Utente 411XXX
Non so da dove partire. Sono un ragazzo di 26, con un lavoro fisso, anche socialmente molto elevato. La mia storia è la seguente: a 19 anni entrai ad un corso di laurea a numero programmato molto ristretto, dopo un anno decisi di smettere perché pensavo quel lavoro non facesse per, nonostante all'università ottenevo ottimi risultati. In seguito mi iscrissi a giurisprudenza, anche qui con ottimi risultati, ma al quarto anno riuscii z vincere un concorso pubblico, ed anche l'università la misi da parte. Ora da due anni faccio questo lavoro. Sono a 900 km dalla mia città, adesso come è successo per le mie precedenti esperienze passate stanno iniziando a sorgere i problemi. Mi sveglio la mattina già molto ansioso pensando che questa vita non è per me, che sento troppo la mancanza da casa, e che voglio cambiare lavoro dopo tutti questi sacrifici per arrivare fin qui. Possibile che ogni mia esperienza di vita lavorativa e formativa va sempre bene, e poi all'improvviso arrivano sempre queste ansie e mi convinco che ci siano dei problemi

[#1]  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
16% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

Lei chiede: "Possibile che ogni mia esperienza di vita lavorativa e formativa va sempre bene, e poi all'improvviso arrivano sempre queste ansie e mi convinco che ci siano dei problemi"

Sì, è possibile se una persona non è capace di gestire l'ansia che sente.

Ad esempio, lasciamo perdere le esperienze precedenti che ormai sono terminate, Lei adesso dice di avere problemi con l'attuale lavoro, sente la mancanza di casa, dal momento che vive a 900 km dalla Sua città e che sente l'ansia sin dal mattino.

Prima di prendere qualunque decisione, mi aiuta a capire meglio che cosa Le accade? Ha l'ansia per quale ragione?
Tornare a casa Le pare la decisione che Le permetterà di abbassare o eliminare il livello di ansia? Come?

Cordiali saluti,
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2] dopo  
Utente 411XXX

Non so se tornare a casa possa essere la soluzione, di certo casa, la mia città mi mancano tantissimo, vivo pensando ai giorni di ferie in cui tornerò. La mia preoccupazione é che tornando a casa sarei contento all'inizio e poi basta. Inoltre non me la sento di lasciare un lavoro a tempo indeterminato

[#3]  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
16% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
"La mia preoccupazione é che tornando a casa sarei contento all'inizio e poi basta."

Secondo Lei che cosa non La renderebbe felice a casa, dopo il primo momento di entusiasmo?
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#4] dopo  
Utente 411XXX

Il fatto di aver buttato a terra tutto ciò che ho ricostruito e ricominciare da zero, senza un lavoro

[#5]  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
16% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Proprio per questa ragione, a mio avviso vale la pena imparare a comprendere e gestire questi momenti che possono essere legati all'ansia.

Uno psicologo psicoterapeuta di persona può senz'altro aiutarLa, anche perchè il copione si ripete sempre.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica