic nervosi alla palpebra, per un mese quasi. Piangevo a caso per cose per cui non ce n’era bisogno, avevo crolli nervosi.
mi ha dato un energizzante e basta. Sono stata a varsavia una settimana col mio ragazzo e mi sono vista bene ogni mattino, viso rilassato, nonostante stessimo in giro molto con -13 gradi.
La stanchezza era sparita. Tornata a casa, la stanchezza resta comunque lieve, quasi assente, ma il viso è tornato a fare questi alti e bassi. Mi vedo brutta, cosa mai accaduta!
Anche riprendendo a fare sport la cosa non cambia. I giorni in cui mi vedo bene e rilassata sono pochi, rispetto a quelli in cui mi vedo con le somatizzazioni descritte all’inizio.

Non so cosa fare, ma questa cosa di vedermi così male mi disturba e stressa di più.

Cordiali saluti

Beatrice

[#1] dopo  
Dr. Armando De Vincentiis

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
MARTINA FRANCA (TA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
(..)verso la fine di agosto ho iniziato a vedermi in viso pallida, con palpebre cadenti ed evidenti occhiaie.(..)
sembra che questa stia diventando una sorta di ossessione, e considera questo stato del viso il campanello di allarme di qualche problema. Ma non è così.
Quindi è su questa sorta di "compulsione" al controllo che deve lavorare.
saluti
Dr. Armando De Vincentiis
Psicologo-Psicoterapeuta
www.psicoterapiataranto.it

[#2] dopo  
Utente 510XXX

Mi spiace, ma penso che non abbia ben compreso il problema. La compulsione al controllo è stata una conseguenza di uno stress estremo provato per via dell’università. Tant’è che le ho descritto anche il tic nervoso alla palpebra che ho avuto per un mese, così come quando ero in vacanza sono stata perfettamente.
In ogni caso, comprendo che fare una diagnosi così via internet sia abbastanza difficile.
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Armando De Vincentiis

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
MARTINA FRANCA (TA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
è un circolo vizioso non c'è un vero punto di partenza.
Dr. Armando De Vincentiis
Psicologo-Psicoterapeuta
www.psicoterapiataranto.it