Utente 550XXX
Mio padre è separato da vent'anni e ha una nuova compagna da 10. Hanno annunciato di volersi sposare entro l'anno e vivere insieme in una nuova casa che possa ospitare loro, i figli di lei ed eventualmente me e mia sorella. Mia sorella lavora fuori e sarebbe praticamente un'ospite, la figlia della mia matrigna studia fuori, restiamo il figlio di lei per ora disoccupato e io che sto finendo gli studi.
Ho già deciso che non voglio vivere con loro, e che quando si trasferiranno andrò a vivere da mia madre in maniera permanente (finora vivevo un periodo da uno e uno dall'altro), perché nonostante sia molto felice per mio padre, non mi sono mai trovata bene con la sua compagna e i figli di lei che trovo abbastanza rumorosi e viziati (e sospetto sia reciproco).
Sono sicura che la mia decisione lo ferirà molto perché scelgo di vivere con la donna che lo ha lasciato e sicuramente lo farà sentire rifiutato come genitore. Aggiungo che mio padre è una persona molto sensibile e a volte insicura, credo a causa dell'abbandono di mia madre. Allo stesso tempo non voglio neanche sacrificarmi e vivere con loro sapendo che non sarei serena.
In realtà non desidero altro che vivere per conto mio senza dovermi dividere tra "mamma e papà" come ho fatto praticamente tutta la vita e intendo stare da mia madre solo il tempo necessario per laurearmi e trovare il primo lavoro che mi consenta di vivere da sola.
Come preparare mio padre a una decisione che senza dubbio non gli piacerà?

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

dire
"scelgo di vivere con la donna che lo ha lasciato",
oppure più semplicemente
"scelgo di vivere con mia madre, la donna che mi ha messo al mondo." ?
Peraltro - aggiunge Lei -
"solo il tempo necessario per laurearmi e trovare il primo lavoro che mi consenta di vivere da sola."

Dove sta il problema?

Non c'è modo di "preparare mio padre a una decisione che senza dubbio non gli piacerà",

SE NON

evitando di prevedere che NON gli piacerà:
non evochi profezie che potrebbero autorealizzarsi.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria  BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologia Clinica, Psicologa europea.
www.webalice.it/centrodipsicologia