Ho una madre narcisista?

Buongiorno, sto scrivendo qui a causa di mia madre.

E' da un po' che ho cominciato a dubitare della natura del rapporto con mia madre e a notare il sul suo comportamento anomalo.
Ho sempre scherzato sul fatto che spesso sembrassi io l'adulta e lei la bambina.
Ha un carattere parecchio infantile (pensavo che fosse a causa del suo lavoro d'insegnante): è capricciosa, ricerca sempre attenzioni e se non le ottiene dice in tono lagnoso (a me e o a mio padre) che non la vogliamo bene e che quando morirà ci mancherà.
Non so se l'abbia sempre fatto, ma è un espressione che mi è molto famigliare e ormai ci ho fatto il callo.
Mi ricordo che quando ero ragazzina, se prendevo delle decisioni da sola, lei si arrabbiava e mi faceva sentire in colpa, ma si faceva sempre perdonare.
Adesso che ho 18, mi sto staccando da lei, credo sia normale, ma cerca di farmelo pesare dicendo che la sto lasciando.
Un'altra cosa che ho notato è che si riferisce alla mia futura carriera come se fosse di entrambe.
A volte, sopratutto quando beve troppo, si lascia andare.
Si mette a piangere dicendo che vuole che diventi una persona importante o che abbia successo nella mia carriera.
Dice spesso che è disposta a morire per me e che devo renderla felice.
Quello che ho scelto di fare mi piace, ma a volte sento il peso delle sue aspettative e mi sembra di poter solo andare avanti.
A volte ha questi periodi bui in cui sono costretta a farle da consulente già da un po' di anni.
In passato le davo dei consigli, ma l'unica cosa che faceva era continuare a lagnarsi.

Questa era la parte un po' più pesante della questione.
Mi sono accorta che di solito non fa altro che parlare dei suoi pregi, delle sue avventure e sparla molto di mio padre.
Dice che non ci vuole bene, che la sua è solo una facciata, che pensa solo ai soldi.
Io non so se sia vero, mio padre è un po' tirchio e con il tempo è diventato sempre più assente con me.
Ci sono periodi di alti e bassi, certamente, ma di solito tutte le discussioni tra loro sono incentrate su di me, su quanto costo.

Scusate se sono stata prolissa, ma ultimamente mi sono resa conto di avere molte lacune a livello relazionale.
Sono pessima nell'esprimere la mia tristezza, sia sola che in compagnia.
Manifestare affetto non è mai stato il mio forte, anche se mia madre è sempre stata una tipa da baci e abbracci anche con me, e ormai credo di non provarne affatto per nessuno.
Mi tengo tutto dentro e mi sembra di non provare più niente, salvo che poi tutte le mie emozioni negative esplodono.
Mi sento un peso per i miei genitori, una parte di me li detesta e mia madre non aiuta.
Mi chiede in continuazione se le voglio bene.
Io l'accontento, ma ogni volta che le rispondo che sì, le voglio bene, so che non glielo direi.
Una parte di me crede che stia esagerando, che sia tutto frutto della mia immaginazione, che dovrei essere felice di ciò che ho, che sono un' ingrata.
Mi chiedo se questi problemi derivino dai miei genitori o da me.
Avrei bisogno di un parere, grazie.
[#1]
Dr. Laura Izzi Psicologo 30 1
Gentile Utente,
da quello che racconta mi sembra che una cosa certa sia la sua sofferenza. Non so dirLe se sua madre possa avere un disturbo narcisistico di personalità, diagnosi a distanza non è possibile farne. Il fatto che Lei sia confusa su ciò che sente e prova comunque sia, è senz'altro fonte di malessere per Lei. Per capire meglio da dove deriva il suo malessere e come non esserne vittima dovrebbe affidarsi ad un buon professionista. Nel frattempo provi a cambiare ottica, da passiva vittima si inizi a considerare una persona originale e completa in grado di affrontare le sfide che la vita le pone e a cui. non manca la voglia di realizzarsi e trovare la propria strada. So bene che non è facile ma con l'aiuto di una persona preparata potrà farcela a lasciarsi dietro questo senso di colpa e questa confusione. Non sprechi tempo ed energie a ricercare colpevoli, Non cada nella tentazione di far del male a se stessa per farne ai suoi genitori. E' una battaglia in cui non ci sono vincitori.
Buona vita.
Dott.ssa Laura Izzi

Dr. Laura Izzi www.psicologabenesseretorino.it

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa