Utente 546XXX
Salve, scrivo su questo sito perche vorrei un parere, ho letto vari consulti con problemi simili al mio e nessuno mi è sembrato soddisfacente, poiche la maggior parte dei medici consigliano di andare direttamente da uno psicologo/psichiatra (giustamente), ma ciò non mi è possibile. Senza dilungarmi troppo racconto dal principio: da bambina a 8 anni a distanza di 5 mesi le mie due nonne sono decedute, una di queste viveva nella mia stessa casa e quindi per me è stato un forte impatto. Inoltre sono stata influenzata dalle dicerie dei programmi televisivi e dai film di tipo catastrofico.. da qui i primi momenti di ansia, ma niente di che, paure infantili. Con il tempo crescendo queste paure sono rimaste sepolte ma sono emersi altri pensieri, tra cui la morte, poiche crescendo ho capito molte cose e sono anche atea. Il pensiero che la mia vita finirà mi pesa e mi da un senso di terrore, ma prima di febbraio questi pensieri non erano frequenti. Appunto a febbraio ho avuto il primo attacco di panico della mia vita, svegliandomi improvvisamente con il fiato corto e tachicardia. Per circa un mese quasi ogni notte questi attacchi erano frequenti e riuscivo a dormire 1 o 2 ore a notte, per poi pian piano placarsi, ora ho solo ansia in qualche momento della giornata, ma ho cominciato a pensare alla morte, alla mia vita piu frequentemente, mi sembra di stare in un sogno e di non vivere sul serio, non riesco a essere serena e godermi i momenti, la mia vita non sembra reale ed è come se fossi in un'altra dimensione e non nella realtà
Cerco di distrarmi in ogni modo ma quando cala la notte diventa piu difficile. Scusatemi per il lungo testo e grazie della pazienza. Aspetto con ansia un vostro consiglio. Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Armando De Vincentiis

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
MARTINA FRANCA (TA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
ah già letto questo?
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/3715-la-rimuginazione-ossessiva-come-risolverla.html

(...)la maggior parte dei medici consigliano di andare direttamente da uno psicologo/psichiatra (giustamente), ma ciò non mi è possibile. (..)
direbbe la stessa cosa se avesse un problema medico ad esempio al cuore?
Dr. Armando De Vincentiis
Psicologo-Psicoterapeuta
www.psicoterapiataranto.it
https://www.facebook.com/groups/316311005059257/?ref=bookmarks

[#2] dopo  
Utente 546XXX

La ringrazio per la risposta, ma se ho scritto qui è perche davvero non mi è possibile, soprattutto perche non ho un lavoro e quindi qui speravo di trovare almeno un minimo di aiuto, un consiglio da persone adulte e professionali, altrimenti perche esiste la sezione consulti su questo sito?